[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Cultura per fermare il far west edilizio

Roma sud assediata dal cemento, cittadini in rivolta: Vincolate quei 460 ettari!

<
>
Castello della Cecchignola
Uno dei tesori dell'Agro romano sud dove sono previsti altri 5 milioni di mc di cemento
Castello della Cecchignola Uno dei tesori dell'Agro romano sud dove sono previsti altri 5 milioni di mc di cemento
Salvo Barrano - Presidente dell'Ass. nazionale archeologi
Salvo Barrano - Presidente dell'Ass. nazionale archeologi
Carlotta Bassoli - Presidente Ass. nazionale archeologi del Lazio
Carlotta Bassoli - Presidente Ass. nazionale archeologi del Lazio

Salvare quel che resta dell'Agro romano nel territorio sud della Capitale, non più con tutele “puzzle”, ma nel suo insieme. È lo scopo degli studi e della mobilitazione di cittadini, professionisti del settore e associazioni locali, ma pure dei loro rappresentanti istituzionali al IX Municipio. Una sorta di Davide di fronte al Golia deigli speculatori e dei loro referenti a Palazzo. Due iniziative in particolare sono sul tavolo. Una è la proposta inoltrata a fine febbraio al Mibact, il Ministero dei Beni culturali, per far dichiarare area di notevole interesse pubblico l'intero territorio dell'area vasta del Fosso della Cecchignola e del Fosso di Fiorano. 
Un patrimonio che si estende su 460 ettari, fino al Raccordo, e si congiunge con l'Agro già vincolato, fino al mare, ai confini con Pomezia e Castelli Romani e Parco dell'Appia Antica. L'altra iniziativa per tamponare l'assalto delle gru è l'istanza alla Regione Lazio affinché dichiari Monumento naturale l'area del Fosso della Cecchignola, meno ampia. 

CHE FARÀ LA REGIONE?
Per questa seconda richiesta c'è ora una certa attesa visto che sono decorsi i termini utili per eventuali osservazioni: alla vigilia delle elezioni dello scorso 4 marzo, la Regione Lazio ha accolto la richiesta, ma al ribasso, tagliando fuori dalla possibile tutela circa un terzo del territorio interessato. Perciò più di qualcuno ha protestato e presentato osservazioni insistendo per l'accoglimento integrale della richiesta di vincolo così come formulata da associazioni e IX Municipio. Anche in questo caso a farsi sentire in queste vicende è una nutrita pattuglia di realtà associative aderenti al Gruppo Territorio Ambiente. G.T.A., forti di diverse professionalità del campo, architetti, urbanisti, archeologi,  

E IL MINISTERO?
La richiesta al Mibact per la dichiarazione di notevole interesse pubblico è stata inoltrata dalle associazioni AttivaMente Cecchignola, Cecchignola Vivibile, Piazza Cerva e dintorni, La Vigna, Gentes, Quartiere Dalmata, Coordinamento Agro Romano Bene Comune. 
L'intento, spiegano dal G.T.A., “è di completare la protezione dell'Agro Romano Meridionale (già soggetto in larga parte a tale Dichiarazione) estendendone la tutela alla sua porzione settentrionale e di valorizzare la sua funzione di cerniera fra il Parco dell'Appia Antica e la Riserva naturale Laurentino Acqua Acetosa”. Un “atto necessario per compensare in termini ambientali l'enorme quantità di metri cubi (compresi tra un milione e 200mila e un milione e mezzo) di interventi in corso o previsti, che nell'intero Municipio IX raggiungono quasi i 5 milioni in aperto contrasto con le peculiarità naturali dell'area – sottolineano gli attivisti -, ancora in gran parte intatta, dotata di un patrimonio naturale meritevole di salvaguardia e che potrebbe essere utilizzata a scopo ricreativo e socio-culturale”. 

NATURA, CULTURA, VITA… SANA ECONOMIA
L'area dei Fossi della Cecchignola e di Fiorano, per la quale le associazioni chiedono alla Belle Arti di voler tutelare nella sua interezza, spiegano, “è anche in grado di generare convenienze economiche derivanti proprio dalla realizzazione di un sistema di tutela e valorizzazione delle risorse”. 
Si tratta, insomma, di decidere su cosa puntare d'ora in avanti: cemento a tutto spiano oppure natura, cultura, turismo. A sostegno di tutto ciò le associazioni hanno presentato anche proposte per l'istituzione di un'area archeologica, laddove emergono in continuazione notevoli reperti della Roma antica, “intorno all'asse dell'Ardeatina antica, tutti minacciati dalla previsioni di costruzioni”.

BASTA CON LA TUTELA PUZZLE 
L'impostazione e la salvaguardia, invocate da cittadini e professionisti portatori sani di discipline urbanistiche, puntano ad una visione che superi le tutele puntuali, limitate cioè al singolo pezzetto di terreno e al singolo reperto, a mo' di vetrina con il ritrovamento accerchiato dal cemento. 
«Si tratta ora di fornire tutele areali - spiega Pier Luigi Albini, del GTA -, che  salvaguardino l'area più larga dove si presume che vi siano altri resti”. Dunque un unicum in cui si rispetti e valorizzi anche il contesto. La proposta al Mibact non dovrebbe essere stata cestinata. «Abbiamo chiesto un incontro alla Soprintendenza, attendiamo di essere convocati, vogliamo collaborare. Il 20 maggio presenteremo l'intera proposta, con analisi urbanistica dettagliata», dice Albini. 

ASPETTANDO ZINGARETTI
Nel frattempo, sulla richiesta alla Regione di dichiarare Monumento naturale il Fosso della Cecchignola si spera in un ravvedimento dell'Ente. Intanto, a febbraio scorso il Consiglio regionale ha rinviato per l'undicesima volta in undici anni la discussione e approvazione definitiva del PTPR, l'agognato Piano territoriale paesistico regionale che mette paletti e detta regole precise. 
Con l'affaire Cecchignola, Zingaretti e i suoi hanno un'ottima occasione per dimostrare da che parte stanno. Tanto più che non è più la Regione Lazio dove a presiedere la Commissione Ambiente c'era l'immobiliarista che vendeva “non sogni ma solide realtà”. 

ALTERNATIVA: LA STRADA MILITARE
Le associazioni del Gruppo Territorio Ambiente e il Municipio IX hanno chiesto di modificare il Piano regolatore: chiedono di attuare proposte alternative, in particolare riaprendo al traffico pubblico via dei Genieri, dentro l'area militare. La proposta è in lavorazione al Municipio IX, che l'ha approvata con apposita mozione all'unanimità  nell'intento in particolare di bloccare la strada grande che sorgerebbe com prolungamento di via Kobler e che stravolgerebbe – lamentano i cittadini - l'area del fosso della Cecchignola. 

Indagini archeologiche bluff: la Procura osserva

C'è attesa anche per l'esposto penale presentato dall'ANA, Associazione nazionale archeologi, con il coordinamento Agro Romano Bene Comune e il Gruppo Territoriale Ambiente del IX Municipio. “Troppe anomalie abbiamo riscontrato in questa brutta vicenda”, tuona Carlotta Bassoli presidente ANA Lazio. Esperti e cittadini denunciano alla Procura della Repubblica romana “i mancati chiarimenti alle ripetute segnalazioni presentati a Roma Capitale” e chiedono misure efficaci di tutela dei resti archeologici individuati e del loro contesto paesaggistico “che rischiano di essere irrimediabilmente compromessi dal programma di intervento urbanistico APPD Cecchignola Ovest”. Operazione immobiliare che interessa l'area tra via della Cecchignola, vicino l'incrocio con via Kobler, via M. Mead, via Malnati e fosso della Cecchignola e comprensorio Colle delle Gensole. «È un'area molto importante dal punto di vista archeologico – ha spiegato Salvo Barrano, presidente dell'Associazione nazionale archeologi – e quel Piano di zona è stato eseguito senza prima eseguire adeguate indagini preventive e senza tener conto della compatibilità anche paesaggistica. Il rischio è che la costruzione di palazzoni e indagini a singhiozzo abbiano compromesso definitivamente la bellezza dell'intero contesto paesaggistico e impedito una possibile valorizzazione dei ritrovamenti». L'esposto muove pesanti accuse alla procedura seguita in Campidoglio e chiede alla Procura di accertare “eventuali profili di illiceità penale e di individuare i possibili responsabili”.

F.B. 

Tags: roma  cecchignola  cemento 


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:35 1532014500 Terracina, sequestrate strutture abusive di uno stabilimento balneare
16:22 1532010120 Auto si ribalta all'incrocio in pieno centro ad Aprilia: paura per il conducente
16:09 1532009340 Giardino pubblico rinnovato a Martin Pescatore: inaugurazione con il sindaco
15:57 1532008620 Terracina, la ex scuola "Lama" ospiterà aule e laboratori del Filosi
15:20 1532006400 Frascati sbarca in Cina: al lavoro con Tianjin su scienza ed enogastronomia
15:12 1532005920 Serie C1. Città di Anzio, prime mosse per la nuova stagione
14:43 1532004180 Casamonica, scovati altri due ricercati: si nascondevano a Grottaferrata
14:34 1532003640 Zoomarine in musica con gli ex coristi dello Zecchino d'Oro
14:31 1532003460 Questa sera la "Notte rosa di Aprilia": eventi in occasione degli shopping days
14:28 1532003280 Cori disponibile ad accogliere fino a 40 migranti per massimo 60 giorni
13:34 1532000040 Pomezia, a Castagnetta e Campo Jemini presto le fogne: arrivano fondi regionali
12:42 1531996920 1,5 milione dalla Regione per interventi di urbanizzazione ad Aprilia
12:38 1531996680 Festa di una notte di mezza estate: tutto pronto per l'arrivo di Calcutta
12:18 1531995480 Bombardamento di San Lorenzo, anche i pompieri dei Castelli alla commemorazione
12:04 1531994640 Paura in pieno centro, vecchio Mercedes 190 prende fuoco mentre è in movimento
11:50 1531993800 Il Tar respinge il ricorso di Casto: “I consiglieri si volevano dimettere”
11:42 1531993320 Torna la rassegna "Cinema sotto le stelle". 11 film di recente uscita al parco
11:36 1531992960 Raccolta fondi pro Daniele Bontempi, la famiglia si dissocia da ogni iniziativa
11:20 1531992000 Torna a Torvaianica la Sagra della Tellina, piatti a base di pesce in piazza
11:18 1531991880 Anzio Festival dello Street Food, dal 27 al 29 luglio si degusta in piazza
11:16 1531991760 Strappa la catenita ad una 60enne e la butta a terra vicino a Villa Albani
11:11 1531991460 Concerto gratuito di Roberto Vecchioni in piazzale Cresci a San Felice Circeo
11:07 1531991220 Aprilia centro di nuovo senz'acqua. Ennesimo guasto elettrico al fungo centrale
11:00 1531990800 Con il cane al mare sotto l'ombrellone: a Sabaudia si può
09:37 1531985820 Concerto notturno di Giovanni Gnocchi con la Big Band di giovani musicisti