[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Progetto della cordata Foglieni-Cerroni

Pomezia: la Regione velocizza l'iter per altre 82mila tonnellate di rifiuti

Iter più snello per l'arrivo di altre 82mila tonnellate di rifiuti a Pomezia. La Regione Lazio ha deciso di non assoggettare a più approfondita vaglio ambientale il progetto di ampliamento del sito Service Lazio in via Messico, zona Campobello. L'ing. Flaminia Tosini, capo dell'Area VIA regionale, ha infatti firmato la determina n. G03053 con cui dispone “l’esclusione dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale del progetto di modifica di un impianto di stoccaggio e trattamento di rottami metallici finalizzato alla valorizzazione delle componenti ferrose e non ferrose”. Attivo dal 2011, l'impianto è autorizzato a ricevere e lavorare 131mila tonnellate l'anno di rifiuti raccolti in tutto il centro e sud Italia: scarti metallici, apparecchi elettrici, ma pure quelli estratti da scorie di inceneritori e caldaie industriali. Il capannone si trova nei pressi dei siti Eni e Liquigas di Santa Palomba. La gente del posto tempo fa iniziò a lamentare disagi per forti vibrazioni (c'è chi mostrò crepe sui muri di casa) e puzze. Poi tutto cadde curiosamente nell'oblio.

CHI C'È DIETRO L'IMPIANTO?

Si tratta dello stabilimento gestito dalla Service Lazio, “società creata nel 2008 dall’imprenditore Foglieni in partecipazione paritetica con il gruppo Cerroni - come spiega la stessa azienda – che svolge “il recupero da rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). I due imprenditori Foglieni e Cerroni hanno ravvisato le condizioni per dar vita ad una proficua collaborazione nel settore riconoscendo l’uno nell’altro la disponibilità degli elementi complementari necessari per lo sviluppo del business: per il gruppo Foglieni l’esperienza e le tecnologie per il recupero ed il trattamento di materie prime secondarie da rifiuti, per il gruppo Cerroni il radicamento nel territorio del Lazio e la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti dai quali tali materiali saranno recuperati".

E POI C'È TREVI AMBIENTE: 55MILA TONNELLATE

In Regione, inoltre, procedono gli altri tre progetti per altrettante nuove fabbriche per rifiuti: uno è quello previsto in via Vaccareccia, a due passi dallo svincolo Monte d'Oro della Pontina direzione sud, e proposto dalla società Trevi Ambiente Srl. Riceverà 55mila tonnellate all’anno di rifiuti anche speciali e pericolosi. Per esso l'infaticabile Area rifiuti regionale, nel pieno delle scorse festività natalizie, ha concesso il penultimo ma decisivo via libera. Per aprire il cantiere mancherebbe solo il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, o A.I.A., una sorta di libretto di circolazione. Questa fabbrica riceverà e tratterà terreni da bonificare provenienti anche da siti industriali contaminati e quindi particolarmente inquinati, fanghi di depurazione delle fogne e altri rifiuti provenienti dalla pulizia dei tombini stradali. A giugno e settembre 2017 nessuno degli Enti pubblici presenti alla Conferenza dei servizi, a cominciare dall’Area Metropolitana e dal Comune di Pomezia, si è opposto alla sua realizzazione.

… QUINDI IL PROGETTO COGEC: 30MILA TONNELLATE

C'è poi l'impianto della Cogec Energia Ambiente, ex Ecocar srl, riconducibile al gruppo Cerroni e colpita negli anni passati da una interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Roma e confermata dall’Anac, Autorità Nazionale Anti Corruzione, ma poi annullata dal Consiglio di Stato, secondo e ultimo grado della Giustizia amministrativa. Il sito è previsto chilometro 32,900 di via Pontina Vecchia, a meno di 100 metri dalle abitazioni e da un circolo sportivo, vicinissimo ai nefasti capannoni della fu Eco X. L’impianto dovrebbe ricevere 30mila tonnellate all’anno di fanghi di fogna, rifiuti provenienti dalla pulizia di strade, tombini e arenili. A differenza del progetto di ampliamento della Service Lazio a Campobello – Santa Palomba, la Regione per il progetto Cogec ha disposto la Valutazione di Impatto Ambientale, ossia un esame approfondito che stabilirà se costituisce o meno un rischio per salute e ambiente.

E ANCORA IL 'BIO'GAS COGEA

E infine c'è lo stabilimento proposto dalla Cogea Srl, sempre del giro cerronista: 60mila tonnellate di rifiuti l'anno. Sempre a Santa Palomba, davanti Torre Maggiore, Eni e Liquigas. Tale progetto è ora al vaglio del Tribunale amministrativo regionale in due distinti ricorsi, uno della Cogec e l'altro dell'Associazione Latium Vetus con il locale Comitato di quartiere. Prevede subito una linea di compostaggio e poi una futura, possibile linea anaerobica 'bio'gas. La realizzazione dell'impianto sarebbe vietata dal recente vincolo paesaggistico con cui il Ministero dei beni culturali ha sottoposto a fortissima tutela oltre 2mila ettari di Agro tra Pomezia e Ardea. Vincolo voluto e ora difeso anche in giudizio con tutte le forze dai cittadini, mentre Cogea ne chiede l'annullamento al Tar come voleva anche l'ormai ex Sindaco pometino, Fabio Fucci, con il Consigliere comunale Celori e alcune società immobiliari e agricole. Ma il progetto gode del favore i della Regione Lazio: la solita ing. Tosini ha da poco determinato “di concludere con esito favorevole il procedimento relativo al rilascio dell’A.I.A. richiesta dalla COGEA S.r.l.”. Praticamente, l'annuncio che l'ultimo ok è in arrivo, nonostante i richiami del Ministero a stoippare l'iter e nonostante sull'iniziativa industriale pendano due ricorsi amministrativi.

In tutto, dunque, Pomezia è candidata ad altre 227mila tonnellate l'anno di rifiuti.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/01 1547659860 Critiche all’Amministrazione, procedimento contro una dipendente di Anzio
16/01 1547659560 “Manutenzione inesistente al Cimitero di Nettuno”, la denuncia dei cittadini
16/01 1547657640 Il tar respinge il ricorso dell'ex consigliere-direttore dei lavori
16/01 1547656740 Scontro tra due auto, una prende fuoco. paura per tre persone
16/01 1547651940 Velletri ricorda il tragico bombardamento del 22 gennaio 1944
16/01 1547650260 Anzio Calcio, Weekend da incorniciare per le giovanili
16/01 1547649960 Donna precipita dal proprio appartamento al settimo piano: morta sul colpo
16/01 1547649720 Unipomezia, “punteremo al massimo”
16/01 1547644920 Voragine sulla Pontina, ritrovato il cellulare dell'uomo disperso
16/01 1547644620 Affitti a canone concordato, incontro tra le parti in Comune a Genzano
16/01 1547641740 Ariccia, giornate con le scuole del territorio organizzate dai Servizi Sociali
16/01 1547640300 Nonnismo su un'allieva 20enne pilota della scuola di volo di Latina: la denuncia
16/01 1547637840 A processo dirigenti Astral e Provincia per la morte di un 18enne sulla Pontina
16/01 1547636940 Circuito Europeo Under17 di fioretto, Valentina Vezzali venerdì ad Anzio
16/01 1547636820 Scarica camion di calcinacci a via Grugnole, identificato dalla Polizia locale
16/01 1547635140 Controlli antidroga nella notte alle autolinee di Latina, tre arresti
16/01 1547632560 Al via i lavori sul manto stradale di via Stati Uniti d'America a Genzano
16/01 1547625900 In Regione il progetto per ampliare il centro commerciale Aprilia2
16/01 1547622480 Emergenza al cimitero di Pomezia: loculi esauriti e ampliamento bloccato
16/01 1547622120 Nuovo Politeama, taglio del nastro il 19 gennaio con la Splatters Company
16/01 1547621820 Desirée, la mamma ritira la denuncia per stalking contro il padre della ragazza
16/01 1547621460 Studenti al freddo: il Sindaco chiude la scuola per otto giorni
16/01 1547621280 Variante in Q3: la Lega vuole la revoca della delibera. Lbc vota no
16/01 1547620920 Ai domiciliari per tentato omicidio, ma non rispetta la misura: ora è in carcere
16/01 1547620800 Incendio Eco X, altro rinvio per l'udienza preliminare: in aula il 5 marzo

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli