[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Tubi troppo vicini alle spiagge

Pomezia, scarichi dei depuratori mare: troppo vicini e a bassa profondità FOTO

<
>
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano

Troppo vicini alle spiagge, a profondità troppo bassa e con tubazioni corrose oppure nei fossi. È la situazione degli scarichi di depurazione nel mare di Torvaianica, che sfugge agli occhi dei più, ma che sarebbe nota ad alcuni sommozzatori locali. A fotografarla e raccontarla è Paolo Fiorentini,  del Comitato di quartiere Campo Ascolano. Sub professionista,  specializzato in condotte sottomarine, dal 2008 al 2010, nei primi 2 anni di gestione Acea, ha curato la manutenzione di quelle che dai sei depuratori di Pomezia arrivano a Torvajanica. Sono sue le foto delle tubazioni qui pubblicate.

COME E DOVE SCARICANO?
«Parliamo degli impianti di sanificazione delle acque fognarie denominati Capoluogo, Zara 1 e Zara 2, Pratica 1 e Pratica 2 e Santa Palomba, gestiti da Acea. Quattro – spiega Fiorentini - scaricano le acque trattate nei fossi locali e da lì nel mare. Due depuratori hanno invece le condotte di sbocco direttamente a mare: Zara 1 a 900 metri dalla riva e a 7 metri di profondità, mentre l'impianto Pratica 1 scarica a 1.600 metri dalla riva e a 11 metri di profondità. Distanze e profondità decisamente insufficienti, che generano un forte impatto sul mare, visto che il fondale in questa zona declina lentamente, cioè si abbassa di un metro ogni circa 140 - 150 metri lineari, ed è molto sabbioso e quindi particolarmente delicato». 

DOVREBBERO STARE ALMENO 30 METRI SOTTO IL MARE
«Gli sbocchi dovrebbero stare a non meno di 30 metri di profondità, al di sotto della fascia detta del ‘termoclino’ – spiega l’ingegner Marco Porcelli, specializzato nello studio delle aree di ripopolamento marino – perché non subisce variazioni di temperature stagionali e facilita la dispersione dei liquami. O almeno sotto la cosiddetta ‘linea neutra’, sotto i 15 metri, non coinvolta dai moti ondosi. Negli anni ’90, le norme prevedevano limiti più severi per gli sbocchi fognari che finiscono in mare: mille metri dalla costa e 30 metri di profondità. Poi la legge 152 del 2006, il cosiddetto Testo unico ambientale, ha rimesso la decisione ad una sorta di valutazione ‘caso per caso’ effettuata nel corso delle Conferenze dei Servizi, i tavoli istituzionali regionali chiamati ad occuparsi dei singoli progetti fognari, a cui partecipano anche i Ministeri dell’Ambiente e della Salute. I depuratori e le relative tubature vecchie di decenni andrebbero in molti casi ricostruiti, o almeno adeguatamente manutenute». «In entrambe le condotte marine – dice Fiorentini - manca addirittura il terminale chiamato ‘diffusore’, mai inserito, che riduce l’impatto ambientale delle grosse quantità di scarichi nel mare. Ma manca pure la protezione catodica, ovvero dell’anti corrosione: i tubi sono molto rovinati».

NESSUNA DISTINZIONE TRA ACQUE BIANCHE E NERE
«Inoltre, le acque nere (liquami civili e industriali, ndr), del territorio comunale – sottolinea Fiorentini - confluisco nei sei depuratori, ma vengono convogliate assieme a quelle cosiddette bianche, cioè le acque piovane, che dovrebbero invece seguire un percorso differente. Non di rado quando è brutto tempo si genera un sovraccarico idraulico degli impianti che viene risolto con il ‘troppo pieno’. Significa che i liquami in eccesso vengono espulsi dagli impianti senza un adeguato pretrattamento. Eppure – aggiunge - l’ordinanza prefettizia n. 14 dell'11 novembre 2005 obbliga tutti gli edifici comunali e gli impianti industriali ad adeguare gli scarichi pluviali. Ma da allora le Amministrazioni comunali che si sono susseguite non hanno predisposto alcun tipo di controllo». La questione ittica e marina rischia di diventare rilevante alle prossime elezioni: Fiorentini è co-fondatore del gruppo ‘Amici di Grillo Pomezia-Torvajanica’, in aperto contrasto con il 5 Stelle locale. Mentre l’avv. Aquino ha annunciato la propria candidatura a Sindaco di Pomezia. 
 

Le domande per Fucci
L’Amministrazione comunale di Pomezia ha mai dato corso al punto 22 “operazione mare pulito” del programma elettorale del Movimento 5 Stelle del 2013? Se sì, in che modo? Quando sono state portate a termine le operazioni di controllo dei 6 depuratori urbani di Pomezia? Con quali risultanze? Qual è la situazione degli scarichi nei fossi e nel mare di Pomezia? È stata mai adottata la fitodepurazione? Se sì, in quale dei sei impianti di depurazione? Sono le domande che il Caffè ha inviato al primo cittadino di Pomezia, Fabio Fucci, restiamo in attesa di una sua cortese risposta. 

 

E LA FITODEPURAZIONE?
«I sei depuratori di Pomezia – dice Paolo Fiorentini - utilizzano una tipologia di trattamento decisamente superata, sia nei metodi di disinfezione che in quelli di smaltimento del refluo, anziché la fitodepurazione (con le piante, ndr). Sono una infinità le ricadute igienico-sanitarie e ambientali che gravano sulla qualità delle acque del mare e quindi sul turismo, sulla pesca, ma anche sulla salute umana. A cominciare dall’uso dell’acido peracetico che disinfetta l’acqua più velocemente del cloro, ma genera problemi endocrinologici sui pesci maschi che subiscono una inversione sessuale, come dimostra una ampissima letteratura scientifica. Gli amministratori sono a conoscenza di questi gravissimi problemi, tanto è vero che il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, inserì tali temi nel suo programma elettorale del 2013, ma nulla è stato fatto di quanto promesso nei 4 anni e mezzo appena trascorsi». Esempi vicini di fitodepurazione ci sono, uno sta a Latina lido. 
 

Daniele Castri 



Articoli Correlati:

14/05 Indirizzata ai Comuni di Pomezia e Ardea Una petizione on-line per salvare Rio Torto da inquinamento e rifiuti Le associazioni "Creature del Mare onlus" e "Care the Oceans" hanno lanciato un appello diretto ai...
2017 Gli interventi previsti Torvaianica, lavori sul depuratore. Fucci: «Garantiranno migliore qualità acque» Una buona notizia per il mare di Torvaianica. Il Comune fa sapere che sono in...
2017  5 anni di monitoraggi nel Lazio Irregolari 7 depuratori su 10, ecco i dati dei controlli della Finanza con Arpa Terminata la stagione estiva, il colore e talora l'odore delle acque dove ci siamo tuffati...
2017 Controlli a largo della Capitaneria Il forte caldo colora di rosso il mare: tutta colpa di un'alga  Nella mattinata del 13 giugno sono state segnalate alcune macchie di colore rossastro lungo il...
2016 Sabato e domenica incontri in piazza A Pomezia "No Triv": per il Sì al referendum contro le trivellazioni in mare Nasce anche a Pomezia il comitato referendario "NoTriv", dedicato alla promozione delle ragioni del Sì...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21/06 1529595600 Indagine sul Cimitero, in Commissariato due funzionari del Comune di Nettuno
21/06 1529595420 Accolto il ricorso dei 5 stelle ad Anzio, ‘errore materiale’ nei riconteggi
21/06 1529595300 Architetto chiede risarcimento all’ex Sindaco di Nettuno, giustizia dopo 20 anni
21/06 1529593320 Restringimenti di carreggiata per lavori sulla Pontina: ecco quando
21/06 1529590800 Cella frigorifera abbandonata su via dei Laghi: denunciato il proprietario
21/06 1529590320 Gli Amici del Cane denunciano il responsabile della morte del piccolo Lucky
21/06 1529590320 Under 16, la Futura Basket Cisterna conquista la Coppa Lazio
21/06 1529587380 Pietro Matarese (centrodestra): «Zuccalà è troppo giovane e inadatto al ruolo»
21/06 1529586960 Adriano Zuccalà (M5S) parla al Caffè: «Il mio rivale non conosce Pomezia»
21/06 1529586540 Carcassa di delfino alla Bufalara: i resti avvistati dai bagnanti in spiaggia
21/06 1529586000 La Croce Rossa in bici dei Castelli partecipa alla Dolomiti for Duchenne
21/06 1529584680 Ballottaggio, a Pomezia Casapound invita a votare per il Movimento 5 Stelle
21/06 1529584680 Pallanuoto, Under 17. L'Anzio sbanca le semifinali e centra la finalissima
21/06 1529583720 Cisterna, continua a perseguitare e minacciare la moglie: allontanato di casa
21/06 1529581740 Prestito da 13 milioni? No, un investimento. La versione di Sergio Gangemi
21/06 1529581200 Frosinone-Mare, l'annuncio di Anas e Prefettura: riapertura il prossimo 6 luglio
21/06 1529576640 Atelier en plein air a Frascati, i pittori di via Margutta espongono in città
21/06 1529575560 Claudio Ottoni, ex campione di calcio, si laurea campione d'Italia
21/06 1529575500 Aprilia, arrestato noto pregiudicato di Anzio: forse autore di varie rapine
21/06 1529574600 Aprilia, nasce il comitato di quartiere Selciatella
21/06 1529571360 Dipendenti della Abbvie regalano una giornata di lavoro alla Raggio di Sole
21/06 1529570820 Stroncato il mercato del falso pronto ad invadere le spiagge: 5 arresti
21/06 1529568300 La Regione approva in via definitiva le Terme di Santo Stefano ad Aprilia
21/06 1529568300 Concerto di Fioraleda Sacchi con osservazioni astronomiche del cielo
21/06 1529567760 Operazione dei Carabinieri: sequestrate armi e arrestata una persona ad Aprilia