[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Olivetti spiega perché ha lasciato

"Federlazio non rappresenta più i nostri interessi". L'ira dell'ex Presidente

Giampaolo Olivetti, ex Presidente di Federlazio Latina
Giampaolo Olivetti, ex Presidente di Federlazio Latina

Non rappresenta più i nostri interessi, impossibile dare una strategia nostra. Così Giampaolo Olivetti lascia il ruolo di presidente di Federlazio Latina, dopo soli sei mesi. Il manager ha di vulgato la lettera con cui spiega perché si è dimesso nei giorni scorsi da Presidente della nota associazione di categoria della Piccole e Medie Imprese pontine. L'abbandono della carica appare strettamente connesso alla 'cacciata' del Direttore di Federlazio Latina, Saverio Motolese, che la Giunta romana dell'associazione ha rimosso il 22 maggio scorso contro la volontà degli associati pontini: “fatto gravissimo ed intollerabile”, attacca l'oramai ex Presidente che affronta senza girarci intorno, ma senza mai farne nome e cognome, il Direttore generale Luciano Mocci: “L'Associazione è e rappresenta gli interessi degli imprenditori e non del Direttore Generale”. L'ex Presidente, eletto lo scorso 17 novembre, ripropone l'eterno conflitto e il nodo irrisolto dell'autonomia decisionale e la ricerca di espressione propria del capoluogo pontino rispetto a Roma: un rapporto tra periferia e Capitale sempre spinoso, in economica come in politica.

“QUESTA FEDERLAZIO NON RAPPRESENTA PIÙ I NOSTRI INTERESSI”

“Il motivo che mi ha portato a lasciare l'associazione sia come Presidente, sia come associato, è che questa Federlazio non corrisponde più al mio ideale di associazione – spiega il manager -. Dieci anni fa, quando sono entrato per la prima volta nel Consiglio Direttivo di Latina e nella Giunta Esectiiva di Roma, ho trovato un'associazione che voleva aggregare imprenditori e farsi portavoce delle politiche industriali degli stessi presso gli organi e le sedi più opportune. […] Ritengo, purtroppo, che ad oggi – prosegue la missiva inviata ai colleghi di Federlazio Latina – la finalità 'di rappresentare gli interessi dei propri associati', come si legge nel sito dell'associazione, sia venuta meno e che il 'caso Motolese' rappresenti solo un evento esemplificativo di tale depauperamento degli interessi e delle aspettative degli associati”.

“IMPOSSIBILE DARE INDIRIZZO STRATEGICO”

“Gli imprenditori in Federlazio – scrive Olivetti con carattere sottolineato – non hanno più la possibilità di dare un indirizzo strategico e politico all'associazione. A Latina si era creato un gruppo di imprenditori fortemente coeso che partecipava attivamente ai Consigli Direttivi e alle numerose iniziative organizzate, portando sempre nuove idee e nuovi progetti per far crescere le imprese e la Federlazio. Avevo l'onore di presiedere questo gruppo, diretto con competenza e professionalità dal Direttore Motolese e supportato egregiamente da tutto lo staff della sede di Latina”. Eppure, lamenta Olivetti, “nonostante gli ottimi risultati raggiunti e l'inequivocabile gradimento da parte degli imprenditori per il lavoro svolto sul territorio da Motolese e dallo staff, il Direttore Generale e il Presidente hanno portati all'attenzione della Giunta di Federlazio la controversia relativa al licenziamento di Motolese, ritenuto necessario in quanto lo stesso, a loro dire, non era allineato alle 'direttive romane'”.

ROMA SCHIACCIA LA VOLONTÀ DEGLI IMPRENDITORI DI LATINA

E poi alcuni fatti: “Gli imprenditori del Consiglio Direttivo di Latina, notiziati ex post (a cose fatte, ndr), hanno sottoscritto ed indirizzato alla Giunta di Roma una diffida dal prendere qualsiasi decisione senza aver preventivamente ascoltato la sede territoriale direttamente interessata; dettagliatamente enucleando i motivi dell'assoluta contrarietà al licenziamento di Motolese. Dunque, il Consiglio Direttivo di Latina ha provato in tutti i modi a convincere la Giunta che il licenziamento del Direttore non sarebbe stato né opportuno né condiviso. Tuttavia, nonostante questa forte presa di posizione, non è stata in alcun modo ascoltata la voce e la volontà dei due organi statutari eletti dall'assemblea generale dei soci di Federlazio Latina, dunque ad ogni effetto loro rappresentanti, quali in Consiglio Direttivo e il Presidente”.

STILETTATA AL CAPO ROMANO LUCIANO MOCCI

“Tale accadimento rappresenta un fatto gravissimo ed intollerabile che ha leso un principio fondamentale del mondo Associativo, vale a dire che l'Associazione è e rappresenta gli interessi degli imprenditori e non del Direttore Generale (LUCIANO MOCCI, NDR). In virtù di tale principio, ferme restando le prerogative statutarie, il potere decisionale in merito al licenziamento del Diretto si sarebbe dovuto riservare – quanto in termini di opportunità e di condivisione – agli imprenditori di Latina e non alla Giunta di Roma, composta da imprenditori che non conoscevano (ed evidentemente non conoscono) assolutamente la preparazione e il lavoro (di lungo corso, 18 anni!) del direttore Motolese”. Ingerenze inaccettabili che hanno minato in modo irreversibile il vincolo fiduciario che è, o meglio dovrebbe essere, il fondamento della finalità e della vita associativa.

ABBANDONO IN MASSA

Per questo motivo il sottoscritto, nonché tutti i membri del Consiglio Direttivo di Federlazio Latina e gli altri imprenditori hanno deciso di dimettersi da tutte le cariche statutarie (Presidenza e Vice presidenza di Federlazio Latina e delle Categorie regionali, Consiglio Generale, Giunta Esecutiva Regionale e infine Consiglio Direttivo di Latina). Ovviamente, ogni imprenditore ha altresì comunicato il recesso delle proprie aziende anche da Federlazio. Anche altri imprenditori, a quanto mi consta, compresi bene i fatti sottesi a tale vicenda, hanno comunicato il loro intento di dimettersi dall'associazione che, evidentemente, non li rappresenta più. Ringrazio tutti voi per la fiducia che mi avete accordato a novembre 2017, quando mi avete eletto Vostro Presidente. Mai avrei pensato che il mio mandato sarebbe stato così breve. Al contrario pensavo che avrei potuto contribuire a far crescere la Federlazio di Latina, come negli ultimi anni ho fatto crescere le mie aziende, ma - come noi imprenditori sappiamo bene - non sempre le cose vanno come uno desidera. Lascio ad altri fantomatiche quanto ridicole teorie complottistiche, vivo con e per le mie aziende e non ho interesse a collezionare gettoni di presenza”, conclude Olivetti, augurando ai colleghi ed alle loro aziende “un Grande Futuro e tanta Prosperità”.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:02 1547744520 Protogonos della compagnia Dueditre apre la stagione di danza al Fellini
17:51 1547743860 Sbarco, la Proloco Sangallo e Poste propongono 8 cartoline commemorative
17:50 1547743800 Ciak ad Ariccia per la serie tv Diavoli con Patrick Dempsey e Alessandro Borghi
17:48 1547743680 La polizia privata sorprende un ladro a rubare a Lido dei Pini, Anzio: arrestato
17:45 1547743500 Malore nella notte, donna di 53 anni muore in casa nella notte a Nettuno
16:33 1547739180 Le gelate mettono ko la produzione di olio, chiesto il risarcimento in Regione
16:15 1547738100 Violento scontro tra auto e moto su via del Muro Bianco a Albano, centauro grave
15:41 1547736060 Incidente con ferito sulla SP 140 a Castel Gandolfo, si cercano testimoni
15:35 1547735700 Auto rubata ad Ariccia e ritrovata nel bosco dei Campi di Annibale
14:10 1547730600 Veicolo con targa falsa e senza assicurazione: denuncia e maxi multa
13:52 1547729520 Genzano, ripristinato servizio di assistente su scuolabus, ma aumenta la tariffa
13:26 1547727960 Valerio Catoia diventa un supereroe di una tesi di maturità in Svizzera
13:00 1547726400 Tre consiglieri di maggioranza lasciano Latina Bene Comune
12:49 1547725740 Minaccia di morte e picchia la convivente: arrestato 53enne
10:51 1547718660 Delfino spiaggiato rinvenuto sul litorale, accertamenti in corso
10:41 1547718060 Coop, fumata nera al Ministero: chiudono Velletri, Aprilia e Pomezia
10:22 1547716920 Tevere da bere grazie alla ‘manina’ dei 5 Stelle in Regione Lazio
08:57 1547711820 A fuoco un camion carico di cartone sulla Laurentina a Pomezia
08:15 1547709300 Clochard investito e ucciso a Roma, arresto "made in Castelli" per il pirata
08:07 1547708820 Under 16. Virtus Invicta Pomezia, seconda vittoria di fila
07:57 1547708220 A processo la banda delle rapine a sale slot e ristoranti a Latina e Nettuno
07:57 1547708220 Latina, scuola di via Quarto: fondi dal Ministero per un'aula all'avanguardia
07:50 1547707800 Crimine all'ombra del calcio, inutilizzabili le intercettazioni all'ex deputato
07:47 1547707620 Ladri nella scuola elementare: rubati i soldi del distributore automatico
07:41 1547707260 Governo bocciato sulla nomina di Ricciardi alla presidenza del Parco del Circeo

Sport
< <

Eventi

Ad Ariccia l'eccellenza dell'ortopedia

Sirio costruisce a mano protesi e tutori su misura con tecnologie avanzate

Ad Ariccia l'eccellenza dell'ortopedia

Ci troviamo nel centro di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie a sostegno della persona di Sirio Ortopedia. Si tratta di un’azienda con anni di esperienza nell'ortopedia e nei disturbi dell'apprendimento, convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale e l' INAIL, che si trova nella frazione di Cancelliera di Ariccia, a due passi da Albano, Ardea,...

Inchieste
[+] Mostra altri articoli