[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Aprilia, un'ora e mezza in Procura

L'autista Atac indagato per l'omicidio del marocchino nega ogni responsabilità

Le immagini della videosorveglianza con i due apriliani la sera del fatto, a Campo di Carne
Le immagini della videosorveglianza con i due apriliani la sera del fatto, a Campo di Carne

Ha parlato per circa un’ora e mezza, ha risposto a tutte le domande del sostituto procuratore Giuseppe Miliano e ha negato. Massimo R., 46enne apriliano, autista dell’Atac, indagato con l’accusa di omicidio preterintenzionale, ha negato qualsiasi responsabilità nella tragica notte iniziata con un inseguimento e finita con la morte del 43enne marocchino Hady Zaitouni, già noto alle forze dell’ordine e domiciliato a Tor San Lorenzo.

“Ho chiarito la mia posizione e ora mi sento molto più sereno”, ha dichiarato l’autista dell’Atac ai cronisti, appena uscito dalla Procura della Repubblica di Latina. Dopo aver fatto sostanzialmente scena muta davanti ai carabinieri, l’apriliano ha risposto appunto a tutte le domande del sostituto procuratore Giuseppe Miliano.

Nella notte tra sabato e domenica scorsa, nella periferia di Aprilia è scattata una caccia al ladro. Dopo aver notato un’auto sospetta nei pressi del proprio condominio di via De Filippo, una traversa di via Guardapasso, una Renault Megane con targa romena, i residenti hanno dato l’allarme ai carabinieri. R., insieme al coindagato Giovanni T., 43 anni, guardia giurata dell’ospedale Spallanzani, e a un terzo uomo, un militare, si è messo all’inseguimento della Megane, che è uscita fuori strada sulla Nettunense, nei pressi della stazione di Campo di Carne. Come emerso dalle immagini catturate dalla telecamera di sorveglianza di un bar e da alcune testimonianze, a quel punto gli inseguitori si sono fermati e, mentre R. andava a parcheggiare, sono scesi T. e il militare. Poi li ha raggiunti anche Riccio. Due uomini di nazionalità italiana, di Torvaianica, che erano sulla Megane con Hady sono fuggiti, mentre il marocchino, secondo gli investigatori, sarebbe stato colpito da T. e, caduto a terra, è morto. Nel corso dell’autopsia i medici legali hanno notato sul corpo della vittima, già nota alle forze dell’ordine, dei segni compatibili con un’aggressione, ma gli inquirenti non si sbilanciano ancora sulle cause esatte della morte. Indagati, per omicidio preterintenzionale, sono però finiti solo T. e R.

T., che inizialmente si era allontanato e si è presentato presso la caserma dei carabinieri il giorno dopo, avrebbe ammesso che, temendo di restare vittima di furti, insieme ad altri residenti nel condominio la sera cercavano da qualche tempo di stare allerta e che, notata la Megane su cui poi i carabinieri hanno trovato attrezzi da scasso, si erano messi all’inseguimento, restando in contatto con i carabinieri, per prendere il numero di targa dell’auto. Sempre la guardia giurata avrebbe poi detto di aver solo cercato di bloccare la mano della vittima, che uscita dall’auto cercava di prendere qualcosa in un borsello.

R. invece, assistito dagli avvocati Federico Savo e Andrea Indovino, a cui poi ha affiancato il penalista Angelo Palmieri, con alle spalle un’esperienza in oltre trecento casi di omicidio, ha negato qualsiasi contatto con Hady. “Quando ci siamo avvicinati alla Megane l’auto è ripartita a gran velocità, cercando di investirci – ha dichiarato – e a quel punto l’abbiamo inseguita per prendere il numero di targa”. Dopo che la Renault è uscita fuori strada, l’autista dell’Atac ha quindi precisato di aver parcheggiato e di essersi avvicinato, trovando la vittima già a terra. “Non ho visto nulla, nessun colpo – ha aggiunto – anche perché stavo osservando un altro occupante della Megane che, scavalcando una recinzione, fuggiva. Poi sono subito arrivati i carabinieri e un’ambulanza del 118. Non ho neppure toccato la vittima”. Ripensando a quella notte il 46enne non sembra però avere dubbi: “Se potessi tornare indietro non farei più alcun inseguimento”. “Poteva avvalersi della facoltà di non rispondere e invece ha risposto a tutte le domande, ripercorrendo le diverse fasi di quella notte”, ha evidenziato l’avvocato Palmieri. “Nessuna ronda”, ha poi aggiunto il legale. La posizione dei due indagati è delicata e le indagini proseguono.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18/10 1539882300 "Don't Touch", estorsioni e usura a Latina: le condanne diventano definitive
18/10 1539881340 Al Ministero nessun passo indietro della Coop: "Disponibili al confronto ma..."
18/10 1539880800 Sorpreso a rubare 465 euro di generi alimentari in un supermercato di Aprilia
18/10 1539880440 Tolti i sigilli agli impianti sportivi di Borgo Flora, Doganella e San Valentino
18/10 1539876240 Scontro mortale sulla Monti Lepini a Sezze: perde la vita una donna
18/10 1539873360 Pitbull azzanna a morte un altro cane, scoppia la lite in periferia a Nettuno
18/10 1539873060 Gomme squarciate all’auto del consigliere del Pd di Anzio Lina Giannino
18/10 1539872400 Cosa sta nascendo nell'area ex Casamercato di Pomezia? Certezze e indiscrezioni
18/10 1539871020 Pomezia, Campobello si rifà il look: marciapiedi, nuovo asfalto e segnaletica
18/10 1539868080 Serie C Femminile. La Coccinella festeggia la prima vittoria in casa
18/10 1539866280 Biglietto non convalidato, spinte e pugni ai controllori per evitare la multa
18/10 1539865860 PalaComieco arriva ad Aprilia: in piazza Roma alla scoperta... della carta
18/10 1539865620 Pomezia Calcio, Paolo Armeni è il nuovo DS del Settore Giovanile
18/10 1539865140 Rugby, Serie C1. Rugby Anzio Club, esordio sfortunato sul campo della Lazio
18/10 1539863820 Luana, a 10 anni è campionessa di minimoto: il sindaco di Pomezia la incontra
18/10 1539861540 «Vi ammazzo maledette guardie e sgozzo i vostri figli»: in carcere
18/10 1539859980 Olio e vino, il parco dei Castelli presenta progetto per un'area eco-produttiva
18/10 1539859620 Rifiuti abbandonati, il cimitero è una discarica open space e chi controlla?
18/10 1539859440 #guardachedonna, un concorso per sensibalizzare contro la violenza sulle donne
18/10 1539857220 Comandante dei Vigili Di Bella centrato da un ciclista durante la Gran Fondo
18/10 1539857040 Negozio in disuso dato alle fiamme, paura tra i residenti del centro storico
18/10 1539855300 Caporalato, arrestati due fratelli che sfruttavano i lavoratori agricoli
18/10 1539850680 I bambini di Sermoneta ripuliscono Doganella: operatori ecologici per un giorno
18/10 1539849960 Urbanistica: «Sistema Ardea», rivelazioni shock dell’ex dirigente comunale
18/10 1539848460 Pfizer festeggia i 60 anni di attività dello stabilimento di Aprilia

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli