[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, l'area è sotto sequestro

Superstore su area agricola sulla Pontina, in 12 rischiano il processo

L’affaire “Globo” approda in tribunale. Ultimate le indagini, il pm Giuseppe Miliano ha chiesto 12 rinvii a giudizio per il megastore che doveva sorgere ai margini della Pontina, a Borgo Piave, ma che tra falsi e violazioni urbanistiche, calpestando le previsioni del Prg e le norme regionali, secondo il magistrato si sarebbe trasformato in una lottizzazione abusiva. Una vicenda su cui dovrà pronunciarsi il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Pierpaolo Bortone, davanti al quale solo uno degli imputati, l’avvocato Maurizio Mansutti, ha chiesto di essere giudicato subito, con rito abbreviato, dunque allo stato degli atti e beneficiando in caso di condanna dello sconto di un terzo della pena. Il giudice ha quindi stilato un calendario di udienze, per le arringhe dei difensori degli imputati, e poi deciderà su Mansutti e sulle altre undici richieste di rinvio a giudizio.

Il megastore venne sequestrato il 28 luglio 2016 dal Nipaf, su ordine del gip Mara Mattioli. Per il pm Miliano, la maxi attività commerciale sarebbe una lottizzazione abusiva. Imputato così, oltre a Mansutti, Ventura Monti, all’epoca dei fatti dirigente dell’ufficio tecnico del Comune e firmatario del permesso a costruire del 2003, finito accusato per aver autorizzato la sanatoria del mutamento di destinazione d’uso dell’opificio ex Seranflex, fabbrica di serramenti, per il permesso a costruire del 2009, con cui si autorizzava la demolizione e la ricostruzione dell’opificio con destinazione totalmente commerciale, e per la variante con cui si autorizzava l’accorpamento di tale immobile a un altro che aveva destinazione residenziale, ubicato nelle vicinanze, oltre che per il via libera ad aree destinate a parcheggio in zona agricola non coperte dalla sanatoria. Un intervento autorizzato, secondo il pubblico ministero, in contrasto con il Prg e con la normativa regionale. Sotto accusa poi Luca Baldini, tecnico convenzionato con il Comune, che aveva istruito la pratica di condono presentata dai proprietari del sito ex Seranflex, accusato per aver mandato avanti tale pratica pur sapendo che era falsa e come direttore dei lavori per la riqualificazione dell’opificio, dunque come tecnico della “Cosmo” per la modifica della destinazione d’uso e l’aumento di volumetria, Patrizia Marchetto, tecnico che aveva istruito la variante, Anna Fiorella Abbenda, progettista che rappresentava la legittimità dell’intervento, pur sapendo che, al momento della presentazione del condono, l’immobile possedeva ancora per 3.495 metri quadrati destinazione artigianale-produttiva, Piero Piattella, direttore dei lavori relativi alla variante, Giancarlo Piattella, amministratore unico della società Mimosa Park srl, beneficiaria dei titoli abilitativi, l’amministratore della “Cosmo srl”, società che intendeva aprire il megastore a marchio “Globo”, Nicola Di Nicola, Giovanni Passariello, Stefano Gargano, Luigi Paolelli e Roberto Bianconi. Il gip Mattioli, nel disporre il sequestro, specificò: “Attraverso il susseguirsi di atti illegittimi si è consentita una illegittima destinazione commerciale totale non solo del fabbricato interessato dal condono, ma anche delle correlate aree originariamente non interessate dall’edificazione, con rilevante incremento delle superfici destinate ad uso commerciale su area agricola, consentendo la realizzazione di un imponente complesso edilizio, pari a metri cubi 46.495,51, unitamente alla realizzazione di parcheggi su un’area ove le prescrizioni del Prg vigente e della legger regionale 38/99 non lo consentivano”. Si tornerà in aula il prossimo 17 dicembre.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:02 1547744520 Protogonos della compagnia Dueditre apre la stagione di danza al Fellini
17:51 1547743860 Sbarco, la Proloco Sangallo e Poste propongono 8 cartoline commemorative
17:50 1547743800 Ciak ad Ariccia per la serie tv Diavoli con Patrick Dempsey e Alessandro Borghi
17:48 1547743680 La polizia privata sorprende un ladro a rubare a Lido dei Pini, Anzio: arrestato
17:45 1547743500 Malore nella notte, donna di 53 anni muore in casa nella notte a Nettuno
16:33 1547739180 Le gelate mettono ko la produzione di olio, chiesto il risarcimento in Regione
16:15 1547738100 Violento scontro tra auto e moto su via del Muro Bianco a Albano, centauro grave
15:41 1547736060 Incidente con ferito sulla SP 140 a Castel Gandolfo, si cercano testimoni
15:35 1547735700 Auto rubata ad Ariccia e ritrovata nel bosco dei Campi di Annibale
14:10 1547730600 Veicolo con targa falsa e senza assicurazione: denuncia e maxi multa
13:52 1547729520 Genzano, ripristinato servizio di assistente su scuolabus, ma aumenta la tariffa
13:26 1547727960 Valerio Catoia diventa un supereroe di una tesi di maturità in Svizzera
13:00 1547726400 Tre consiglieri di maggioranza lasciano Latina Bene Comune
12:49 1547725740 Minaccia di morte e picchia la convivente: arrestato 53enne
10:51 1547718660 Delfino spiaggiato rinvenuto sul litorale, accertamenti in corso
10:41 1547718060 Coop, fumata nera al Ministero: chiudono Velletri, Aprilia e Pomezia
10:22 1547716920 Tevere da bere grazie alla ‘manina’ dei 5 Stelle in Regione Lazio
08:57 1547711820 A fuoco un camion carico di cartone sulla Laurentina a Pomezia
08:15 1547709300 Clochard investito e ucciso a Roma, arresto "made in Castelli" per il pirata
08:07 1547708820 Under 16. Virtus Invicta Pomezia, seconda vittoria di fila
07:57 1547708220 A processo la banda delle rapine a sale slot e ristoranti a Latina e Nettuno
07:57 1547708220 Latina, scuola di via Quarto: fondi dal Ministero per un'aula all'avanguardia
07:50 1547707800 Crimine all'ombra del calcio, inutilizzabili le intercettazioni all'ex deputato
07:47 1547707620 Ladri nella scuola elementare: rubati i soldi del distributore automatico
07:41 1547707260 Governo bocciato sulla nomina di Ricciardi alla presidenza del Parco del Circeo

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli