[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Politici e tecnici regionali nel mirino

Discariche, Corte dei Conti sulla malagestione FOTO

<
>
borgo montello, discarica "legale"...
Ha inquinato, mai bonificata pienamente:non è tra quelle multate per mancanza di bonifica. 
L'UE ha solo contestato la mancata separazione dei rifiuti prima di interrarli
borgo montello, discarica "legale"... Ha inquinato, mai bonificata pienamente:non è tra quelle multate per mancanza di bonifica. L'UE ha solo contestato la mancata separazione dei rifiuti prima di interrarli
Sulle falde idriche di carano - L'ex discarica comunale di Velletri al confine con Aprilia, mai bonificata. A luglio il sito è andato a fuoco
Sulle falde idriche di carano - L'ex discarica comunale di Velletri al confine con Aprilia, mai bonificata. A luglio il sito è andato a fuoco

La maleodorante pratica era data per chiusa, almeno secondo le ottimistiche rassicurazioni politiche. Ma non per la Corte dei Conti: l'emergenza rifiuti nel Lazio non è affatto un capitolo chiuso per i magistrati chiamati a individuare i responsabili dei danni alle casse publiche. Il danno c'è stato, eccome: oltre 21 milioni di euro riferibili alle discariche abusive mai bonificate nel Lazio. Sono le multe europee che stiamo pagando a cadenza semestrale dal febbraio 2015. Perciò la Corte dei Conti ha avviato un'inchiesta: i giudici vogliono capire chi ha fatto sì che 21 discariche abusive nel Lazio non siano state bonificate, violando tre direttive europee e nonostante il 26 aprile 2007 la massima Corte d'Europa avesse intimato all’Italia di sistemare le discariche “non conformi”: 200 in 18 regioni. In realtà sono molte di più, ma non sono finite nel mirino UE. 

MAXI MULTE ANCORA IN CORSO
Inattuata la sentenza del 2007, il 2 dicembre 2014 è arrivata la mazzata: al livello nazionale, sanzione forfettaria di 40 milioni e poi 200mila euro per ogni sito senza rifiuti pericolosi e 400mila per quelli con rifiuti pericolosi. Spulciando i documenti europei, il Caffè è risalito alle liste delle discariche nel mirino e quindi agli importi:  per il periodo successivo alla sentenza del 2/12/2014 fino al 1° semestre 2017, il totale nazionale finora ammonta a 186 milioni e 400mila euro. Per i siti laziali, oltre ai circa 8 milioni per la multa forfettaria, multe complessive di 13,4 milioni. E continueremo a dover pagare fino alla completa esecuzione della sentenza, cioè fino a quando le discariche non bonificate - di quelle beccate dalla UE - non diventeranno zero. Mano a mano che vengono messe a posto, la multa scende. Inevitabile che il pubblico ministero della Corte dei Conti, Massimo Perin che conduce l'indagine, guardi a chi ha guidato la Regione Lazio e il Campidoglio nel periodo 2007 – 2014: Piero Marrazzo, Renata Polverini, i loro Assessori e tecnici. Ma la situazione non è azzerata nel Lazio, dove risultano ancora 6 discariche “non conformi” (una con rifiuti pericolosi): quindi multa da 1,4 milioni di euro per il semestre in corso. Qualcuno dovrà spiegare?

PROFESSIONISTI DELLE EMERGENZE
L'indagine della Corte dei Conti – che ha mobilitato i Carabinieri - conferma, purtroppo, quel che da anni il Caffè racconta: il business dei rifiuti è in mano a professionisti della creazione di emergenze. Hanno sabotato a lungo la raccolta differenziata per far ingrassare discariche ed inceneritori (che a loro volta producono rifiuti speciali). Ma non hanno avuto alcuno scrupolo nel lasciare quei siti al loro destino: niente bonifiche né messa in sicurezza. È accaduto non solo nei siti abusivi, ma pure in quelli autorizzati: ad esempio,  a Malagrotta, la megadiscarica di Roma (altra condanna UE), a Borgo Montello - Latina, alla discarica comunale di Velletri sulle falde idriche di Carano che alimentano Aprilia, le colture ai piedi dei Castelli Romani, Anzio, Nettuno e parte di Latina e Cisterna. Stesso marcio copione anche per le 4 discariche, illegali e non, che ad Aprilia doveva far bonificare il Comune: qui sono riusciti nell’epica impresa di farsi togliere i fondi regionali per inerzia. In qualche caso, al limite, certi tecnici pagati profumatamente coi soldi pubblici ha abbozzato pseudo-bonifiche sulla carta, con la politica a fare da palo. Personaggi che ora si riciclano coi cosiddetti ‘bio’gas. 

ANCORA DISCARICHE
Un circolo viziato e vizioso in cui alla produzione di rifiuti si doveva per forza rispondere interrando i rifiuti, anche quelli pericolosi. Ed oggi? La delibera di giunta regionale del Lazio 199 dell'aprile 2016, il presunto nuovo Piano rifiuti, oltre a indicare cifre bizzarre sull'intero ciclo, lascia ancora aperta la porta ad ulteriori ampliamenti delle discariche esistenti. Un paracadute irrinunciabile, evidentemente. Dal settembre 1998 la legge regionale 42 nel Lazio imponga la “ecotassa”: un balzello che doveva servire ad eliminare via via le discariche... 

NON FINISCE QUI: LA CORTE DEI CONTI CONDANNA
I danni alla Natura e alla salute nessuno li pagherà mai. Basti pensare alle falde acquifere inquinate e alle malattie in misura notevolmente maggiore rilevate sulla popolazione che vive intorno ai siti di smaltimento e lavorazione dei rifiuti, ad esempio dal programma epidemiologico Eras Lazio, poi misteriosamente bloccato dalla Regione Lazio. Ma i danni erariali, cioè alle casse pubbliche, non è detto che restino senza responsabili. A giugno scorso, la Corte dei Conti ha condannato l'ex direttore generale ed il dirigente del settore rifuti della Provincia di Treviso: devono risarcire l'Ente rispettivamente con 200 mila euro circa e quasi 110 mila, per la mala gestione di due discariche, tra ritardi nelle richieste di bonifica e nel far pagare le polizze fidejussorie a garanzia della bonifica ed una generale «condotta gravemente colposa» secondo il pm contabile Chiara Imposimato. Sembra l’identikit di certi politici e dirgenti laziali. 

Lazio peggio della Campania
Tg e giornali mostravano Napoli assediata da monnezza. Ma il Lazio stava messo peggio: nel 2006 i dati ufficiali APAT registravano 11,1% di differenziata nel Lazio, contro l11,3% della Campania, in piena emergenza. E poi? Gli ultimi dati Ispra: Lazio al 37,5% (la media del Centro Italia è 43,8%) e Campania al 48,5%. 
 
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21:15 1539630900 A cavalcioni sul Monumento al pescatore di Anzio, ripresa tutta la scena
21:12 1539630720 Lavori sul palazzo comunale, domani la protesta dell'ex vicesindaco di Nettuno
17:35 1539617700 Genzano, il centro storico è "zona off limits": negozianti e residenti disperati
17:18 1539616680 Quei misteri (che resteranno a lungo tali) dei graffiti nella villa di Domiziano
16:42 1539614520 Ad Ardea la raccolta differenziata sprofonda: record negativo al 35,79%
16:29 1539613740 Occhio alla truffa di chi chiede soldi per conto del Comune di Aprilia
16:11 1539612660 Serie C2, Girone A. La United Pomezia ci sta prendendo gusto
15:59 1539611940 A Lavinio stazione una domenica di pulizia contro sporco e degrado
15:58 1539611880 Incendio a Cretarossa a Nettuno, appartamento inagibile e tanti danni
15:43 1539610980 Ritrovata l'82enne Gabriella Razzi scomparsa da piazza Moro a Latina
15:31 1539610260 Serie B, Girone E. United Aprilia, è il momento di stringere i denti
15:16 1539609360 Serie B1, Girone B. Giovolley Aprilia, è un esordio sul velluto
15:12 1539609120 Ardea, il sindaco riceve i cittadini in Comune: ecco come richiedere colloquio
15:06 1539608760 Violenta lite tra giovani davanti ad un pub di Frascati, uno finisce in ospedale
14:46 1539607560 Riapre al pubblico la Sala ragazzi della biblioteca comunale Carlo Levi
14:18 1539605880 Recup: «Il nuovo numero è a pagamento, la Regione Lazio chiarisca»
14:10 1539605400 Serie A2. Latina Basket, spettacolo contro Trapani
13:30 1539603000 Corso per pizzaioli in carcere e cena per tutti i detenuti, ecco il progetto
12:53 1539600780 Serie C, Girone B. Onda Volley, è una sconfitta agrodolce
12:31 1539599460 Serie C, Girone B. Antica Braceria Anzio Pallavolo, è buona la prima
12:21 1539598860 Serie C2, Girone A. Il Lele Nettuno festeggia la prima vittoria
11:16 1539594960 Crisi politica ad Ardea, il sindaco: «Non mi dimetto: presto i nuovi assessori»
10:16 1539591360 Strade dissestate, a Pomezia scendono a 30 e 40 km/h i limiti su 15 vie
09:42 1539589320 Lega: «Qualsiasi altro ingresso a Latina per adesso è congelato»
09:35 1539588900 Rapina anziana al mercato di Pomezia, poi cerca di scappare in autobus

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli