[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

L'Assessore Lessio spiega il progetto

Biometano a Latina Scalo, ci sarà un Comitato di controllo. Il Comune vigilerà

Progetto tipo - Biometano della Recall
Progetto tipo - Biometano della Recall

L’impianto di biometano da rifiuti organici a Latina Scalo non può bloccarlo adesso il Comune di Latina. Né tantomeno può farlo secondo la procedura invocata dal Consigliere di opposizione Nicola Calandrini, ex Presidente del Consiglio comunale quando spuntò un parere favorevole “di massima” dall'allora capo dell'urbanistica comunale il 1° giugno 2016, arch. gen. Giovanni Della Penna da Cisterna. Quel che invece è sicura di poter e voler fare l'Amministrazione Coletta è “vigilare affinché siano rispettate tutte le prescrizioni”. Ossia controllare che, se e quando sorgerà, l'impianto della Recall Latina Srl operi nel rispetto di tutti i criteri imposti dalle autorizzazioni.

CONTROLLO PUBBLICO APERTO E SANA GESTIONE DEI RIFIUTI
È questo uno dei cardini della delibera proposta dal capogruppo di LBC Dario Bellini, che dà mandato a Sindaco, Giunta e uffici comunali di istituire un Comitato di controllo con la partecipazione dei residenti, di realizzare altri impianti di biometano a gestione pubblica con altri Comuni per una gestione dei rifiuti improntata all'economia circolare, anche attraverso i fondi regionali per le compostiere di comunità e il ripristino delle cosiddette Isole Ecologiche e di evitare con ogni mezzo legale la riapertura della discarica di Borgo Montello. Tutto ciò è stato apporvato dal Consiglio comunale mercoledì 6 giugno. Favorevole LBC con 18 “sì”, contrari Nicola Calandrini, Andrea Marchiella e Matilde Celentano. L’atto proposto da Bellini non dà comunque per scontato che l’impianto arrivi, parlando di “sua eventuale realizzazione”.

«IL COMUNE NON HA POTERE DI BLOCCARE IL PROGETTO»
Calandrini ha chiesto di annullare il “sì” della Provincia di Latina invocando la discussione e il voto dell'Aula sul progetto che, secondo lui, doveva passare al vaglio del Consiglio comunale. «Ciò non è possibile semplicemente perché la normativa che disciplina (meglio dire che liberalizza) la realizzazione di questi impianti – replica l'Assessore all'ambiente Roberto Lessio -, considera questi impianti come strategici per la politica energetica nazionale, dichiarandoli di pubblica utilità e indifferibili, anche se proposti da privati. La legge di riferimento è il decreto legislativo 387/2003, emanato dal governo Berlusconi ma sostanzialmente avallato anche dal centro sinistra e dalle principali associazioni ambientaliste italane. In base a tale decreto - spiega Lessio -, nel rispetto delle altre normative specifiche sui vincoli e gli insediamenti abitativi, questi impianti possono essere realizzati pressoché ovunque: anche in zone agricole, oltre che in zone industriali e artigianali. Di fatto – ragiona l’Assessore - gli Enti locali sono stati così espropriati delle capacità-necessità di programmazione degli interventi sul proprio territorio».

NESSUNO SI OPPOSE QUANDO FU PRESENTATO L’INIZIALE PROGETTO
Al di là del ripasso sulle regole vigenti, l'autorizzazione definitiva arriverà solo con la valutazione di ottemperanza, cioè dopo che la Recall Latina avrà dimostrato di essersi adeguata alle prescrizioni imposte dalla Provincia. «L’iter autorizzativo del progetto, nella iniziale versione centrale a 'bio'gas (gas dai rifiuti bruciato tutto in loco per generare elettricità, ndr), è iniziato il 1° ottobre del 2013 – rammenta Lessio -. La prima Conferenza dei Servizi c’è stata a marzo 2015, con Giovanni Di Giorgi sindaco e Nicola Calandrini presidente del Consiglio comunale. Nessun Ente interessato in quella fase dall’AUA (Autorizzazione Unica Ambientale), men che meno la parte politica dell’Ente Comune di Latina, ha depositato agli atti documenti che dimostravano l’improcedibilità e situazioni ostative alla realizzazione del progetto in versione centrale». Anzi, in modo un po’ ballerino, arrivò una specie di “sì” comunale. «Il Servizio Urbanistica del Comune di Latina – aggiunge Lessio - si era espresso, in data 01/06/2015, con un parere “sostanzialmente favorevole”».

IL FAR WEST DEI ‘BIO’GAS FURBETTI
Nel frattempo però la Regione fu inondata di richieste autorizzative per centrali a 'bio'gas che in realtà mascherano impianti di smaltimento di varie tipologie di rifiuti, mentre quello proposto a Latina Scalo aveva richiesto ed ha ottenuto autorizzazione solo per due codici CER: sostanza organica proveniente da raccolta differenziata e prodotti organici di scarto provenienti dalle agro-industrie locali. Dal canto suo la Regione ha retto il gioco con una presunta pianificazione del settore rifiuti che oggi vede il Lazio senza un serio Piano e si rischia addirittura - come intimato dal Tar a fine aprile  che a decidere nuove discariche e altri impianti sia il prefetto di Roma. «Il nuovo progetto Recall – precisa l'Assessore Lessio - oltre all’energia recupera materia, sotto forma di compost e/o ammendante organico da restituire ai terreni agricoli, così come prevedono la normativa italiana sugli impianti di produzione da fonti rinnovabili e il nuovo pacchetto sull’Economia Circolare dell’UE. La nuova versione dell'impianto Recall a Latina Scalo determina diversi vantaggi economici ed ecologici, che superano di gran lunga la criticità della localizzazione». 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07:55 1537336500 Patti di collaborazione tra Comune e cittadini per il decoro dei quartieri
07:48 1537336080 La Locanda Martorelli nel progetto Notte Europea dei Ricercatori
07:46 1537335960 Traffico e parcheggi creano problemi agli operatori e al servizio 118 a Velletri
07:45 1537335900 Ciampino, stasera la fiaccolata contro i roghi tossici del campo rom
07:30 1537335000 A Grottaferrata è allarme calabroni asiatici. Uomo punto è in choc anafilattico
18/09 1537302900 Rifiuti ai lati della Ferrovia, a Nettuno al via le operazioni di bonifica
18/09 1537302660 Piscina di Anzio, show del Sindaco in commissione: "Mi aspetto complimenti"
18/09 1537289640 Velletri, presentata la Festa dell'Uva e del Vino del 28, 29 e 30 settembre
18/09 1537289400 A Rocca di Papa in centinaia ai funerali dei coniugi uccisi dai funghi velenosi
18/09 1537281840 Il giovane attore Simone Liberati protagonista di La Profezia dell'Armadillo
18/09 1537280220 Coop assicura: «Cessione e non chiusura di punti vendita nel Lazio Sud»
18/09 1537279620 Finisce con la Punto contro la rotatoria di via Nettunense, anziano ferito
18/09 1537278240 Riparte la programmazione della Sala Lepanto con la proiezione de L'ora legale
18/09 1537275540 Serie A2. Mirafin, Graziano Gioia punta ad una grande stagione
18/09 1537275480 Ancora fuoco ad Ardea, vasto incendio di rifiuti. Sentite numerose esplosioni
18/09 1537274400 Nuovo Ponte Mascarello, accordo con il Comune: sarà la Sogin a realizzarlo
18/09 1537272660 Serie C femminile. La Coccinella, si alza il sipario sulla stagione
18/09 1537271700 Miss Italia2018, la più bella nello scatto del fotografo nettunese Valerio Cosmi
18/09 1537271580 Fare Verde e Save the sea organizzano la pulizia dei Marinaretti
18/09 1537271040 Latina, disinfestazione contro le zanzare il 20 e 21 settembre: ecco dove
18/09 1537270860 Coppa Divisione, la Fortitudo è già fuori. L'Analisi di un Ko (non) annunciato
18/09 1537269300 Martina e la sua Luna, ecco la Onlus per aiutare i ragazzi malati
18/09 1537268700 Ruba dal supermercato alcolici e li nasconde nello zaino: arrestato clochard
18/09 1537259880 Soccorre donna picchiata dal marito e viene aggredita: encomio alla vigilessa
18/09 1537257000 Blitz al campo rom La Barbuta: vietato ogni accesso. Controlli in corso

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli