[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Progetto della cordata Foglieni-Cerroni

Pomezia: la Regione velocizza l'iter per altre 82mila tonnellate di rifiuti

Iter più snello per l'arrivo di altre 82mila tonnellate di rifiuti a Pomezia. La Regione Lazio ha deciso di non assoggettare a più approfondita vaglio ambientale il progetto di ampliamento del sito Service Lazio in via Messico, zona Campobello. L'ing. Flaminia Tosini, capo dell'Area VIA regionale, ha infatti firmato la determina n. G03053 con cui dispone “l’esclusione dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale del progetto di modifica di un impianto di stoccaggio e trattamento di rottami metallici finalizzato alla valorizzazione delle componenti ferrose e non ferrose”. Attivo dal 2011, l'impianto è autorizzato a ricevere e lavorare 131mila tonnellate l'anno di rifiuti raccolti in tutto il centro e sud Italia: scarti metallici, apparecchi elettrici, ma pure quelli estratti da scorie di inceneritori e caldaie industriali. Il capannone si trova nei pressi dei siti Eni e Liquigas di Santa Palomba. La gente del posto tempo fa iniziò a lamentare disagi per forti vibrazioni (c'è chi mostrò crepe sui muri di casa) e puzze. Poi tutto cadde curiosamente nell'oblio.

CHI C'È DIETRO L'IMPIANTO?

Si tratta dello stabilimento gestito dalla Service Lazio, “società creata nel 2008 dall’imprenditore Foglieni in partecipazione paritetica con il gruppo Cerroni - come spiega la stessa azienda – che svolge “il recupero da rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). I due imprenditori Foglieni e Cerroni hanno ravvisato le condizioni per dar vita ad una proficua collaborazione nel settore riconoscendo l’uno nell’altro la disponibilità degli elementi complementari necessari per lo sviluppo del business: per il gruppo Foglieni l’esperienza e le tecnologie per il recupero ed il trattamento di materie prime secondarie da rifiuti, per il gruppo Cerroni il radicamento nel territorio del Lazio e la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti dai quali tali materiali saranno recuperati".

E POI C'È TREVI AMBIENTE: 55MILA TONNELLATE

In Regione, inoltre, procedono gli altri tre progetti per altrettante nuove fabbriche per rifiuti: uno è quello previsto in via Vaccareccia, a due passi dallo svincolo Monte d'Oro della Pontina direzione sud, e proposto dalla società Trevi Ambiente Srl. Riceverà 55mila tonnellate all’anno di rifiuti anche speciali e pericolosi. Per esso l'infaticabile Area rifiuti regionale, nel pieno delle scorse festività natalizie, ha concesso il penultimo ma decisivo via libera. Per aprire il cantiere mancherebbe solo il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, o A.I.A., una sorta di libretto di circolazione. Questa fabbrica riceverà e tratterà terreni da bonificare provenienti anche da siti industriali contaminati e quindi particolarmente inquinati, fanghi di depurazione delle fogne e altri rifiuti provenienti dalla pulizia dei tombini stradali. A giugno e settembre 2017 nessuno degli Enti pubblici presenti alla Conferenza dei servizi, a cominciare dall’Area Metropolitana e dal Comune di Pomezia, si è opposto alla sua realizzazione.

… QUINDI IL PROGETTO COGEC: 30MILA TONNELLATE

C'è poi l'impianto della Cogec Energia Ambiente, ex Ecocar srl, riconducibile al gruppo Cerroni e colpita negli anni passati da una interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Roma e confermata dall’Anac, Autorità Nazionale Anti Corruzione, ma poi annullata dal Consiglio di Stato, secondo e ultimo grado della Giustizia amministrativa. Il sito è previsto chilometro 32,900 di via Pontina Vecchia, a meno di 100 metri dalle abitazioni e da un circolo sportivo, vicinissimo ai nefasti capannoni della fu Eco X. L’impianto dovrebbe ricevere 30mila tonnellate all’anno di fanghi di fogna, rifiuti provenienti dalla pulizia di strade, tombini e arenili. A differenza del progetto di ampliamento della Service Lazio a Campobello – Santa Palomba, la Regione per il progetto Cogec ha disposto la Valutazione di Impatto Ambientale, ossia un esame approfondito che stabilirà se costituisce o meno un rischio per salute e ambiente.

E ANCORA IL 'BIO'GAS COGEA

E infine c'è lo stabilimento proposto dalla Cogea Srl, sempre del giro cerronista: 60mila tonnellate di rifiuti l'anno. Sempre a Santa Palomba, davanti Torre Maggiore, Eni e Liquigas. Tale progetto è ora al vaglio del Tribunale amministrativo regionale in due distinti ricorsi, uno della Cogec e l'altro dell'Associazione Latium Vetus con il locale Comitato di quartiere. Prevede subito una linea di compostaggio e poi una futura, possibile linea anaerobica 'bio'gas. La realizzazione dell'impianto sarebbe vietata dal recente vincolo paesaggistico con cui il Ministero dei beni culturali ha sottoposto a fortissima tutela oltre 2mila ettari di Agro tra Pomezia e Ardea. Vincolo voluto e ora difeso anche in giudizio con tutte le forze dai cittadini, mentre Cogea ne chiede l'annullamento al Tar come voleva anche l'ormai ex Sindaco pometino, Fabio Fucci, con il Consigliere comunale Celori e alcune società immobiliari e agricole. Ma il progetto gode del favore i della Regione Lazio: la solita ing. Tosini ha da poco determinato “di concludere con esito favorevole il procedimento relativo al rilascio dell’A.I.A. richiesta dalla COGEA S.r.l.”. Praticamente, l'annuncio che l'ultimo ok è in arrivo, nonostante i richiami del Ministero a stoippare l'iter e nonostante sull'iniziativa industriale pendano due ricorsi amministrativi.

In tutto, dunque, Pomezia è candidata ad altre 227mila tonnellate l'anno di rifiuti.



[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
22/06 1529682720 Evade dai domiciliari, ma nel rientrare a casa di notte sbaglia casa: arrestato
22/06 1529677260 Grave incidente a Pomezia: motociclista a terra dopo l'impatto contro una Bmw
22/06 1529676840 Nuovi parroci in provincia di Latina: ecco le nomine e i trasferimenti
22/06 1529676120 Estorsione e stupefacenti, 4 arresti tra Roma e Marino. C'è anche un Casamonica
22/06 1529675340 Ennesimo suicidio a Lariano: trovato impiccato in casa 39enne padre di 4 figli
22/06 1529672220 Francesco Totti, ecco il libro sul suo congedo dal calcio giocato
22/06 1529671200 Ragazze costrette a prostituirsi ad Aprilia: due rumeni fermati a Latina
22/06 1529669640 Commercianti della rocca di Ardea preoccupati per lo spostamento degli uffici
22/06 1529667300 Emergenza sociale, più italiani che stranieri in carico ai servizi sociali
22/06 1529662980 Nuoto, Master. Campus Primavera Aprilia, cala il sipario sulla stagione
22/06 1529662860 Luca e Genni Guadagnini premiati per i risultati di "Rock per un bambino"
22/06 1529662560 Il caso Tripodi finisce in Parlamento: interrogazione del Pd
22/06 1529661180 Serie A2. Latina Basket, Andrea Patore ai saluti
22/06 1529659500 Cemento ed elezioni, il ‘sistema’ Parnasi al centro dell'inchiesta
22/06 1529659440 Pallanuoto, Under 13 Fascia A. L'Antares Nuoto Latina chiude al 7°posto
22/06 1529658180 Parnasi-Palozzi: Marino2 motore dello stadio. Progetto nodo dell'inchiesta
22/06 1529657160 Rifiuti in fiamme in via della Spadellata ad Anzio, la rabbia dei residenti
22/06 1529657040 Ricaricavano la Postepay senza pagare ad Anzio e Nettuno, fermati in due
22/06 1529656920 Guida 2019 del Gambero Rosso: ecco i ristoranti del Lazio premiati
22/06 1529656740 Abuso edilizio a Nettuno, lettera aperta a Commissario e Segretario comunale
22/06 1529654400 Open Day Ginecologia e Ostetricia per sapere tutto su gravidanza e allattamento
22/06 1529653620 Bagnino di 25 anni salva 5 rumeni ubriachi che non riuscivano a tornare a riva
22/06 1529653260 Il Sindaco cerca la riconferma: il lavoro, il ping pong e Ani, ‘musa’ da 26 anni
22/06 1529653080 Figlie del Sacro Cuore di Gesù, la festa annuale per conoscere i progetti
22/06 1529652660 Vulcano, il maresciallo che vuole fare il sindaco (civico) del centrodestra