[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Un mondo ancora sommerso

Rischi, fatica e concorrenza al ribasso: cos'è la logistica a Santa Palomba

Quello della logistica probabilmente è il comparto che rappresenta il futuro dell'area industriale di Santa Palomba. Negli ultimi anni in un raggio di pochi chilometri decine di capannoni sono spuntati come funghi, e con loro camion colmi di merce che dai container partono alle prime luci dell'alba per rifornire supermercati e aziende di tutto il Lazio. Nei magazzini lavora un turbinio di operai, autisti, uomini di fatica. Per la maggior parte sono stranieri: di solito rumeni, bulgari, indiani e pakistani. Come nel capannone dove, ormai quasi un mese fa, un operaio indiano di appena 20 anni è stato travolto da un carrello elevatore e ha rischiato di perdere una gamba, salvata solo grazie alla caparbietà dei medici di un policlinico romano. Un incidente che ha profondamente scosso i colleghi, molti dei quali non parlano italiano, non hanno idea di cosa sia un sindacato e, per comunicare, si affidano a un “capogruppo” che qualche parola la sa scandire. «Oggi alcune decine di loro si sono iscritti alla Cgil», ci racconta con una punta di orgoglio Stefano D'Andrea, il primo sindacalista che ha messo piede in quel capannone il giorno dell'incidente. «Dopo quel fatto abbiamo avviato dei colloqui con la cooperativa per l'applicazione del contratto del comparto. Devo dire che si sono dimostrati collaborativi».

CONCORRENZA SULLA PELLE DEGLI OPERAI
La rapida espansione di questo settore porta con sé una serie di fenomeni che lo rendono difficile da inquadrare. Uno di questi sta proprio nei contratti che gli operai firmano al momento dell'assunzione. I lavoratori sono praticamente tutti inquadrati nelle cooperative, che vivono e prosperano in un regime legale a se stante: non solo possono regolare una serie di ambiti chiave della vita lavorativa tramite regolamenti interni (ad esempio la malattia, i termini di pagamento, i rinnovi dei contratti a tempo determinato), ma non c'è nemmeno un unico contratto di settore a cui fare riferimento per assumere gli operai. Quelli in uso sono due e uno (quello solitamente preferito durante le gare d'appalto) prevede un trattamento retributivo inferiore di circa 300-400 euro. Secondo la Cgil, che insieme a Cisl e Uil promuove l'altro tipo di contrattazione, si tratta di una sorta di concorrenza sleale interna di cui solitamente i lavoratori non sono consapevoli.

LA PREISTORIA SINDACALE
Seppure con colpevole ritardo, il lavoro che i sindacalisti stanno facendo nel nostro territorio è proprio quello di prendere contatto con gli operai per informarli che potrebbero ottenere condizioni contrattuali migliori. «Abbiamo fatto corsi di formazione organizzati dal sindacato, abbiamo imparato a leggere la busta paga e ora sappiamo quali sono i nostri diritti», spiega un operaio rumeno di una cooperativa che lavora a Santa Palomba. Ci racconta che era tra quei lavoratori che ormai più di due anni fa si sono messi in mezzo alla strada a fermare i camion, chiedendo condizioni lavorative migliori. Loro ci sono riusciti, ma tanti colleghi di altri stabilimenti ancora sono molto indietro. Ad esempio possono ancora essere lasciati a casa da un giorno all'altro, per mesi, senza lavorare e senza essere pagati. Si chiama “sospensione non retribuita”. «Spesso – spiega D'Andrea – per certe cooperative diventa un modo per mettere alle strette i lavoratori più battaglieri, e di solito ci riescono».

IL REFERENDUM
Uno dei due quesiti del referendum proposto dalla Cgil riguarda le gare d'appalto, e ha molto a che vedere con le cooperative di cui parliamo. «Quando cambiano gli appalti – spiega Stefano D'Andrea – non c'è nessuna clausola che imponga alla nuova cooperativa di assorbire gli operai già impiegati in quello stabilimento». In poche parole, oggi non esiste la cosiddetta clausola sociale, che eviterebbe che i lavoratori possano essere mandati a casa da un giorno all'altro. «Perché gli conviene assumere noi? – commenta un altro operaio – Perché siamo veloci, siamo abituati a quel tipo di mansione, gli faremmo risparmiare tempo e denaro». E allora perché non riprenderli? «Perché applicare la clausola sociale significa anche dover garantire lo stesso trattamento contrattuale», spiega con semplicità il sindacalista della Cgil. Insomma, alla fine non conviene. «Ma il referendum potrebbe cambiare le cose – aggiunge – peccato che nessuno ne parli».



Articoli Correlati:

2017 Presidio di protesta a Santa Palomba Pomezia, nuovo appalto in casa Wind: 60 lavoratrici della logistica a rischio Un cambio di appalto dopo 15 anni rischia di strappare il posto di lavoro a...
23/04 Santa Palomba, via Torre Maggiore Pomezia, principio di incendio su un capannone a pochi metri dai serbatoi di gas I vigili del fuoco sono in azione in via Torre Maggiore a Pomezia, in zona...
31/03 Pomezia-tra prostituzione e microcrimine La Polizia passa al setaccio la zona intorno alla stazione di Santa Palomba La Polizia di Stato del Commissariato di Ostia ha effettuato la notte scorsa un massiccio...
05/03 Previste dalla Giunta Due nuove farmacie comunali a Pomezia: a Santa Palomba e Campo Ascolano Sono previste a Santa Palomba, nella zona della stazione, e a Campo Ascolano le due...
25/01 In stazione e a Santa Palomba Polizia Locale nei quartieri, intensificati due presidi a Pomezia Da lunedì 29 gennaio prossimo una pattuglia della Polizia Locale presidierà il quartiere di Santa...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/05 1526832960 Serie B. Mirafin da sballo: 6-1 al Pratola nel penultimo atto dei Play Off
20/05 1526828820 Petrocchi cardinale: il messaggio di auguri del Vescovo di Latina
20/05 1526827140 Recuperata al Poligono di Nettuno tartaruga marina ferita la salvano i pescatori
20/05 1526814000 Quattro colpi di pistola contro l'auto del comandante dei Carabinieri
20/05 1526813400 Grande partecipazione dei sub volontari al centro nautico di Nettuno
20/05 1526812200 Minorenne ruba una spada giapponese da un'abitazione: denunciato
20/05 1526804880 Ladri di ruote di Smart fuggono contromano sulla Colombo, arrestati
20/05 1526803740 Ardea, iniziata l'operazione di pulizia delle aree archeologiche
20/05 1526802660 La diciottesima passeggiata dell'amicizia del centro anziani: l'evento il 22
20/05 1526801940 Rock per Un Bambino 10: raccolti 17.250 per il Bambin Gesù
20/05 1526801820 In scena la prima rassegna dei laboratori di teatro antico all'Anfiteatro Romano
20/05 1526792400 Pugliese il pentito svela i retroscena di Arpalo
19/05 1526741760 Auto sul guard rail chiusa a chiave e abbandonata: la Polizia locale indaga
19/05 1526741580 La lista del sindaco di Bassiano riammessa alle elezioni comunali del 10 giugno
19/05 1526740200 Pitbull incustodito semina il panico ad Anzio, il padrone multato dai vigili
19/05 1526740140 Monumento al Pescatore, il Sindaco: “Anzio nasce e vive intorno al suo mare”
19/05 1526740020 Estate Nettunense, la Pro Loco Forte Sangallo incontra le Associazioni
19/05 1526732880 La politica di Nettuno si riorganizza per il dopo Casto, fermento nei partiti
19/05 1526724300 Minaccia l'inquilino con una pistola per farsi pagare l'affitto di casa
19/05 1526722380 Rubavano auto di lusso a Roma e le scomponevano in un capannone a Frascati
19/05 1526720700 Frascati, Chef Rubio sarà presente alla prima edizione della Festa delle Scuole
19/05 1526720520 Al via le attività della fondazione Città di Terracina
19/05 1526719740 Anche ad Ardea stasera la Notte dei Musei: concerto della Old Dixie Swing Band
19/05 1526718660 Ai domiciliari per droga: violenze e minacce a familiari e condomini. In carcere
19/05 1526717520 Velletri, parte al carcere il progetto "Cani Qui....Dentro?": la presentazione