[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Lazio, altri 3 previsti da decreto Renzi

Inceneritori, fermarli si può. Il caso Marche: vietato bruciare i rifiuti

Gli inceneritori e cementifici della Regione Marche non potranno più bruciare rifiuti, di nessun tipo. È la svolta epocale in materia imposta dal Consiglio regionale marchigiano lo scorso 26 giugno con una legge che nasce da un accordo tra il Pd e il Gruppo misto. Tre i risultati immediati. Primo: l’inceneritore di Macerata, fermo da 5 anni, non potrà essere più riattivato, al contrario di quanto chiesto dal consorzio Cosmari, proprietario dell’impianto. Secondo: sul territorio marchigiano non verrà più costruito uno degli inceneritori (prima 12 poi 8) previsti in dieci regioni italiane (uno gigantesco nel Lazio) dal Governo Renzi con il decreto “Sblocca Italia” e conseguente decreto attuativo di agosto 2016. Terzo, il provvedimento comporterà uno stop totale agli inceneritori, ma anche parziale dei cementifici le cui caldaie d’ora in avanti dovranno essere alimentate solo da metano e carbone e non più anche dalle eco-balle di CSS, il Combustibile Solido Secondario che rappresenta il grosso del materiale con cui vanno avanti. Sono grossi pacchi di carta, plastica, legno e derivati, che gli impianti di Trattamento cosiddetto biologico (TMB) tirano fuori dai rifiuti indifferenziati. Ma CSS sono anche rifiuti speciali come fanghi e scorie di impianti industriali e, in particolare, ceneri di inceneritori e residui di impianti a cosiddetto ‘bio’gas. Una ‘opzione’, quest’ultima, varata da un altro decreto: il cosiddetto ‘Salva Italia’ del Governo Monti che, come per magia, a febbraio 2013 ha trasformato le cosiddette eco-balle di CSS da “rifiuto” a “Combustibile Solido Secondario”, ovvero in ‘carbonella’ a basso costo, ma alto tasso di inquinamento, per i cementifici. Un provvedimento, quello del Governo Monti, molto discutibile dal punto di vista igienico-sanitario e ambientale, che nessuno dei successivi quattro Governi – Letta, Renzi, Gentiloni e Conte - ha finora mai revocato. La nuova legge regionale delle Marche vieta infine di esportare i rifiuti marchigiani all'estero o in altre regioni, come continua a fare drammaticamente il Lazio soprattutto per Roma Capitale.

IL LAZIO BRUCIA 1 MLN DI TONNELLATE/ANNO DI RIFIUTI
Nel Lazio sono attivi tre inceneritori che bruciano 701mila tonnellate all’anno di rifiuti urbani e speciali-ospedalieri (dati Regione Lazio 2016). In particolare, due impianti per ‘soli’ rifiuti urbani: quello a Colleferro (220mila tonnellate all’anno) con due forni, di proprietà della società pubblica Lazio Ambiente e quindi della Regione Lazio che vi stanno “investendo” 9,3 milioni di euro per ammodernarli; uno a San Vittore in Ciociaria (360mila tonnellate all’anno: lo Sblocca Italia vuole aggiungervi un forno da 98.750 tonn/anno) del Gruppo Acea, la municipalizzata al 51% del Comune di Roma. Più uno per rifiuti ospedalieri, nel quartiere di Malagrotta (121mila tonnellate all’anno), in comproprietà tra l’Ama, altra municipalizzata romana dei rifiuti, e il Gruppo del magnate dei rifiuti, Manlio Cerroni. Vi è poi l’inceneritore ‘dormiente’ dentro la discarica di Malagrotta, ma spento da anni, del Gruppo Cerroni, pronto ad essere riattivato in qualsiasi momento. Infine, a bruciare spazzatura sono anche due cementifici privati alimentati da 306mila tonnellate all’anno di CSS, il Combustibile Solido Secondario. Quello di Guidonia è autorizzato dall’Area Metropolitana di Roma a bruciare poco meno di 80mila tonnellate all’anno di rifiuti; quello di Colleferro ha il via libera della Regione Lazio per 226mila tonnellate all’anno di rifiuti.

LA TARIFFA PUNTUALE DI ZINGARETTI RINNEGA L’INCENERIMENTO
la giunta regionale zingaretti bis ha varato a fine giugno – dopo marche ed emilia romagna - una innovativa delibera che impone a tutti i comuni del lazio di adottare entro il 2020 la tariffa puntuale. In sostanza, il cittadino paga solo per le quantità di spazzatura indifferenziata effettivamente conferita: quindi, più e meglio differenzi e meno paghi in bolletta. Ogni utenza avrà un proprio microchip collegato alle buste dell'indifferenziato, così il netturbino potrà controllare cosa viene conferito e in che quantità e risalire al nome e cognome dell'utente. Tale sistema può ridurre drasticamente la quantità di spazzatura indifferenziata che finisce in discarica. Una modalità di tariffazione diffusa in tanti Comuni d’Italia e d’Europa, che punta anche a riciclare quanto più e quanto meglio possibile i materiali. Un sistema che crea un circuito virtuoso che fa bene all’ambiente e alle tasche dei cittadini e che rappresenta l’antitesi dell’incenerimento dei rifiuti. Il quesito sorge spontaneo: ma allora perché non spegnere finalmente anche i tre inceneritori ancora attivi nella Regione Lazio, a maggior ragione visto che sono tutti di proprietà pubblica?

Sei domande per la Regione Lazio
Alla luce della nuova legge della Regione Marche in materia di rifiuti, avete intenzione di fermare gli inceneritori anche nel Lazio? Se sì, nel dettaglio entro quando e con quali modalità? Avete già un programma di dismissione programmata? In caso contrario, per quali motivi? Avete intenzione di bloccare l’incenerimento delle ecoballe di CSS nei due cementifici regionali? Pensate di poter bloccare la pratica della ‘transumanza’ dei rifiuti prodotti nel Lazio verso altre regioni o nazioni? Sono le domande che abbiamo inviato al Governatore, Nicola Zingaretti, e agli assessori Massimiliano Valeriani (Rifiuti) ed Enrica Onorati (Ambiente).
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:02 1545044520 Serie A2, Girone B. Mirafin, un pari indigesto contro Cefalù
11:53 1545043980 Serie B, Girone E. La Fortitudo Futsal Pomezia sbanca Cagliari ed è terza
11:27 1545042420 Al via il Trenino di Natale a Nettuno, si inizia con i bimbi delle scuole
11:25 1545042300 Commissariata la Lega di Anzio, inviato un coordinatore straordinario
11:22 1545042120 Rischia di saltare il bus-navetta che collega Albano, Ariccia e Genzano
11:17 1545041820 Qualità della vita: la provincia di Latina sale di 10 posizioni rispetto al 2017
11:05 1545041100 Rincari sulla bolletta dell'acqua dal 2019: bagarre tra i sindaci dell'Ato 2
11:03 1545040980 La viabilità su via Nettunense 'rallenta' le ambulanze verso il nuovo ospedale
10:23 1545038580 Anziano investito a Torvaianica: torna la polemica sulla sicurezza del lungomare
10:22 1545038520 Santa Chiara: lavori ancora non ultimati, ma al via le attività per ragazzi
10:06 1545037560 Lanterne in cielo per ricordare chi non c'è più
09:51 1545036660 Questo piatto di grano, la storia dei coloni pontini di Giulio Alfieri a Latina
09:46 1545036360 Note di Natale, il concerto a favore dell'associazione Martina e la sua luna
09:33 1545035580 Conto alla rovescia per l'inizio dei saldi invernali: dureranno 6 settimane
09:08 1545034080 Incidente sulla Nettunense, scontro auto moto: traffico paralizzato
09:01 1545033660 Investito grosso animale, treno soppresso: migliaia di pendolari bloccati
08:29 1545031740 13esima edizione del Festival pontino del cortometraggio: ecco i vincitori
08:26 1545031560 Traballa la sede della Città del Vino di Genzano: trasloco in vista?
08:18 1545031080 Il presepe di nonno Vincenzo scelto insieme a altri 99: sarà esposto in Vaticano
08:02 1545030120 Pulizia natalizia della spiaggia di Foceverde: raccolte decine di kg di plastica
07:47 1545029220 A piedi da Castel Gandolfo a Genzano per la difesa del clima
16/12 1544994120 Serie C Gold, Anzio Basket Club Ko con la Fortitudo
16/12 1544993460 Serie A2. Latina Basket, a Treviglio decisivi i minuti finali
16/12 1544992920 Pallanuoto, Serie A2 Girone Sud. Latina Pallanuoto Anzio, sei uno spettacolo
16/12 1544992140 Serie B1, Girone D. La Giovolle Aprilia chiude il 2018 con un altro tris

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli