[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Manca il Piano, Tar nomina Prefetto

Rifiuti: Lazio a rischio commissariamento. Nuova emergenza fatta a tavolino

Borgo Montello - La megadiscarica che ha inquinato 
le falde e il fiume Astura, 
in pieno Agro coltivato
Borgo Montello - La megadiscarica che ha inquinato le falde e il fiume Astura, in pieno Agro coltivato

La Regione Lazio a un passo dall’essere commissariata sui rifiuti: le saranno tolti i poteri in materia per affidarli ad un Commissario, se non individua la “rete integrata e adeguata di impianti per la gestione dei rifiuti necessari a conseguire l’obiettivo dell’autosufficienza su scala regionale”. Lo ha deciso il Tribunale amministrativo del Lazio, sezione prima ter, con la sentenza 4524 del 28 aprile scorso. Zingaretti & co. hanno “l'obbligo di dare esecuzione entro 60 giorni” dalla notifica, scrivono i giudici Alessandro Tomassetti, Rita Tricarico e Francesca Petrucciani. L’ultimaum arriva dopo che l'Ente non ha eseguito l'ordine impartito dallo stesso Tar il 7 marzo 2016 con la sentenza 2092, passata in giudicato perché non impugnata da nessuno. Le due decisioni danno seguito al ricorso della Rida Ambiente, autorizzata dalla Regione stessa a smaltire ben 409mila tonnellate annue di indifferenziato (li separa e ne fa balle da bruciare negli inceneritori), e lasciata dalla stessa Regione senza un sito dove interrare gli scarti. 

‘EMERGENZA’ 2000, CON LA SCUSA DEL  GIUBILEO... 2018: COLPA DI CHI?
Nel febbraio 1999, fu proclamato lo stato di emergenza nella provincia di Roma, poi esteso alle altre 4 province del Lazio.  La colpa del commissariamento fu data al Giubileo del 2000. Si disse che la Capitale sarebbe stata invasa dai pellegrini e quindi non si sapeva dove smaltire i rifiuti in più: una “bufala” pazzesca, che però ha messo d’accordo tutti. Uno stato di emergenza prorogato fino al 30 giugno 2008 con ben otto decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Una marea di atti commissariali autorizzarono gran parte dell’impiantistica attuale nel Lazio: impianti che si occupano di tutto tranne che di permettere la raccolta differenziata così come previsto dalla legge. Adesso la scusa per la 'nuova' emergenza e il conseguente commissariamento potrebbe essere servita su un cassonetto d'argento dall'autorità giudiziaria. A dicembre scorso è scaduto il Piano Regionale dei Rifiuti approvato a inizio 2012 dalla Giunta Polverini (poi aggiornato un paio di volte dalla Giunta Zingaretti). La Regione Lazio dovrà elaborare e approvare urgentemente un nuovo “scenario di controllo” indicando dove realizzare ulteriori discariche a servizio dei TM e TMB, impianti che trattano rifiuti indifferenziati per smaltire i cosiddetti sovvalli, cioè tutto ciò che non viene spedito agli inceneritori. 

POLITICA FASULLA, DECIDONO I GIUDICI
Se la Regione continua a non adempiere, scatta automaticamente un Commissario ad acta, individuato già nel Prefetto di Roma o in un suo delegato, che dovrà adottare il medesimo provvedimento entro 60 giorni. La sentenza specifica inoltre che il nuovo scenario oggetto dell’ottemperanza non riguarda le “discariche attualmente esistenti ed operanti nel territorio regionale”. In sostanza il Commissario, con poteri straordinari, potrà decidere da solo dove costruire i nuovi invasi. Un film già visto troppe volte: politici-pubblici amministratori non decidono cosìcché si crea l’emergenza, magari nel valer dei contenziosi. 

BACCHETTATA DELLA ECOMAFIE
L'arrivo imminente di un Commissario ai rifiuti nel Lazio salverebbe la faccia a certi pubblici amministratori, preservando il far west monnezzaro in cui i lobbisti dettano legge. 
I politici della Regione potranno dire: colpa dell'emergenza, non abbiamo scelto noi, ci hanno tolto i poteri. Si perpetua quello che ha ribadito l'ultima relazione della Commisione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti: “una realtà costantemente esposta al rischio di quella che, impropriamente, verrebbe definita emergenza”, in cui “l’intero territorio regionale risultano condizionati da “eventi assolutamente prevedibili”, che tuttavia diventano “subito ingovernabili”. E indovinate chi li 'governerà'? 
I soliti noti. Chissà perché l’Area Metropolitana presieduta dalla Sindaca capitolina Raggi e le Province (eccetto Latina) non approvano il piano provinciale dei rifiuti e chissà perché il Consiglio regionale non approva un nuovo piano regionale rifiuti. Da oltre due anni, invece, la Regione ha approvato (vedi riquadro in basso) la necessità di continuare a scaricare rifiuti nelle discariche esistenti. 

 

L'ASSIST DI ZINGARETTI

L’Allegato al Piano per il fabbisogno di smaltimento approvato con Delibera di Giunta Regionale n.199/2016, prevede: “È pertanto necessario prevedere da subito la possibilità di effettuare ampliamenti e/o sopraelevazioni degli impianti esistenti ed in esercizio, secondo le normative vigente”. Un chiaro assist alla nuova emergenza futura. Ma l’esito non è scontato.



[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
23/06 1529771280 37enne gettato in acqua e derubato del gommone: "pirati" in azione
23/06 1529768160 La lotta della Guardia di Finanza ai furbi delle tasse e del ticket sanitario
23/06 1529766420 Tfr dei dipendenti Ipi, vertice in comune a Nettuno per trovare una soluzione
23/06 1529766300 Scritte contro Allah ad Anzio, i residenti fanno ripulire gli insulti
23/06 1529766180 Atto vandalico su via Gramsci al centro di Nettuno, spaccata una panchina
23/06 1529764680 Senza biglietto, 18enne si rifiuta di scendere dal Cotral e minaccia l'autista
23/06 1529764560 "Italiani di m...": immigrato minaccia i poliziotti, arrestato a Latina
23/06 1529763840 Tossicodipendente come una furia al Sert del Goretti: voleva più metadone
23/06 1529763420 Latina senza più approdi per le barche: i diportisti scendono in piazza
23/06 1529759580 Il sindacato autonomo Confail nel chimico-farmaceutico con un rappresentante
23/06 1529758740 Perdite idriche nella zona industriale di Pavona: i rattoppi non tengono
23/06 1529753040 Responsabile di tre rapine quando era ancora minorenne: arrestato
23/06 1529752860 51enne di Aprilia ai domiciliari per reati commessi 12 anni prima
23/06 1529752620 Cassiere infedele ruba il portafogli di un cliente: denunciato un mese dopo
23/06 1529751120 Weekend di festa per la parrocchia di San Tommaso d'Aquino
23/06 1529748780 Dopo il colpo in gioielleria i ladri speronano l'auto dei metronotte e fuggono
23/06 1529748480 Incendio nella rimessa di una villa ad Ardea, Vigili del Fuoco al lavoro
23/06 1529746680 Su Aprilia in mezz'ora caduta la stessa quantità di pioggia di tutto giugno
23/06 1529746020 Ariccia, a Palazzo Chigi convegno sui Rischi naturali e gestione delle emergenze
23/06 1529744580 Genzano, lo spettacolo al PalaCesaroni con le scuole di danza del territorio
23/06 1529743740 Cade dal motorino e viene investito da un'auto: muore 36enne di Ardea
23/06 1529738100 Arrestato il 22enne spacciatore del Parco dell'Ombrellino a Frascati
23/06 1529737740 Ennesimo camion ribaltato in curva sulla Pontina: sempre allo stesso punto
23/06 1529737440 Tragico rientro del sabato sera: 20enne muore nell'auto uscita di strada
22/06 1529682720 Evade dai domiciliari, ma nel rientrare a casa di notte sbaglia casa: arrestato