[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ora si farà chiarezza?

"Affittopoli" romana: lo scandalo arriva a Pomezia. Canoni da 7,75 euro al mese FOTO

<
>
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Romani di 'serie B'?
Romani di 'serie B'?

L’indagine su Affittopoli a Roma si allarga e arriva fino a Pomezia, ma anche nel resto della provincia, fino ad Aprilia. Stiamo parlando di case acquistate dal Comune di Roma e date in locazione con affitti che spesso non superano i 7 euro e 75 centesimi al mese. Si tratta di mini appartamenti, è vero, inseriti in contesti non certo di pregio, ma comunque sono cifre irrisorie, soprattutto per la Capitale, che si trova ad affrontare un buco finanziario – per quanto riguarda gli alloggi popolari – stimato in 100 milioni di euro l'anno. E così il Comune di Roma non ha i soldi nemmeno per effettuare la manutenzione di quegli alloggi: in realtà si è proprio dimenticato di questi cittadini, come se fossero di ‘serie B’.

UNA STORIA CHE PARTE DA LONTANO
La storia è cominciata addirittura negli anni ‘90, quando, Sindaco Rutelli, a Roma c’era un enorme problema dovuto alle tante famiglie in emergenza abitativa, cioè senza casa, e all’alto costo di case nella Capitale. Questa ‘grana’ aveva portato i brillanti amministratori capitolini alla altrettanto brillante idea di acquistare case in provincia, dove costavano molto meno, e farci "emigrare" quelle famiglie indigenti. Tutto questo naturalmente senza nemmeno avvertire i Comuni che nel proprio territorio sarebbero piovute una rilevante quantità di persone bisognose di assistenza.
 
BISOGNOSI E DIMENTICATI
Rutelli, Veltroni, Alemanno, Marino... i Sindaci si sono succeduti al Campidoglio, ma il problema non l’ha voluto mai nessuno affrontare davvero.
Li hanno parcheggiati lì, facendo tra l’altro ricadere tutti gli oneri sui Comuni dove sono ospitati. Il concentramento poi di tante famiglie con difficoltà economiche e sociali ha creato dei veri e propri ghetti, dove diventa anche difficile far rispettare la legalità e le prime ad essere danneggiate sono proprio le famiglie oneste che abitano in questi appartamenti. In alcuni casi, sono stati accertati anche allacci abusivi alla rete elettrica condominiale, così che la ‘furbizia’ di pochi ricade poi sulle tasche di tutti. E con Roma sempre più latitante, per ridare la luce alle case sono dovuti intervenire in soccorso i Comuni che ospitano questi romani dimenticati. In altri casi, gli assegnatari di un alloggio popolare hanno subaffittato oppure hanno lasciato l'appartamento, che poi è stato a sua volta occupato abusivamente. 
Molti romani in trasferta hanno poi deciso di prendere la residenza ufficiale nel Comune dove sono ospitiati e questo ha appesantito anche gli oneri a carico dei servizi sociali locali. Anche in questo caso Roma si è resa latitante.  

CI VOLEVA IL COMMISSARIO
Ora sembra che, finalmente, qualcuno metta mano a questa situazione insostenibile. Immensa la mole di lavoro per i tecnici del commissario straordinario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca, che, con due task force, tenterà di stanare il patrimonio non censito. «Questa volta dobbiamo andare fino in fondo - è la sfida del commissario che ha preso questa partita davvero seriamente -. Perché — spiega Tronca — lo dobbiamo ai romani e ai dipendenti dell’amministrazione: dobbiamo far vedere che certe cose si possono fare se si vogliono fare. Sono stupito — continua il prefetto — del fatto che non ci fosse neanche un censimento completo degli immobili. Ora — assicura Tronca — gli accertamenti saranno velocissimi». Si cercherà di scovare eventuali abusivi o privilegiati, ma anche i morosi, che, nonostante canoni irrisori, non hanno pagato nemmeno quelli. Tutte le verifiche del caso sono state affidate alla Guardia di Finanza. Terminato il maxi-censimento, la Corte dei Conti si troverà a dover calcolare il danno patito dalle casse del Comune per la pessima gestione del suo sterminato tesoro immobiliare. A rischiare di più sono soprattutto i dirigenti del Comune di Roma, cioè coloro che avevano la responsabilità di gestire emergenza sociale e patrimonio: ora rischiano di finire davanti ad un giudice e perdere il posto. Naturalmente se la scampano i politici, cioè gli ideologi di questo scandalo.

 

A Pomezia affitti da 7,75 fino a 1.302 €
Gli appartamenti di proprietà del Comune di Roma situati nel territorio del comune di Pomezia sono ben 215. Sono localizzati in strade piuttosto centrali: 121 appartamenti sono in Via Federico Fellini, mentre gli altri 94 sono in Via Catullo. Gli importi degli affitti abbracciano un’ampia forbice: 74 famiglie pagano 7,75 euro al mese. Quelle che pagano sotto i 50 euro sono 113. Altre 31 famiglie corrispondono un canone mesile compreso tra i 50 e i 100 euro; 49 famiglie tra i 100 e i 300 euro; 10 famiglie tra i 300 e i 500, altre 10 tra i 500 e i 1.000. Piuttosto cari gli affitti di 2 appartamenti in via Federico Fellini, dove viene imputato un canone di 1.056 e 1.302 euro al mese. Naturalmente le statistiche non tengono conto dei metri quadri degli appartamenti, né tantomeno specificano chi poi abbia pagato regolarmente e chi sia moroso.
 


Articoli Correlati:

2015 Secondo incontro con i sindacati Pomezia, la proposta: canone concordato degli affitti per le riduzioni IUC E’ previsto per il prossimo 23 giugno l’incontro tra l’Amministrazione comunale di Pomezia e le ...
2015 Bisogna interrogarsi sui motivi 200 € per affittare casa ad Ardea, a Pomezia il doppio. Un segnale da cogliere La periferia di Ardea è la zona più economica per quanto riguarda gli affitti. E' ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:10 1524733800 Detenuto dà in escandescenza: il sindacato chiede personale specializzato
10:07 1524730020 Neonata venduta: rinviato a giudizio il presunto mediatore
09:45 1524728700 25 aprile, grande festa a Pomezia per la Fondazione della città
09:12 1524726720 Prostitute in hotel ad Aprilia, condanne ridotte in Appello a 30 anni totali
08:52 1524725520 Barzelletta Roma-Latina: gara 'congelata' in attesa di altre indagini
08:42 1524724920 Cani, vip e buon cibo sulle sponde del lago di Castel Gandolfo
08:38 1524724680 Rischio siccità, l'appello del consorzio agro pontino: uso consapevole di acqua
08:30 1524724200 Il 6 maggio ottava edizione della manifestazione musicale di cori Poliphonica
08:17 1524723420 Dario Salvatori e Chiara Chialli ospiti ad Aprilia: conferenza e cena spettacolo
08:14 1524723240 Il Cristo del Circeo torna in acqua dopo il restauro
08:13 1524723180 Taglio del nastro alla XXXIII edizione della Mostra Agricola Campoverde
08:03 1524722580 Multe Portonaccio, il Comandante dei Vigili di Nemi segnalò le irregolarità
08:00 1524722400 Giuseppe di Lelio: l’atleta e scultore disabile verso le Olimpiadi di Tokyo
07:58 1524722280 Troppe bestemmie e parolacce: vietato per un mese il gioco delle carte
07:57 1524722220 Il 25 aprile di Latina, Coletta: «Non c'è libertà senza partecipazione»
07:52 1524721920 A fuoco un deposito di documenti cartacei a Pomezia: dubbi sulle cause
25/04 1524676860 Il Sindaco Anzio Bruschini ricorda commosso Battistini tra gli applausi
25/04 1524676740 Crisi a Nettuno, vertice con il consigliere regionale Corrado a casa del Sindaco
25/04 1524675780 Alla guida di un furgone ad Anzio senza patente e assicurazione: denunciati
25/04 1524655020 Anche le scuole locali partecipano alla XXXIII Mostra Agricola Campoverde
25/04 1524654300 L'Istituto Lelia Caetani aderisce ai progetti contro gli abusi sui minori
25/04 1524652740 Anche il gruppo storico Lavinium dell'ass. Tyrrhenum partecipa al Natale di Roma
25/04 1524652320 Violentò una giovane albanese nel 2006, arrestato un connazionale 40enne
25/04 1524651300 Trovati con 4 pc rubati dalla scuola Don Bregazzi, denunciati per ricettazione
25/04 1524651000 Cinque chili di droga, armi e cartucce: due giovani arrestati