[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La risposta all'idea della RIDA Ambiente

Inceneritore ad Aprilia? Il Sindaco Terra: «Solo una battuta. Non si farà mai»

Un inceneritore, anzi due, ad Aprilia? Ma nemmeno per sogno! Non ha esitazioni il Sindaco Antonio Terra rispetto alla "proposta" della società RIDA Ambiente che già gestisce ad Aprilia un impianto di trattamento meccanico cosiddetto biologico. È la nuova puntata in salsa pontina della brutta fiction monnezzara che attanaglia il Lazio. Il titolare della ditta, Fabio Altissimi, si dice "disponibile a presentare uno studio di fattibilità in due mesi, ai fini dell'indizione di una conferenza dei servizi" per portare nel proprio sito i due due megaforni per bruciare (anziché riciclare) i rifiuti presenti a Colleferro. Così ha scritto in una lettera al Comune di Aprilia, ma pure al Ministero dell'ambiente, alla contorta Regione Lazio e al Comune di Colleferro. Non fa una piega il Sindaco di Aprilia: «È una provocazione. Non si farà mai. Come dico sempre, abbiamo già dato sul nostro territorio. Non abbiamo nessuna esigenza di altri impianti, specialmente di quel tipo. Siamo contrari agli inceneritori, noi siamo per l'economia circolare e rifiuti zero. Al signor Altissimi rispondiamo che siamo assolutamente contrari. È una semplice lettera, sembra più una battuta. Dice che è "disponibile", niente di più. Non è nemmeno da prendere in considerazione una situazione di questo tipo. Sta invece andando avanti il progetto in associazione con altri 4 Comuni, per il piccolo compostaggio e per il potenziamenteo degli ecocentri. Parlo del progetto condiviso che abbiamo sottoscritto coi Comuni di Latina, Sabaudia, Pontinia e Sermoneta  quella è una cosa seria». Un'iniziativa che punta a trattare in modo sostenibile (anche economicamente) 10mila tonnellate di rifiuti organici ogni anno per un risparmio stimato in oltre 2,6 milioni di euro l'anno. Il contrario di discariche e inceneritori: non si butta né si distrugge, ma si reimmette in circolo la risorsa. Non si sprecano quattrini ma si consentono economie a vantaggio di tutti. Lobby monnezzare a parte. Le compostiere di comunità si ripagheranno da sole dopo un anno e mezzo dall'installazione. Una proposta per creare dal basso una gestione pubblica (anche sana) dei rifiuti improntata a riduzione, riuso e riciclo dei materiali. Dopo la stroncatura della megadiscarica che voleva realizzare in zona La Cogna, Altissimi rilancia così la sua ricetta per "risolvere anche il problema dell'elevata concentrazione di impianti nel Comune di Colleferro". La fabbrica brucia-rifiuti, cioè i due inceneritori di Colleferro, sono tra l'altro stai seuqestrati nel 2009 dai Carabinieri: ci bruciavano di tutto. Mentre la Guardia di Finanza contestò una mega truffa ai danni dello Stato, da cui qualcuno mungeva milioni di euro di sussidi pubblici con la scusa della produzione di un po' di energia elettrica prodotta bruciando i rifiuti. L'impianto è ora fermo, in attesa del revamping: parola inglese con cui ora chiamano la manutenzione di quella inquinante, antiquata e antieconomica tecnologia. L'operazione, tutta con soldi pubblici, prevede una spesa di 9,3 milioni di euro: 7 milioni della Regione Lazio e 2,3 del Comune di Roma attraverso la sua municipalizzata AMA. Più altri 5 milioni per la discarica di servizio dove far sparire gli scarti degli impianti TMB che preparano le balle di materiali da bruciare negli inceneritori.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
08:36 1542699360 Asfalto drenante e corsia di emergenza sulla 148: parte la petizione
08:36 1542699360 Asfalto drenante e corsia di emergenza sulla 148: parte la petizione
08:36 1542699360 Asfalto drenante e corsia di emergenza sulla 148: parte la petizione
08:32 1542699120 Il Roadshow Lazio ha fatto tappa anche nell'importante istituto pontino
08:31 1542699060 Pomezia, sopralluogo con la Città Metropolitana al Pascal e al Copernico
08:30 1542699000 Nuovi archivi musicali al Dizionario della Musica Italiana di Latina
08:23 1542698580 Topi a scuola, i genitori fanno uscire i figli prima
08:09 1542697740 “Se loro …”a Cisterna nel chiostro di Palazzo Caetani domenica 25 novembre
08:08 1542697680 I bambini hanno il diritto di sbagliare: la lezione della società ai genitori
08:07 1542697620 Il D'Annunzio resta chiuso: stagione teatrale spostata al Moderno
08:04 1542697440 Scoperta banda che ha messo a segno centinaia di truffe agli anziani: 4 arresti
07:56 1542696960 In corso lo sgombero di otto ville confiscate al clan Casamonica
07:55 1542696900 15enne investito all'uscita dalla palestra: è grave. Caccia al pirata
07:42 1542696120 A 200 km/h sulle strade di Latina per sfuggire alla cattura: condannato 27enne
07:37 1542695820 Condannato a 8 anni per aver rapinato quattro farmacie di Pomezia in un mese
07:37 1542695820 Condannato a 8 anni per aver rapinato quattro farmacie di Pomezia in un mese
07:33 1542695580 Morto schiacciato da un cancello ad Aprilia, a processo i titolari della ditta
19/11 1542646860 Capolei a dialogo con Tajani per le Europee: il Litorale avrà un suo candidato
19/11 1542646740 Sicurezza durante gli eventi di Natale a Nettuno, il vertice in Commissariato
19/11 1542643020 Tavolo tecnico per la difesa della costa: 1,1 milioni per Latina e Sabaudia
19/11 1542642180 Scuole di Ardea al freddo. La sorpresa: termosifoni funzionanti... ma chiusi
19/11 1542641880 Sgomberata una rivendita dopo 32 anni di attività: era abusiva da sempre
19/11 1542641700 Ponte su via Nemorense, incontro tra cittadini e consiglieri metropolitani
19/11 1542641580 Il treno frena, la pendolare (in piedi) perde l'equilibrio e batte la testa
19/11 1542641580 Il treno frena, la pendolare (in piedi) perde l'equilibrio e batte la testa

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli