[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

1,3 miliardi con affidamento diretto

Acqua, con la scusa dell’emergenza appalti tra pochi intimi, pagati dagli utenti

Oltre un miliardo e 345 milioni di euro per appalti da autorizzare a razzo e scansando qualunque legge sia ritenuta d'impaccio, compreso il codice dell'ambiente e quello che regola i contratti pubblici. Sono gli interventi previsti nel Lazio dopo la crisi idrica dell'estate 2017, elencati nel 2° Rapporto semestrale del Garante regionale dei servizi idrici pubblicato a dicembre scorso. Dopo che il Governo ha riconosciuto l'emergenza – non calamità naturale, come impropriamente si dice, visto che per la legge è un'altra cosa – il capo della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, ha emanato l'ordinanza n. 474 del 14 agosto 2017. Il provvedimento dà la possibilità di intervenire derogando a moltissime norme, specificando una dozzina di leggi nazionali promulgate negli ultimi 114 anni. 

CARTA BIANCA E TEMPI DA RAZZO
“Il Commissario delegato all'emergenza (il presidente del Lazio, Zingaretti, ndr)  e gli eventuali soggetti attuatori dal medesimo individuati possono provvedere, sulla base di apposita motivazione, in deroga alle seguenti disposizioni normative leggi ed altre disposizioni regionali strettamente connesse alle attività previste dalla presente ordinanza”, recita l'ordinanza 474. In particolare, possono avvalersi degli articoli 63 e 163 del codice dei contratti pubblici, cioè aggiudicare lavori e forniture senza gara pubblica d'appalto come di solito si deve fare per garantire la scelta della migliore offerta tra quelle proposte da varie ditte concorrenti. Tempi ultraveloci: 180 giorni “per tutte le autorizzazioni necessarie all’approvazione ed alla cantierabilità degli interventi”. Cioè lo stesso tempo di durata dello stato di emergenza dichiarato il 7 agosto 2017. Non è dato sapere quali interventi siano stati approvati, a parte ad esempio il caso eclatante del “potabilizzatore” da 500 litri al secondo sul Tevere. Quello che stanno realizzando a Roma nord per dare da bere l'acqua del fiume ai romani e a quasi l'intera provincia, come raccontato in esclusiva dal nostro giornale lo scorso 19 luglio. 

ACEA PIGLIATUTTO
Gli interventi proposti sono moltissimi: ricerca e riparazione perdite, nuove condotte, nuovi pozzi e sorgenti, ma anche dissalatori e “potabilizzatori”. Oltre il 97% degli importi stimati per gli interventi in deroga riguarda Acea Ato2, la società che serve oltre la Capitale e quasi l'intera provincia romana. 63 progetti in tutto, spalmati su un periodo che va dal settembre 2017 al dicembre del 2024, con costi anche stratosferici. Ad esempio: per l'acquedotto del Peschiera, 4 interventi per totali 820 milioni. 100 milioni tondi per la terza linea dell'acquedotto Marcio, 40 milioni per un altro “potabilizzatore” del Tevere da mille litri al secondo. Un dissalatore da 25 milioni di euro entro la fine di quest'anno, il nuovo serbatoio con sollevamento e condotte al centro idrico Prenestino da 27 milioni di euro entro maggio 2020, 25 milioni di euro per il nuovo Acquedotto del Pertuso entro fine dell'anno prossimo. Per il centro idrico Laurentina, che riguarda Ardea e Pomezia, il costo stimato è 10 milioni di euro. 

NEL RESTO DEL LAZIO
Tra le opere da autorizzare e appaltare in deroga, 8 sono targate Acqualatina. Tre per il sud pontino: la condotta Cellole, in Campania, pozzi “25 Ponti” a Formia e Capodacqua (sorgenti a Spigno Saturnia). Per il nuovo collegamento che passa a Cellole, nel casertano, il report del Garante parla di 5,6 milioni di euro e di 6-9 mesi per la realizzazione (senza riferimenti al calendario), ma Acqualatina parla di un milione e 273mila euro per 120 giorni di cantiere a partire dal 26 giugno scorso. “N.D.”, non disponibili i costi stimati per 25 Ponti e Capodacqua nel report del Garante. 800mila euro dice Acqualatina, la quale in ballo ha anche: attivazione di tre pozzi, due a Roccagorga e uno a Prossedi, installazione dearsenificatori presso la centrale di Sardellane a Sezze e collegamento pozzi Sardellane2, risanamento condotta adduttrice di Minturno, ricerca acqua ad Amaseno e nuovo campo pozzi e adduttrice di collegamento per totali 2.350.000 euro, finanziati dal Governo. Oltre ai progetti per l'Ambito idrico di Roma e provincia (ATO2), ci sono quelli di Acea in Ciociaria (ATO5) per oltre 32 milioni e mezzo di euro. 

TUTTO IN BOLLETTA
Questo fiume di appalti prevedono di pagarlo caricandone i costi interamente sulle bollette. Nei documenti consultati dal Caffè e riferiti dal cosiddetto Garante del servizio idrico laziale, non vi è traccia di finanziamenti da parte dei soci privati di Acea e di Acqualatina. E nessuno glielo chiede. Il Governo, nel dichiarare la cosiddetta calamità naturale, ha stanziato 19 milioni di euro. Sono serviti per pagare le autobotti e altri progetti nella prima fase di emergenza durata sei mesi. Si sa da una vita che le reti vanno sistemate, a cominciare dalle perdite. Nel 2007 il governatore Marazzo firmò un Piano per la crisi idrica. Ma abbiamo acquedotti colabrodo, nonostante i “nuovi” gestori: cos'hanno fatto in tutti questi anni? Certo il clima e le piogge sono cambiate, ma la malagestione non cambia. È questa la calamità. Ciò che non hanno fatto finora, lo si vuol fare in quattro e quattr'otto dribblando un fiume di leggi e facendolo pagare a noi. Chi controlla? 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18/09 1537302900 Rifiuti ai lati della Ferrovia, a Nettuno al via le operazioni di bonifica
18/09 1537302660 Piscina di Anzio, show del Sindaco in commissione: "Mi aspetto complimenti"
18/09 1537289640 Velletri, presentata la Festa dell'Uva e del Vino del 28, 29 e 30 settembre
18/09 1537289400 A Rocca di Papa in centinaia ai funerali dei coniugi uccisi dai funghi velenosi
18/09 1537281840 Il giovane attore Simone Liberati protagonista di La Profezia dell'Armadillo
18/09 1537280220 Coop assicura: «Cessione e non chiusura di punti vendita nel Lazio Sud»
18/09 1537279620 Finisce con la Punto contro la rotatoria di via Nettunense, anziano ferito
18/09 1537278240 Riparte la programmazione della Sala Lepanto con la proiezione de L'ora legale
18/09 1537275540 Serie A2. Mirafin, Graziano Gioia punta ad una grande stagione
18/09 1537275480 Ancora fuoco ad Ardea, vasto incendio di rifiuti. Sentite numerose esplosioni
18/09 1537274400 Nuovo Ponte Mascarello, accordo con il Comune: sarà la Sogin a realizzarlo
18/09 1537272660 Serie C femminile. La Coccinella, si alza il sipario sulla stagione
18/09 1537271700 Miss Italia2018, la più bella nello scatto del fotografo nettunese Valerio Cosmi
18/09 1537271580 Fare Verde e Save the sea organizzano la pulizia dei Marinaretti
18/09 1537271040 Latina, disinfestazione contro le zanzare il 20 e 21 settembre: ecco dove
18/09 1537270860 Coppa Divisione, la Fortitudo è già fuori. L'Analisi di un Ko (non) annunciato
18/09 1537269300 Martina e la sua Luna, ecco la Onlus per aiutare i ragazzi malati
18/09 1537268700 Ruba dal supermercato alcolici e li nasconde nello zaino: arrestato clochard
18/09 1537259880 Soccorre donna picchiata dal marito e viene aggredita: encomio alla vigilessa
18/09 1537257000 Blitz al campo rom La Barbuta: vietato ogni accesso. Controlli in corso
18/09 1537256280 Ammazzato per pochi spicci e una sigaretta: svolta nell'omicidio di Ardea
18/09 1537255560 Weekend con il Catone Film Festival: presentazione all'osservatorio astronomico
18/09 1537255440 Grande successo per la manifestazione Porte Aperte ai Pratoni del Vivaro
18/09 1537255320 Premio Velitrae ai fratelli registi Avati per i loro 50 anni di attività
18/09 1537253760 Lavori di Acea, domani manca l'acqua a Marina di Ardea e Tor San Lorenzo

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli