[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Le intenzioni di Lbc

Urbanistica, dopo il lungo stop c’è una delibera di indirizzo FOTO

<
>
Franco Castaldo e Damiano Coletta - L?assessore all?Urbanistica e il Sindaco di Latina
Franco Castaldo e Damiano Coletta - L?assessore all?Urbanistica e il Sindaco di Latina

Sono trascorsi oramai due anni e mezzo dal terremoto che ha scosso l’urbanistica del capoluogo, quando il commissario prefettizio Giacomo Barbato, sulla scorta delle relazioni dell’allora dirigente all’Urbanistica, Giovanni Della Penna, annullò in blocco sei piani particolareggiati (Ppe) su 10, approvati dall’amministrazione Di Giorgi tra il 2012 e il 2014. Una riga rossa su oltre 700 mila metri cubi di cemento “spacciati” per “variante non sostanziale”, quindi licenziati solamente in giunta, bypassando un eventuale via libera degli uffici tecnici regionali e il voto del consiglio comunale. Questi contenevano alterazioni degli standard urbanistici dei quartieri, incrementi elusivi delle volumetrie, cambi di destinazione d’uso e previsioni allegre sull’incremento di popolazione. Da allora nella telenovela dell’urbanistica, che di fatto mise la parola fine sull’ex-giunta targata Di Giorgi, si sono susseguite interminabili polemiche con un comparto edilizio locale praticamente fermo, scontri politici e fantasmi di commissariamento (e quindi di danno erariale). Dopo un impasse durato, appunto, due anni e mezzo, lo snodo è rappresentato dall’approdo in commissione Urbanistica della bozza di delibera che mette nero su bianco gli indirizzi della giunta Coletta per la riproposizione dei piani annullati. La partita si gioca essenzialmente su due campi. Quello edilizio, che presenta alcune situazioni spinose, ovvero aree cedute e permessi a costruire rilasciati a privati prima dell’annullamento dei piani. E quello urbanistico, improntato invece sulla necessità di dare un freno allo sfrenato consumo di suolo che ha accompagnato Latina negli ultimi decenni, a causa anche di un piano regolatore (il piano Piccinato) datato 1972 e con una sovrastima fino a 200mila abitanti dell’incremento insediativo. Una vera e propria patata bollente, insomma, capitata tra le mani di Lbc e dell’assessore Francesco Castaldo, che nella bozza di delibera ha provato a far convivere entrambe le situazioni. Tradotto: stop al consumo di suolo ma rispettando gli impegni presi con i privati che hanno investito in terreni e permessi. Perché il provvedimento di annullamento dei piani è sì legittimo, come confermato dal Tar il mese scorso quando ha giudicato irricevibili i ricorsi presentati da alcuni imprenditori che avevano impugnato tale atto, ma legittime sono anche le istanze dei costruttori, come testimoniato da un’altra sentenza del tribunale amministrativo, quella dello scorso gennaio che ha condannato il Comune a risarcire per oltre 3 milioni e mezzo la società Costruzioni Generali di Massimo Riccardo per i cantieri fermi della palazzina di via Quarto (risarcimento poi congelato temporaneamente dal Consiglio di Stato lo scorso luglio). La linea di azione dell’amministrazione, che a ben vedere sembra una scelta obbligata, si dovrebbe dunque muovere verso una precisa direttrice: provare a “sanare” a livello urbanistico gli insediamenti per il quale è stato già avviato un iter (cessione di aree o rilascio di permessi a costruire). Le virgolette sono d’obbligo, perché di fatto di non si tratterebbe di una sanatoria. “Si tratta di andare a riequilibrare gli standard urbanistici, quindi il rapporto degli spazi pubblici rispetto agli insediamenti”, ha spiegato al Caffè il delegato all’Urbanistica, Franco Castaldo. “L’obiettivo è ottenere da un lato una diminuzione dei volumi riferibili a nuove costruzioni e dall’altro il rispetto sul piano urbanistico di quelle situazioni già in itinere”. Situazioni, quest’ultime, che si cercherà di legittimare tramite delibere di giunta secondo l’art 1 bis delle norme regionali in materia urbanistica, semplificazione introdotta dal Piano Casa targato Polverini e utilizzata dalla giunta Di Giorgi per approvare i 10 piani attuativi. L’alternativa resta operare “in variante” al piano regolatore, quindi con un passaggio in Regione e nell’assise comunale. Un “taglia&cuci” urbanistico che sarà possibile anche grazie ad una nuova perimetrazione e un accorpamento dei comprensori R0, R1 Frezzotti, R2 Piccarello, R3 Prampolini, R4 Goretti, R6 Isonzo, creando un’unica macro-area. Altro punto della linea di Castaldo è appunto lo stop al consumo di suolo. “Che non vuol dire di certo cubatura zero, che invece vorrebbe dire far morire il settore edilizio del capoluogo”, ci tiene a puntualizzare l’assessore. “Dobbiamo attenerci a norme comunitarie, recepite dallo Stato italiano, che prevedono di raggiungere un consumo di suolo pari a zero entro il 2050. Utilizzeremo nuove volumetrie per la riqualificazione del patrimonio urbanistico”. Uno strumento possibile è la legge di rigenerazione urbana, varata dalla Regione Lazio lo scorso anno e che prevede premi di cubatura fino al 40% per i privati che decidono di ristrutturare la propria abitazione. O ancora i Print, programmi di intervento per la riqualificazione del tessuto urbano. Per mettere in atto il disegno dell’amministrazione Coletta sull’urbanistica del capoluogo occorre dunque redigere il prima possibile i piani annullati, ma l’Ufficio di Piano, la struttura comunale deputata a tale compito, non è ancora operativo. “L’Ufficio è stato già istituito, ma bisogna ancora reperire le risorse professionali interne ed esterne al Comune”, confessa l’assessore. “Ad ottobre verranno ultimate alcune selezioni di dirigenti da parte dell’ente, e sicuramente si muoverà qualcosa”.                  

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:19 1537345140 Sagra dell'Uva di Marino a pagamento, esposto di Assotutela in Procura
10:15 1537344900 Sassaiola sulla Pontina per rapinare automobilisti: denunciati i responsabili
09:34 1537342440 Erbacce e sporcizia al parco di via Vecchia di Grottaferrata, urge un intervento
09:18 1537341480 Anziano investito alla rotonda del Santuario di Nettuno: grave in ospedale
07:55 1537336500 Patti di collaborazione tra Comune e cittadini per il decoro dei quartieri
07:48 1537336080 La Locanda Martorelli nel progetto Notte Europea dei Ricercatori
07:46 1537335960 Traffico e parcheggi creano problemi agli operatori e al servizio 118 a Velletri
07:45 1537335900 Ciampino, stasera la fiaccolata contro i roghi tossici del campo rom
07:30 1537335000 A Grottaferrata è allarme calabroni asiatici. Uomo punto è in choc anafilattico
18/09 1537302900 Rifiuti ai lati della Ferrovia, a Nettuno al via le operazioni di bonifica
18/09 1537302660 Piscina di Anzio, show del Sindaco in commissione: "Mi aspetto complimenti"
18/09 1537289640 Velletri, presentata la Festa dell'Uva e del Vino del 28, 29 e 30 settembre
18/09 1537289400 A Rocca di Papa in centinaia ai funerali dei coniugi uccisi dai funghi velenosi
18/09 1537281840 Il giovane attore Simone Liberati protagonista di La Profezia dell'Armadillo
18/09 1537280220 Coop assicura: «Cessione e non chiusura di punti vendita nel Lazio Sud»
18/09 1537279620 Finisce con la Punto contro la rotatoria di via Nettunense, anziano ferito
18/09 1537278240 Riparte la programmazione della Sala Lepanto con la proiezione de L'ora legale
18/09 1537275540 Serie A2. Mirafin, Graziano Gioia punta ad una grande stagione
18/09 1537275480 Ancora fuoco ad Ardea, vasto incendio di rifiuti. Sentite numerose esplosioni
18/09 1537274400 Nuovo Ponte Mascarello, accordo con il Comune: sarà la Sogin a realizzarlo
18/09 1537272660 Serie C femminile. La Coccinella, si alza il sipario sulla stagione
18/09 1537271700 Miss Italia2018, la più bella nello scatto del fotografo nettunese Valerio Cosmi
18/09 1537271580 Fare Verde e Save the sea organizzano la pulizia dei Marinaretti
18/09 1537271040 Latina, disinfestazione contro le zanzare il 20 e 21 settembre: ecco dove
18/09 1537270860 Coppa Divisione, la Fortitudo è già fuori. L'Analisi di un Ko (non) annunciato

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli