[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

5 anni di monitoraggi nel Lazio

Irregolari 7 depuratori su 10, ecco i dati dei controlli della Finanza con Arpa FOTO

<
>
Nuovo depuratore dei castelli romani - Costato 24,5 milioni di euro regionali, già trovato con scarichi non conformi dall'Arpa. Vasca rotonda asciutta: ma non dovrebbe essere piena d'acqua per il completo trattamento dei reflui? Foto esclusiva
Nuovo depuratore dei castelli romani - Costato 24,5 milioni di euro regionali, già trovato con scarichi non conformi dall'Arpa. Vasca rotonda asciutta: ma non dovrebbe essere piena d'acqua per il completo trattamento dei reflui? Foto esclusiva
Esiti dei controlli svolti dal Reparto operativo aeronavale della Finanza con l'Arpa Lazio
Esiti dei controlli svolti dal Reparto operativo aeronavale della Finanza con l'Arpa Lazio
Anzio, si scaricava direttamente in spiaggia - Reflui del depuratore di Cavallo Morto, a Lido dei Pini beccati durante una nostra inchiesta nel settembre 2010. Il tubo in alto a destra è stato poi tappato
Anzio, si scaricava direttamente in spiaggia - Reflui del depuratore di Cavallo Morto, a Lido dei Pini beccati durante una nostra inchiesta nel settembre 2010. Il tubo in alto a destra è stato poi tappato
Tecnici Arpa e Guardia di Finanza prelevano campioni d'acqua da un depuratore
Tecnici Arpa e Guardia di Finanza prelevano campioni d'acqua da un depuratore

Terminata la stagione estiva, il colore e talora l'odore delle acque dove ci siamo tuffati forse sono ancora nella nostra memoria. Come per i primi nubifragi e allagamenti dei giorni scorsi, qualcuno potrà dare la colpa al solito maltempo. La realtà è un'altra: troppo spesso i depuratori, sia civili che industriali, non funzionano e non sono gestiti a dovere. 
Lo certificano ancora una volta i dati del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza, il Roan, che svolge una serrata attività di controllo sugli impianti di depurazione con l'Agenzia regionale di protezione ambientale, l'Arpa Lazio. Il Caffè, in esclusiva, può darvi questi dati: 7 volte su 10 le ispezioni e verifiche hanno registrato irregolarità  (71% dei casi). I nuovi dati qui esposti riguardano l'ultimo quinquennio.


QUELLI INDUSTRIALI PEGGIO DI QUELLI CIVILI
È il dato medio che emerge dagli ultimi cinque di attività svolte da questo particolare reparto a tutela delle acque su 90 depuratori, civili e industriali, in 35 comuni. Guardando il dato in base alle due tipologie di impianti, ci accorgiamo che se i depuratori urbani sono stati pizzicati con irregolarità in oltre il 67% delle ispezioni, addirittura quelli industriali presentano violazioni quasi 8 volte su dieci (77%). 

NEL 2016 100% FUORILEGGE
L'anno scorso tutti i 12 depuratori controllati, tre urbani e 12 industriali, sono stati trovati non in regola. Dato monstre quello rilevato dalla Sezione operativa navale delle Fiamme gialle di Anzio tre anni prima: presentavano infrazioni 16 depuratori urbani su 18 e 12 impianti industriali su 14. Meglio certo rispetto al 2006, quando i depuratori con irregolarità erano otto su dieci e si era a metà della prima fase di questa operazione denominata “Mare Blu” avviata nel 2003. Il consuntivo 2003-2009, riportato nel settembre di sette anni fa dal giornale il Caffè, indicava una media complessiva di violazioni pari al 72%, sette su dieci.  

VIOLAZIONI E INQUINAMENTO
Le violazioni riscontrate e sanzionate sono di diverso tipo e gravità: si va da peccati veniali puniti solo con sanzioni pecuniarie, come le carenze nella documentazione sull'impianto e sul suo funzionamento, fino a macroscopiche mancanze che configurano veri e propri reati penali. Confrontando gli esiti dell'ultima batteria di dati gentilmente fornita al nostro giornale dalla Guardia di Finanza, al forte tasso  di irregolarità riscontrate negli ultimi cinque anni quasi uguale a quello del periodo 2003 - 2009, fa da contraltare il minor numero di situazioni classificate come reato penale (inquinamento o altri fenomeni di una certa gravità). «Va sottolineato, che negli anni – ci spiega uno degli investigatori del Roan – che abbiamo contestato anche qualche trucchetto sui finanziamenti pubblici». Facevano sparire o usavano ‘a modo loro’ i fondi ricevuti per migliorare la depurazione. Abbiamo trovato un uso allegro del denaro pubblico». A fronte delle 68 persone denunciate per 65 situazioni ritenute reati penali nel periodo 2003 – 2009, nell'ultimo quinquennio i denunciati penalmente sono scesi a quindici. 

I CONTROLLI PROSEGUONO
«Oggi c'è senz'altro una maggiore sensibilità verso l'ambiente, ma sono arrivati anche più fondi  – afferma il Colonnello pilota Roberto Bencivenni, comandante del Roan  – . Le nostre verifiche insieme all'Arpa proseguono, di solito si va in modo mirato. A parte le violazioni amministrative, generalmente le situazioni di malfunzionamento dipendono dalla vetustà degli impianti e dal sottodimensionamento». 
Sono cioè vecchi e sovraccarichi, dovendo sopportare quantità di scarichi sempre maggiori. Si continua a costruire senza adeguate strutture fognarie – perciò al primo nubifragio dello scorso settembre saltavano i tombini con l'acqua zampillante – e senza ammodernare e ingrandire i sistemi di trattamento dei reflui. 

DIRE LA VERITÀ AI CITTADINI
«Non sempre c'è colpa in chi gestisce gli impianti – sottolinea il colonnello Bencivenni -, però è grave quando i cittadini non vengono informati sui problemi di depurazione». Questa estate, per esempio, segnalavano al Caffè i casi di bambini con bolle sulla pelle dopo il bagnetto nel mare a sud di Roma, nonostante certe Bandiere Blu. 
Nota positiva finale: «Possiamo ritenere ormai cessato l'inquinamento da grosse navi in alto mare – spiega il Comandante del Reparto operativo aeronavale – la situazione è molto migliorata, è rarissimo trovare la petroliera che lava le cisterne o la nave da crociera che scaricano a mare». 

Cromo nelle acque, si rinvia

Il 15 luglio scorso, per legge, doveva scattare il nuovo e più prudente limite alla presenza di cromo esavalente – che favorisce tumori e mutazioni genetiche - nelle acque che beviamo: da 50 a 10 microgrammi per litro (µg/l). Ma così non è stato. Nessuno sembra saperlo tra gli amministratori locali. La lobby del settore, invece, lo sapeva benissimo ed ha bloccato questa novità chiedendo ed ottenendo altro tempo per intervenire. Il copione sembra quello già visto con la grottesca e gravissima vicenda dell'arsenico: di deroga in proroga e poi ancora deroghe, in tanti anni non hanno preso di petto il problema, per affrontarlo solo quando il caso è scoppiato sulla stampa e poi in Commissione europea. Il nuovo limite al cromo esavalente è stato introdotto dal decreto 14 novembre 2016, emanato dal Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Ambiente. La nuova soglia va ad aggiungersi a quella già in vigore di 50 µg/l per il parametro cromo, che veniva inteso però come cromo totale senza distinzione di forma. Il cromo, infatti, in natura si trova principalmente in due forme: il cromo esavalente, classificato cancerogeno e genotossico per l'uomo; e il cromo trivalente, oligonutriente essenziale, necessario per il corretto metabolismo degli zuccheri nel corpo umano. L'abbassamento del limite di cromo esavalente da 50 a 10  µg/l, come per l'arsenico, è previsto dalla direttiva 98/83/CE del 1998. Ebbene, quasi 20 anni non sono bastati. “Vista la nota del 29 maggio 2017 con la quale Utilitalia (Federazione delle imprese energetiche idriche ambientali), alla luce delle criticità connesse all’entrata in vigore del sopra citato decreto, ha richiesto formalmente al Ministero della salute di valutare la possibilità di una proroga del termine di entrata in vigore del decreto stesso […] La data di entrata in vigore del decreto è prorogata al 31 dicembre 2018”. Così dispone un nuovo decreto del 6 luglio firmato dal Ministro dell'ambiente. Criticità? E chi deve risolverle? Utilitalia è la stessa che invoca tariffe più alte. Per quali servizi? Per quale efficienza?

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:32 1540315920 Drogata e violentata da almeno tre persone: la morte di una 16enne è un giallo
19:12 1540314720 72enne aggredito da un pitbull: salvato dai passanti. Ora è in ospedale
19:05 1540314300 Alla Caserma Santa Barbara a Sabaudia si inaugura la mostra "Battaglie e borghi"
16:48 1540306080 Elisabetta Ricchio, ex poliziotta di Albano, eletta segretario generale Consap
16:44 1540305840 Sabaudia, il nubifragio ha danneggiato la passerella di legno sul lungomare
16:42 1540305720 Marino punta sulla prevenzione sismica, convegno a palazzo Colonna
16:30 1540305000 L'emozione di Mai, evento di solidarietà al teatro Artemisio Gian Maria Volontè
16:26 1540304760 Cori di Nero Buono, arte e musica nel Lazio al complesso di Sant'Oliva
16:24 1540304640 PreCario Diario, doppio spettacolo in scena al teatro Tognazzi di Velletri
16:03 1540303380 Appaltone ambulanze Regione Lazio, comunicato di Heart Life dopo articolo Caffè
15:44 1540302240 Coop Kolbe, protesta per gli stipendi a singhiozzo sotto il comune di Nettuno
15:41 1540302060 Inchiesta per spaccio, l'Udc scarica Millaci: oggi incontro col Sindaco di Anzio
15:41 1540302060 Sit-in dei lavoratori ex Albafor attuale Formalba sotto la sede della Regione
15:12 1540300320 "Nessun aumento della Tari e raccolta differenziata in recupero"
15:00 1540299600 Pecora investita dal treno a Santa Palomba, convoglio danneggiato: ritardi
14:57 1540299420 Frascati: ottobrata all'insegna del 'Plastic Free'
14:08 1540296480 Pomezia, il sindaco al convegno Unindustria: «Prioritario incontrare le aziende»
11:00 1540285200 Grandinata, ingenti danni nella campagna di Aprilia, Cisterna, Latina e Velletri
09:41 1540280460 Grave incidente sulla Laurentina: auto si ribalta dopo lo scontro con un Tir
09:25 1540279500 Poliambulatorio Aprilia, servizio analisi in tilt: folla di pazienti in coda
09:13 1540278780 Commissariato di polizia di Anzio pericoloso, presentato un esposto in Procura
09:02 1540278120 Genzano, uomo finisce con la gamba dentro una buca profonda oltre un metro
08:38 1540276680 Beni culturali, Latium Vetus: "Il Comune di Pomezia pensa solo al centro città"
08:31 1540276260 Ciampino, continuano gli incontri nelle scuole con la polizia locale
08:14 1540275240 Cadono le maioliche, operatrice scolastica ferita per proteggere la bimba

Sport
< <

Eventi

Lo shopping online fatto apposta per te

L’e-commerce sbarca ad Aprilia con Sweetstore.it

Lo shopping online fatto apposta per te

Nata da un giovane per i giovani, Sweetstore.it è la piattaforma online sempre al tuo fianco negli acquisti sul web.   Un progetto, come si dice oggi, e- commerce non è semplice da realizzare. Ci sono regole, tasse e molto tempo da spendere: è come aprire un qualsiasi negozio, con...


Ad Ariccia l'eccellenza dell'ortopedia

Sirio costruisce a mano protesi e tutori su misura con tecnologie avanzate

Ad Ariccia l'eccellenza dell'ortopedia

Ci troviamo nel centro di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie a sostegno della persona di Sirio Ortopedia. Si tratta di un’azienda con anni di esperienza nell'ortopedia e nei disturbi dell'apprendimento, convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale e l' INAIL, che si trova nella frazione di Cancelliera di Ariccia, a due passi da Albano, Ardea,...

Inchieste
[+] Mostra altri articoli