[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Soluzioni geniali... ignote al Comune

Latina, nuovo sabotaggio del porta a porta. È scontro in Comune FOTO

<
>
LATINA SCALO - La presunta ?isola ecologica? nel degrado
LATINA SCALO - La presunta ?isola ecologica? nel degrado
LATINA - A novembre situazione esplosiva
LATINA - A novembre situazione esplosiva

Ma chi lo decide quanto, e con quale durata, un’amministrazione comunale debba far pagare ai cittadini il costo per lo smaltimento dei rifiuti, in particolare di quelli indifferenziati? Soprattutto se per legge doveva essere raggiunto sin dalla fine del 2003 il 50% di raccolta differenziata e dal 2012 il 65%, mentre oggi non si arriva neanche al 35%? Nello specifico, quando tale costo viene stabilito con un proprio atto, senza confrontarsi con nessuno, da un Dirigente comunale che già deve spiegare molte cose su come ha controllato la gestione del servizio in passato? Questa è la sostanza dello scontro in atto tra il Commissario straordinario del Comune di Latina, Giacomo Barbato, e la Dirigente del Settore Ambiente dello stesso Comune, Grazia De Simone. Un braccio di ferro che vede come terzo interlocutore, molto incomodo a quanto pare, la società RIDA Ambiente di Aprilia attiva nel settore dell'immondizia. 

IL PRIVATO DETTA LEGGE?
Nei giorni scorsi il rappresentante legale di questa società ha inviato
all’amministrazione comunale del capoluogo pontino una serie di diffide perché non era ancora stato sottoscritto dal Commissario quanto stabilito dalla Dirigente di propria iniziativa, alla vigilia dello scorso Natale: cioè continuare a conferire alla RIDA Ambiente (che li separa e li trasforma anche in materiale da incenerire) i rifiuti indifferenziati raccolti attualmente dalla Latina Ambiente, fino alla fine del 2018. Analoghe determinazioni sono state adottate anche per prorogare strani contratti di servizio: tipo quello delle “bonifiche” (rifiuti abbandonati o lasciati fuori dai cassonetti). Anche ai non addetti ai lavori però la decisione della De Simone appare alquanto curiosa perché, aderendo ad una sorta di offerta promozionale della RIDA (lo stesso prezzo per allungare il contratto a 3 anni, quasi si trattasse di comprare patate) e malgrado si stia andando verso la raccolta differenziata con il sistema “porta a porta” nell’intero Comune, la Dirigente ha indirettamente stabilito che a Latina per tutto il 2016 si supererà di poco il 40% di differenziata; infatti prevede di conferire alla RIDA 40mila tonnellate di rifiuti indifferenziati sulle 70mila complessive prodotte in media annualmente. 

INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO?
Secondo la stessa determina della De Simone, solo nel 2017 e 2018 si dovrebbe arrivare finalmente alle percentuali imposte per legge da anni, ma il punto è un altro. Questa decisione in tre anni costerà ai cittadini di Latina altri 11 milioni di euro, impegnando in tal senso anche la prossima amministrazione che uscirà dalle urne alla fine giugno. Il fatto che la RIDA oggi minacci di chiudere i cancelli ai camion della Latina Ambiente perché ancora non è stato firmato tale contratto, è a tutti gli effetti un ricatto inaccettabile: giustamente è stato fatto notare dal Commissario Barbato che l’iniziativa è a tutti gli effetti un’interruzione di un servizio pubblico, con le conseguenze penali che ciò comporta. Pochi i dubbi quindi sul fatto che ha ragione da vendere il Commissario che, tra l’altro, sulla questione Latina Ambiente ha fatto il perno di tutto il suo mandato. 

FIUME DI SOLDI PERSI
Ormai sfugge solo ai creduloni e a chi non vuole vedere la realtà, il fatto che l’amministrazione comunale di Latina, intesa come apparato
burocratico-dirigenziale e parte politica, ha fatto pagare negli ultimi venti anni una montagna di soldi ai suoi cittadini, tra l’altro illegittimamente, per smaltime quei rifiuti che la sua partecipata Latina Ambiente non ha voluto differenziare così come prevedeva la legge. Se fosse stato applicato da subito il decreto legislativo 22/97 (cosiddetto decreto Ronchi), cioè da quando la Latina Ambiente neppure esisteva, ci sarebbero stati consistenti risparmi gestionali e bollette ben più leggere per i cittadini. Un esempio? In tutta Latina, con la separazione a monte (non a valle, come si fa portandoli alla RIDA) di plastica, vetro, allumino e acciaio (le scatolette di tonno e pelati), cioè dei materiali più facili da recuperare, nel solo 2015 ci sarebbe stato un introito di circa 1,5 milioni di euro per le casse comunali, che invece non c’è stato. Al posto di questi semplici calcoli, dentro tantissime amministrazioni, in particolare quella di Latina, c’è gente che ancora oggi racconta la menata della raccolta differenziata che costa troppo: come se tutti i Comuni che da anni la attuano con successo, non sapessero fare i conti. Intanto la Latina Ambiente ha accumulato un grosso debito nei confronti della sua controllata (si fa per dire) Ecoambiente, cioè una società che guarda caso, così come la RIDA, fa i suoi affari con il trattamento dei rifiuti indifferenziati: questo è l’unico vero motivo per cui non parte il metodo “porta a porta” anche a Latina. 

Soluzioni geniali... ignote al Comune
Proprio in fatto di rifiuti, l'Università di Latina vanta ricerche all'avanguardia per il riciclaggio. Il team della prof. Silvia Serranti che coinvolge anche ricercatori locali (Laura D’Aniello di Latina e Roberta Palmieri di Sabaudia, Fabio Potenza di Nettuno), ha realizzato una tecnica di analisi iperspettrale che in soldoni consente valutare molto più precisamente e velocemente e a minor costo i vari materiali differenziati. Così può divenire più redditizia la raccolta differenziata. Ad es. la plastica delle bottiglie viene pagata meglio se non è mischiata con gomma o altre plastiche. Di questi ed altri geniali quanto efficaci sistemi e di come trasformare i rifiuti in risorsa per la collettività, si è parlato in un'interessante conferenza il 3 dicembre, alla facoltà di Ingegneria dell'ateneo pontino. Contenuti ed esperienze che servirebbero come il pane al Comune di Latina. All'evento, non sono stati notati politici latinensi e personaggi del Palazzo.
 


Articoli Correlati:

2017 Nuova bomba sull'ABC di Latina L’appalto rifiuti poteva vincerlo uno solo? La De Vizia Transfer contesta l’iter Nuova bomba sull'ABC, l'Azienda speciale dei rifiuti di Latina. Stavolta, almeno, da fuori palazzo e ...
2017 Cancelli chiusi alla Rida Ambiente Niente raccolta rifiuti indifferenziati in gran parte dei Comuni Oggi non sarà raccolta l'immondizia indifferenziata nei Comuni che conferiscono all'impianto della Rida Ambiente di ...
2017 Distribuiti kit e fornite informazioni Latina differenziamoci: 5000 studenti a lezione di raccolta differenziata Si è svolta ieri mattina nell'aula Lofferdo della Provincia di Latina la conferenza stampa di ...
2016 Latina, servizio ad altra ditta Il Sindaco vuole revocare l'appalto della raccolta rifiuti a Latina Ambiente Il sindaco di Latina, su indicazione degli Assessorati all’Ambiente e al Bilancio, sta valutando un ...
2016 La vita della Spa destinata a allungarsi Latina Ambiente è salva. Entro 60 giorni la proposta di ristrutturazione La società Latina Ambiente è salva. Nella giornata di ieri il Tribunale ha accettato la ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:10 1524733800 Detenuto dà in escandescenza: il sindacato chiede personale specializzato
10:07 1524730020 Neonata venduta: rinviato a giudizio il presunto mediatore
09:45 1524728700 25 aprile, grande festa a Pomezia per la Fondazione della città
09:12 1524726720 Prostitute in hotel ad Aprilia, condanne ridotte in Appello a 30 anni totali
08:52 1524725520 Barzelletta Roma-Latina: gara 'congelata' in attesa di altre indagini
08:42 1524724920 Cani, vip e buon cibo sulle sponde del lago di Castel Gandolfo
08:38 1524724680 Rischio siccità, l'appello del consorzio agro pontino: uso consapevole di acqua
08:30 1524724200 Il 6 maggio ottava edizione della manifestazione musicale di cori Poliphonica
08:17 1524723420 Dario Salvatori e Chiara Chialli ospiti ad Aprilia: conferenza e cena spettacolo
08:14 1524723240 Il Cristo del Circeo torna in acqua dopo il restauro
08:13 1524723180 Taglio del nastro alla XXXIII edizione della Mostra Agricola Campoverde
08:03 1524722580 Multe Portonaccio, il Comandante dei Vigili di Nemi segnalò le irregolarità
08:00 1524722400 Giuseppe di Lelio: l’atleta e scultore disabile verso le Olimpiadi di Tokyo
07:58 1524722280 Troppe bestemmie e parolacce: vietato per un mese il gioco delle carte
07:57 1524722220 Il 25 aprile di Latina, Coletta: «Non c'è libertà senza partecipazione»
07:52 1524721920 A fuoco un deposito di documenti cartacei a Pomezia: dubbi sulle cause
25/04 1524676860 Il Sindaco Anzio Bruschini ricorda commosso Battistini tra gli applausi
25/04 1524676740 Crisi a Nettuno, vertice con il consigliere regionale Corrado a casa del Sindaco
25/04 1524675780 Alla guida di un furgone ad Anzio senza patente e assicurazione: denunciati
25/04 1524655020 Anche le scuole locali partecipano alla XXXIII Mostra Agricola Campoverde
25/04 1524654300 L'Istituto Lelia Caetani aderisce ai progetti contro gli abusi sui minori
25/04 1524652740 Anche il gruppo storico Lavinium dell'ass. Tyrrhenum partecipa al Natale di Roma
25/04 1524652320 Violentò una giovane albanese nel 2006, arrestato un connazionale 40enne
25/04 1524651300 Trovati con 4 pc rubati dalla scuola Don Bregazzi, denunciati per ricettazione
25/04 1524651000 Cinque chili di droga, armi e cartucce: due giovani arrestati