[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Contestata anche violenza su minore

“Mala Suerte”, la Polizia ricostruisce l’indagine su armi e droga ad Anzio

L'aula del Tribunale di Latina
L'aula del Tribunale di Latina

E’ stata un’udienza di quelle “pesanti” quella che si è tenuta questa mattina al secondo piano del Tribunale di Velletri, in assise collegiale davanti ai giudici Adele Durante, Fabrizio Basei e Fabio Mascetti Got nell’ambito del processo ‘Mala Suerte’. Nel processo sono imputati a vario titolo, per i reati di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio continuato di droga, ma anche estorsione, detenzione e porto illegale di armi da fuoco clandestine Pierluigi Guerra, Roberto Madonna detto Pecorino, Alessandro Di Napoli, Giorgio De Cupis, Angelo Pellecchia, a cui viene contestato un solo episodio, Pietro De Cesaris, detto Zì Pietro, Luigi Lalima detto Bacongo, Andrea Guerra fratello di Pierluigi. 

Ad essere ascoltata per prima è stato il tecnico delle intercettazioni telefoniche, che ha spiegato che tutte le intercettazioni erano precisamente assegnate, con nomi, cognomi e codici, in un solo caso, con un’intercettazione ambientale, non è stato impossibile identificare una delle persone intercettate. Quindi, a salire sul banco è stato l’Ispettore che, insieme ai colleghi della Polizia di Stato, ha coordinato ed eseguito tutta l’inchiesta, dalle intercettazioni alle perquisizioni, dalle indagini agli arresti e visionato ogni informativa e l’indagine nel suo complesso. Un lavoro lungo, certosino e capillare.

Il Pubblico Ministero ha avviato la fase iniziale della testimonianza, chiedendo conferma all’investigatore di tutte le intercettazioni (luogo, data e ora) che sono tate ritenute probanti per i reati contestati. Dopo di che si è cominciato a ricostruire l’indagine, punto per punto, con le deduzioni investigative di chi l’ha condotta. In un interrogatorio fiume l’esponente delle forze dell’ordine è partito dal principio per ricostruire una vicenda criminale di cui si è avuto notizia per caso.

In sostanza la Polizia ha avviato le investigazioni grazie a dei colpi di pistola esplosi fuori dallo studio di un fisioterapista neroniano nel mese di aprile del 2015. Diversi colpi calibro 7,65 (i bossoli sono stati rinvenuti sul posto) sono  stati esplosi da due persone a bordo di un T Max. Gli investigatori ritenevano che il licenziamento di un dipendente fosse la possibile causa del gesto ed hanno messo sotto controllo l’utenza telefonica dei familiari della persona indicata. Mentre nulla è emerso rispetto al singolo episodio intimidatorio, è stato chiaro agli investigatori fin dalle prime registrazioni, che le persone ascoltate erano dedite allo spaccio di sostanze stupefacenti, che acquistavano e vendevano armi e, infine è stata registrato anche un episodio di violenza su una minorenne figlia di una donna tossicodipendente residente ad Anzio.

La circostanza dello spaccio, nel racconto dell’investigatore, è stata più volte confermata da alcuni fermi strategici. In sostanza quando le persone intercettate davano appuntamento a dei clienti per lo scambio dello stupefacente, la polizia si appostava e successivamente fermava gli acquirenti, cui veniva sequestrata la droga consegnata sotto gli occhi della polizia. Spesso nel gergo della banda lo scambio di droga veniva indicato come scambio di pezzi di automobile. Uno stratagemma che non ha ingannato gli investigatori.

Dal controllo delle prime due utenze, quelle dei fratelli Guerra, Andrea e Pierluigi, a cascata sono state disposte le intercettazioni di tutti gli altri che mano mano entravano in contatto con i due già attenzionati, prima De Cesaris e De Cupis, poi Di Napoli,  Madonna Roberto, Palumbo Vincenzo, il numero fisso della Supercar srl, le compagne di alcuni dei testi su citati (alcuni di loro sono ancora agli arresti domiciliari).

“Nel corso delle perquisizioni effettuate al momento del blitz della polizia – ha sottolineato l’investigatore a capo delle indagini – sono stati rinvenuti tutti i telefoni intercettati in possesso delle persone poi fermate”.

Chiarito anche un episodio che ha visto protagonista Ernesto Parziale, parte lesa nel processo come vittima di tentata estorsione  (anche lui ha testimoniato oggi) in qualità di gestore della Pizzeria Antico Grottino di Anzio. Parziale al termine di una serata di lavoro sarebbe stato minacciato da uno degli indagati (già noto alle forze dell’ordine) con una pistola perché voleva del denaro. Parziale ha reagito, non ha pagato e non ha sporto denuncia sull’episodio. La polizia è venuta a conoscenza del fatto intercettando altri due indagati e, sulla base delle dichiarazioni, ha rintracciato il responsabile della minaccia (pistola compresa). Le armi sono un capitolo a parte, come le minacce e le estorsioni, anch’esso approfondito senza tentennamenti, così come le estorsioni alla Supercar.

Durante le precedenti udienze, a conferma del quadro investigativo, sono stati ascoltati anche altri testi, in particolare du acquirenti di droga che avevano accumulato debiti con gli spacciatori. Gli investigatori definiscono quindi ruoli, rapporti parentali (nello spaccio coinvolto anche Antonio Ruberti, zio dei fratelli Guerra) ma anche i luoghi frequentati dal gruppo (la zona di via del Pesci allo Zodiaco, il quartiere di Anzio Colonia, dove risiedeva un esponente di spicco del gruppo). Il Pm ha voluto chiarire dettagli e circostanze, episodio per episodio, comprese le estorsioni e le intimidazioni. Gli avvocati difensori hanno contestato il modello di interrogatorio. “Le intercettazioni le abbiamo lette tutti – hanno detto in aula – non è necessario ripercorrere tutto”, ma il Giudice ha disposto che il testimone fornisse il quadro di azione complessivo del gruppo. Il procedimento continuerà nelle prossime settimane per fare chiarezza sulle posizioni della difesa, in attesa del giudizio di primo grado alla fine della fase dibattimentale.



Articoli Correlati:

2017 La droga veniva dal sud America Narcotraffico, la maxi operazione di Finanza e Polizia tocca anche Anzio E’ stata scoperchiata la tratta della droga traItalia e Sud America dalla Guardia di Finanza ...
01/02 Un mare di cocaina tra Ardea ad Anzio Droga purissima e acquirenti infiniti, Francesco Guercio a capo dello Spaccio Una merce purissima, da vendere a una serie di acquirenti talmente ampia e variegata da ...
30/01 Traffico di stupefacenti Maxi operazione antidroga sul Litorale, 21 arresti tra Anzio e Ardea Una indagine difficile ed elaborata quella conclusasi questa mattina ad Anzio con 21 arresti, per ...
02/01 L'abitazione è stata distrutta Incendio in casa a due piani a via di Colle Cocchino ad Anzio, salvate due donne Dalle 15 di oggi nel comune di Anzio e, più precisamente in via di Colle Cocchino, ...
2017 Presa in pieno rotonda e un'altra auto Straniero ubriaco si ribalta sulla rotonda della Nettunense, due feriti Un cittadino straniero proveniente da Pomezia, alle 23 circa, mentre guidava sotto l’effetto di sostanze alcoliche, all’altezza ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18/02 1518989640 Unipomezia, la rabbia di Patron Valle: "pronto a lasciare, noi penalizzati"
18/02 1518989160 Serie D, Girone di Latina. Il Nuova Florida 5 mantiene la vetta
18/02 1518988560 Serie C1, Girone B. L'Atletico Anziolavinio continua a stupire
18/02 1518986880 Serie B, Girone E. La Mirafin non molla l'inseguimento alla vetta
18/02 1518986160 Femminile. Eagles Aprilia, che impresa contro la Roma!
18/02 1518985500 Serie D, Girone di Latina. L'Eagles Aprilia travolge anche la Macir Cisterna
18/02 1518984960 Terza Divisione, Girone C. E' una grande Volley Academy Pomezia contro Lanuvio
18/02 1518984120 Serie A2. Benacquista Latina, una beffa pazzesca nel Derby conl'Eurobasket
18/02 1518983520 Superlega, La Gi Group Monza conquista il PalaBianchini
18/02 1518982620 Serie A, a Pescara una scoppola senza precedenti dopo un buon primo tempo
18/02 1518975600 Albano, il Comune installa fototrappole contro gli incivili... ma le rubano
18/02 1518961920 Anziano trovato morto nella sua casa di Anzio, sul posto il medico legale
18/02 1518961740 Mostrano i genitali ai Giardinetti, adolescenti li inseguono e ne fermano uno
18/02 1518961680 Bocciodromo, la Enea fa ricorso al Tar contro il bando del Comune di Nettuno
18/02 1518961380 Latina, spacciatore arrestato al Nicolosi: addosso hashish ed eroina
18/02 1518960480 Cisterna, 21enne ruba alimentari dal supermercato e finisce a Rebibbia
18/02 1518944760 Sospiro di sollievo, ritrovato Davide, 15enne di Lariano sparito venerdì
18/02 1518943680 Latina, spaccio in bicicletta ai Giardinetti: in arresto un richiedente asilo
17/02 1518886800 Con la pala alle Grotte di Nerone ad Anzio per pulire, Salvini colpisce ancora
17/02 1518886680 L’Associazione commericianti Anzio centro si amplia, il 20 tutti a Villa Sarsina
17/02 1518885540 Velista dell’anno, Maria Vittoria Arseni di Anzio passa alle semifinali
17/02 1518882240 Prodotti scaduti rietichettati: maxi sequestro dei Nas in un deposito di Aprilia
17/02 1518880440 Imbrattatori ancora in azione a Latina, stavolta alla targa di Peppino Impastato
17/02 1518879960 Accusa ex moglie e nuovo compagno di abusi sessuali sulla figlia, ma era falso
17/02 1518876660 Viaggio della memoria, gli studenti di Sermoneta raccontano le loro esperienze