[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Progetto della cordata Foglieni-Cerroni

Pomezia: la Regione velocizza l'iter per altre 82mila tonnellate di rifiuti

Iter più snello per l'arrivo di altre 82mila tonnellate di rifiuti a Pomezia. La Regione Lazio ha deciso di non assoggettare a più approfondita vaglio ambientale il progetto di ampliamento del sito Service Lazio in via Messico, zona Campobello. L'ing. Flaminia Tosini, capo dell'Area VIA regionale, ha infatti firmato la determina n. G03053 con cui dispone “l’esclusione dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale del progetto di modifica di un impianto di stoccaggio e trattamento di rottami metallici finalizzato alla valorizzazione delle componenti ferrose e non ferrose”. Attivo dal 2011, l'impianto è autorizzato a ricevere e lavorare 131mila tonnellate l'anno di rifiuti raccolti in tutto il centro e sud Italia: scarti metallici, apparecchi elettrici, ma pure quelli estratti da scorie di inceneritori e caldaie industriali. Il capannone si trova nei pressi dei siti Eni e Liquigas di Santa Palomba. La gente del posto tempo fa iniziò a lamentare disagi per forti vibrazioni (c'è chi mostrò crepe sui muri di casa) e puzze. Poi tutto cadde curiosamente nell'oblio.

CHI C'È DIETRO L'IMPIANTO?

Si tratta dello stabilimento gestito dalla Service Lazio, “società creata nel 2008 dall’imprenditore Foglieni in partecipazione paritetica con il gruppo Cerroni - come spiega la stessa azienda – che svolge “il recupero da rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). I due imprenditori Foglieni e Cerroni hanno ravvisato le condizioni per dar vita ad una proficua collaborazione nel settore riconoscendo l’uno nell’altro la disponibilità degli elementi complementari necessari per lo sviluppo del business: per il gruppo Foglieni l’esperienza e le tecnologie per il recupero ed il trattamento di materie prime secondarie da rifiuti, per il gruppo Cerroni il radicamento nel territorio del Lazio e la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti dai quali tali materiali saranno recuperati".

E POI C'È TREVI AMBIENTE: 55MILA TONNELLATE

In Regione, inoltre, procedono gli altri tre progetti per altrettante nuove fabbriche per rifiuti: uno è quello previsto in via Vaccareccia, a due passi dallo svincolo Monte d'Oro della Pontina direzione sud, e proposto dalla società Trevi Ambiente Srl. Riceverà 55mila tonnellate all’anno di rifiuti anche speciali e pericolosi. Per esso l'infaticabile Area rifiuti regionale, nel pieno delle scorse festività natalizie, ha concesso il penultimo ma decisivo via libera. Per aprire il cantiere mancherebbe solo il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, o A.I.A., una sorta di libretto di circolazione. Questa fabbrica riceverà e tratterà terreni da bonificare provenienti anche da siti industriali contaminati e quindi particolarmente inquinati, fanghi di depurazione delle fogne e altri rifiuti provenienti dalla pulizia dei tombini stradali. A giugno e settembre 2017 nessuno degli Enti pubblici presenti alla Conferenza dei servizi, a cominciare dall’Area Metropolitana e dal Comune di Pomezia, si è opposto alla sua realizzazione.

… QUINDI IL PROGETTO COGEC: 30MILA TONNELLATE

C'è poi l'impianto della Cogec Energia Ambiente, ex Ecocar srl, riconducibile al gruppo Cerroni e colpita negli anni passati da una interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Roma e confermata dall’Anac, Autorità Nazionale Anti Corruzione, ma poi annullata dal Consiglio di Stato, secondo e ultimo grado della Giustizia amministrativa. Il sito è previsto chilometro 32,900 di via Pontina Vecchia, a meno di 100 metri dalle abitazioni e da un circolo sportivo, vicinissimo ai nefasti capannoni della fu Eco X. L’impianto dovrebbe ricevere 30mila tonnellate all’anno di fanghi di fogna, rifiuti provenienti dalla pulizia di strade, tombini e arenili. A differenza del progetto di ampliamento della Service Lazio a Campobello – Santa Palomba, la Regione per il progetto Cogec ha disposto la Valutazione di Impatto Ambientale, ossia un esame approfondito che stabilirà se costituisce o meno un rischio per salute e ambiente.

E ANCORA IL 'BIO'GAS COGEA

E infine c'è lo stabilimento proposto dalla Cogea Srl, sempre del giro cerronista: 60mila tonnellate di rifiuti l'anno. Sempre a Santa Palomba, davanti Torre Maggiore, Eni e Liquigas. Tale progetto è ora al vaglio del Tribunale amministrativo regionale in due distinti ricorsi, uno della Cogec e l'altro dell'Associazione Latium Vetus con il locale Comitato di quartiere. Prevede subito una linea di compostaggio e poi una futura, possibile linea anaerobica 'bio'gas. La realizzazione dell'impianto sarebbe vietata dal recente vincolo paesaggistico con cui il Ministero dei beni culturali ha sottoposto a fortissima tutela oltre 2mila ettari di Agro tra Pomezia e Ardea. Vincolo voluto e ora difeso anche in giudizio con tutte le forze dai cittadini, mentre Cogea ne chiede l'annullamento al Tar come voleva anche l'ormai ex Sindaco pometino, Fabio Fucci, con il Consigliere comunale Celori e alcune società immobiliari e agricole. Ma il progetto gode del favore i della Regione Lazio: la solita ing. Tosini ha da poco determinato “di concludere con esito favorevole il procedimento relativo al rilascio dell’A.I.A. richiesta dalla COGEA S.r.l.”. Praticamente, l'annuncio che l'ultimo ok è in arrivo, nonostante i richiami del Ministero a stoippare l'iter e nonostante sull'iniziativa industriale pendano due ricorsi amministrativi.

In tutto, dunque, Pomezia è candidata ad altre 227mila tonnellate l'anno di rifiuti.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:56 1542124560 Jeep in fiamme su via Appia Nuova, panico in strada e traffico bloccato
16:48 1542124080 Chiusa sine die la scuola materna Sant'Antonio di Ardea: problemi nei solai
16:40 1542123600 Una nuova stazione: Lbc presenta il progetto. Opposizione d'accordo
16:28 1542122880 Under 14. Unipomezia, mister Intelligenza: "manterrò la parola data"
16:19 1542122340 Anzio Calcio, panchina a Gaetano Greco
16:12 1542121920 Serie B. Fortitudo Futsal Pomezia, "nel prossimo mese più punti possibili"
16:10 1542121800 Citofono rotto da 10 giorni, scuola invasa dall’immondizia a Santa Barbara
16:07 1542121620 Baracca in fiamme in via dell’Armellino ad Anzio, allarme tra i residenti
15:27 1542119220 Under 16 Elite. Acqua & Sapone Volley Group col vento in poppa
15:15 1542118500 Under 16 Elite. Il KK Eur stende anche il Vigna Pia e resta al comando
14:57 1542117420 Scherma, la Giulio Verne illumina Budapest
14:54 1542117240 Under 15, Girone D. Vallerano Futsal, che brividi con lo Sporting Eur
14:16 1542114960 Under 14, La Giovolley fa suo il Derby con la Rainbow Aprilia
14:05 1542114300 Terracina, 29enne trovato con 61 grammi di cocaina e due bombe carta artigianali
13:49 1542113340 Yoseikan Budo, lo Zanshin Dojo di Ariccia in evidenza all'Emono Lazio Cup
13:12 1542111120 Desirée, caduta l'accusa di omicidio e alleggerita quella di stupro
13:03 1542110580 Droga spacciata anche in carcere, sette persone arrestate
09:41 1542098460 Arbitro aggredito in campo, iniziativa contro violenza sportiva a Rocca di Papa
09:35 1542098100 Scontro tra autocisterna e automobili sulla Pontina, traffico in tilt verso Roma
09:12 1542096720 L'antico incontra il moderno, giornata culinaria dedicata ai cibi antichi
09:12 1542096720 'Cecchina Archeologica', il nuovo libro dell'archeologo Christian Mauri
09:11 1542096660 Serpente nei pressi delle case del centro, intervengono le guardie zoofile
09:09 1542096540 Ardea, giunta comunale poco "rosa": la consigliera Neocliti scrive al Comune
08:46 1542095160 Colpo con la ruspa al bancomat, ma i ladri fuggono a mani vuote
08:33 1542094380 Fermato dagli agenti con patente falsa e con decreto di espulsione: arrestato

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli