[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La risposta all'idea della RIDA Ambiente

Inceneritore ad Aprilia? Il Sindaco Terra: «Solo una battuta. Non si farà mai»

Un inceneritore, anzi due, ad Aprilia? Ma nemmeno per sogno! Non ha esitazioni il Sindaco Antonio Terra rispetto alla "proposta" della società RIDA Ambiente che già gestisce ad Aprilia un impianto di trattamento meccanico cosiddetto biologico. È la nuova puntata in salsa pontina della brutta fiction monnezzara che attanaglia il Lazio. Il titolare della ditta, Fabio Altissimi, si dice "disponibile a presentare uno studio di fattibilità in due mesi, ai fini dell'indizione di una conferenza dei servizi" per portare nel proprio sito i due due megaforni per bruciare (anziché riciclare) i rifiuti presenti a Colleferro. Così ha scritto in una lettera al Comune di Aprilia, ma pure al Ministero dell'ambiente, alla contorta Regione Lazio e al Comune di Colleferro. Non fa una piega il Sindaco di Aprilia: «È una provocazione. Non si farà mai. Come dico sempre, abbiamo già dato sul nostro territorio. Non abbiamo nessuna esigenza di altri impianti, specialmente di quel tipo. Siamo contrari agli inceneritori, noi siamo per l'economia circolare e rifiuti zero. Al signor Altissimi rispondiamo che siamo assolutamente contrari. È una semplice lettera, sembra più una battuta. Dice che è "disponibile", niente di più. Non è nemmeno da prendere in considerazione una situazione di questo tipo. Sta invece andando avanti il progetto in associazione con altri 4 Comuni, per il piccolo compostaggio e per il potenziamenteo degli ecocentri. Parlo del progetto condiviso che abbiamo sottoscritto coi Comuni di Latina, Sabaudia, Pontinia e Sermoneta  quella è una cosa seria». Un'iniziativa che punta a trattare in modo sostenibile (anche economicamente) 10mila tonnellate di rifiuti organici ogni anno per un risparmio stimato in oltre 2,6 milioni di euro l'anno. Il contrario di discariche e inceneritori: non si butta né si distrugge, ma si reimmette in circolo la risorsa. Non si sprecano quattrini ma si consentono economie a vantaggio di tutti. Lobby monnezzare a parte. Le compostiere di comunità si ripagheranno da sole dopo un anno e mezzo dall'installazione. Una proposta per creare dal basso una gestione pubblica (anche sana) dei rifiuti improntata a riduzione, riuso e riciclo dei materiali. Dopo la stroncatura della megadiscarica che voleva realizzare in zona La Cogna, Altissimi rilancia così la sua ricetta per "risolvere anche il problema dell'elevata concentrazione di impianti nel Comune di Colleferro". La fabbrica brucia-rifiuti, cioè i due inceneritori di Colleferro, sono tra l'altro stai seuqestrati nel 2009 dai Carabinieri: ci bruciavano di tutto. Mentre la Guardia di Finanza contestò una mega truffa ai danni dello Stato, da cui qualcuno mungeva milioni di euro di sussidi pubblici con la scusa della produzione di un po' di energia elettrica prodotta bruciando i rifiuti. L'impianto è ora fermo, in attesa del revamping: parola inglese con cui ora chiamano la manutenzione di quella inquinante, antiquata e antieconomica tecnologia. L'operazione, tutta con soldi pubblici, prevede una spesa di 9,3 milioni di euro: 7 milioni della Regione Lazio e 2,3 del Comune di Roma attraverso la sua municipalizzata AMA. Più altri 5 milioni per la discarica di servizio dove far sparire gli scarti degli impianti TMB che preparano le balle di materiali da bruciare negli inceneritori.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:24 1547637840 A processo dirigenti Astral e Provincia per la morte di un 18enne sulla Pontina
12:09 1547636940 Circuito Europeo Under17 di fioretto, Valentina Vezzali venerdì ad Anzio
12:07 1547636820 Scarica camion di calcinacci a via Grugnole, identificato dalla Polizia locale
11:39 1547635140 Controlli antidroga nella notte alle autolinee di Latina, tre arresti
10:56 1547632560 Al via i lavori sul manto stradale di via Stati Uniti d'America a Genzano
09:05 1547625900 In Regione il progetto per ampliare il centro commerciale Aprilia2
08:08 1547622480 Emergenza al cimitero di Pomezia: loculi esauriti e ampliamento bloccato
08:02 1547622120 Nuovo Politeama, taglio del nastro il 19 gennaio con la Splatters Company
07:57 1547621820 Desirée, la mamma ritira la denuncia per stalking contro il padre della ragazza
07:51 1547621460 Studenti al freddo: il Sindaco chiude la scuola per otto giorni
07:48 1547621280 Variante in Q3: la Lega vuole la revoca della delibera. Lbc vota no
07:42 1547620920 Ai domiciliari per tentato omicidio, ma non rispetta la misura: ora è in carcere
07:40 1547620800 Incendio Eco X, altro rinvio per l'udienza preliminare: in aula il 5 marzo
07:40 1547620800 Ex albergo Italia: via ai lavori. Gli uffici comunali verranno trasferiti
07:34 1547620440 Reclutavano connazionali per sfruttarli: "caporale" arrestato dai carabinieri
15/01 1547576100 Vertenza Coop, fumata bianca al Ministero: chiusure "bloccate" (per ora)
15/01 1547572260 Rivendevano su internet olio d'oliva rubato a ditta di Cisterna. 5 denunciati
15/01 1547569200 Il sindaco di Ardea: «Grazie a Valentina Corrado per l'impegno sulle scuole»
15/01 1547566800 Pedana disabili rotta, ragazzi in carrozzella tra le auto per andare in palestra
15/01 1547566560 Sermoneta, via libera alla manutenzione della pubblica illuminazione
15/01 1547566080 Sagra della Polenta a Sermoneta, degustazioni ed eventi in zona Fuori Porta
15/01 1547565840 Nuovo regolamento europeo sulla privacy, convegno per i professionisti
15/01 1547565780 Emilio Stella all'Ex Mattatoio presenta le canzoni del nuovo album "Suonato"
15/01 1547565420 Via dei Principi costellata di buche, i residenti chiedono che venga asfaltata
15/01 1547564880 Sicurezza, il sindaco di Genzano incontra il sottosegretario all'interno Sibilia

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli