[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Calcio Serie D

Ancora Ko il Cynthia

L’Albalonga ferma la corsa dell'Avezzano, il Città di Ciampino si mangia le mani

Cruz, suo il goal dell'Albalonga nell'1-1 contro l'Avezzano
Cruz, suo il goal dell'Albalonga nell'1-1 contro l'Avezzano

Un solo pareggio e ben due sconfitte: è decisamente magro il bottino delle tre castellane impegnate nei due raggruppamenti di Serie D al termine del quarto turno di campionato. Partendo dal girone G, secondo pareggio consecutivo per l’Albalonga che, dopo il 3-3 esterno col Flaminia, impatta 1-1 contro il forte Avezzano al Pio XII. Una gara, però, che gli azzurri del presidente Bruno Camerini (tornato nuovamente sulla tribuna al fianco della squadra) avrebbero meritato di vincere stando a quanto sostiene Paolo Lucidi, preparatore dei portieri e vice di Roberto Chiappara squalificato e in tribuna per l’occasione. “Sicuramente abbiamo qualcosa da recriminare, sia per quello che non siamo riusciti a concretizzare in quanto ad azioni da rete sia per un episodio a fine primo tempo in cui ci è stato negato un evidente rigore per un fallo su Panini. Ma su queste cose il nostro stile è sempre stato di non calcare l’accento, tanto ormai non si può tornare indietro”. L’Albalonga è stata sicuramente più intraprendente dell’Avezzano. “Abbiamo giocato oltre un’ora su buoni ritmi e forse la pecca maggiore è stato proprio il non aver concretizzato tutto quello che abbiamo creato – continua Lucidi – Nel finale ci siamo un po’ abbassati, ma non credo ci sia stato un problema fisico, anche se Traditi e La Terra non erano al meglio. Più probabilmente non abbiamo avuto il giusto atteggiamento mentale e l’Avezzano ha preso campo. Peccato non aver gestito meglio il gol del vantaggio siglato da Cruz a inizio gara: sul gol dell’1-1 non abbiamo avuto una buona lettura anche perché sapevamo delle qualità di Bettaje sull’allungo”. Il collaboratore di Chiappara, che ha ritrovato ad Albano dopo le esperienze vissute insieme all’Atletico Roma e al Fidene, giudica positivamente l’avvio di stagione dei castellani. “Abbiamo iniziato il campionato col piede giusto, ma c’è ancora tanto da lavorare anche se il lavoro di Chiappara si vede e la squadra sta pian piano prendendo una sua identità di gioco. Domenica torneremo a giocare tra le mura amiche e affronteremo la Nuorese. Lì c’è un tecnico molto bravo come Mariotti che conosco bene e poi i sardi hanno in organico alcuni giocatori di assoluto spessore. Sarà sicuramente una partita difficile, ma noi abbiamo le nostre armi da poter sfruttare”. Passando al girone H, sono uscite entrambe con le ossa rotte dai rispettivi appuntamenti Città di Ciampino e Cynthia. La compagine genzanese ha lasciato lo scalpo al “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia cadendo sotto i colpi di uno scatenato Gargiulo, autore della doppietta che ha permesso all’Herculaneum di volare al quarto posto in classifica in coabitazione con il Bisceglie. Parte bene l’Herculaneum, pericolosa già al 5’ con Gargiulo. E’ lo stesso bomber due minuti dopo a firmare il gol dell’1-0 deviando in porta dal centro dell’area piccola un calcio d’angolo. Al 12’ si fanno vedere i laziali con Nuovo, ma Mennella è preciso nell’intervento, al 21’ ancora Gargiulo non raccoglie un ottimo invito di Pianese, tirando a lato. Al minuto 32 è ancora protagonista il bomber, che questa volta non riesce a concludere uno splendido contropiede iniziato da Sorrentino. Al 42’ Sorrentino, ispiratissimo, tra i migliori in campo va vicinissimo al raddoppio, ma il suo destro dal limite termina sulla traversa. Il primo tempo si chiude sull’1-0, dopo una semirovesciata di Gargiulo. Nella ripresa non cambia lo spartito, i granata giocano meglio e al 50’ hanno l’occasione del K.O. con capitan Pianese che fallisce un calcio di rigore da lui procurato tirando alto. Al minuto 57 si fa rivedere il Cynthia con un colpo di testa di Porfiri, mentre al 60’ Sorrentino e Conte impegnano Scarsella. Il raddoppio arriva al minuto 76’ quando è ancora super Gargiulo a trafiggere Scarsella sugli sviluppi di un angolo. La partita termina con due espulsioni per il Cynthia (Artistico e Macciocchi), mentre per l’Herculaneum era stato allontanato Pianese dalla panchina dopo la sostituzione. Chiudiamo con la rocambolesca sconfitta del Città di Ciampino nella sfida interna contro il Gelbison. Partita incredibile quella degli aeroportuali che si sono letteralmente suicidati, riuscendo a dilapidare quanto di buono creato in avvio di una gara dai due volti. Alla fine saranno ben otto le segnature di un match che ha visto trionfare la Gelbison per 5-3. Avvio di gara assolutamente ad appannaggio degli aeroportuali che si portano subito in vantaggio grazie alla rete di Damiani che insacca di testa dopo il traversone al bacio di Bosi. Al 12’ arriva anche il secondo goal del Ciampino, sempre di testa, con Trani bravo a deviare alle spalle del portiere ospite la punizione di Carnevali. In campo sempre esserci soltanto il City ed i ragazzi di Santoni si divorano letteralmente il 3-0 al 19’ con Turmalaj che da due passi manda incredibilmente sul fondo. Poteva essere la rete del Ko e invece la Gelbison rientra in partita grazie al guizzo di Passaro che manda le squadre al riposo sul risultato di 2-1. In avvio di ripresa l’episodio che da la svolta al match: Citro, già ammonito, si becca il secondo giallo e lascia i castellani in dieci praticamente per tutto il secondo tempo. Gli ospiti prendono coraggio ed al 17’ riescono a pareggiare con Maggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. E dopo pochi giri di lancette passano anche in vantaggio grazie alla rete di Cappiello. Il Città di Ciampino, con la forza della disperazione, si butta in avanti alla ricerca del pareggio e lo trova al 29’ grazie alla doppietta personale di Damiani. La gara sembra quindi avviarsi sul risultato di 3-3 ma proprio negli ultimi minuti di gioco la Gelbison trova il micidiale uno-due con Yeboa e ancora con Maggio che fissa il risultato sul definitivo 5-3. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14:45 1534682700 Tre artisti di Latina partecipano allo street art festival in Calabria
13:42 1534678920 Picchiato e lasciato in una pozza di sangue, scappa dall'ospedale
13:37 1534678620 Controlli sulle strade di Marino: albero caduto e cucciolo soccorso
12:26 1534674360 Mare sporco tra Ardea e Torvaianica: guardia costiera fa uscire tutti dall'acqua
12:26 1534674360 Un furto riuscito ed uno mancato: un arresto ed una denuncia
12:22 1534674120 In casa cocaina, hashish, marijuana e soldi: arrestato pusher 32enne
12:19 1534673940 Minaccia e picchia la convivente davanti alla figlia: arrestato
12:15 1534673700 Arrestato dagli agenti in moto un ladro di smartphone sulle spiagge
12:11 1534673460 Genzano, voragine su via Appia Nuova: transenne all'incrocio delle 4 strade
10:32 1534667520 Torna la festa di Borgo Carso: ecco il programma della manifestazione
09:38 1534664280 L'assassino di Lucky avrebbe ucciso anche un altro cane
09:32 1534663920 Controlli a Ponza: 9.500 euro di multe, pesce sequestrato e attività chiusa
08:36 1534660560 Tre auto parcheggiate in strada a fuoco, cause sconosciute
18/08 1534607100 Anzio Basket e Latina Basket insieme per i giovani
18/08 1534604040 "Lanuvio e Acea, basta menzogne": le verità di Lanuvio Unita verso il futuro
18/08 1534601820 Controlli e maxi sanzioni in un allevamento di bufale a Sabaudia
18/08 1534601220 Dal 20 al 26 agosto il "Cinema con le stelle" a Lariano: il programma
18/08 1534600680 Sotto sequestro una delle scogliere più caratteristiche del Circeo
18/08 1534600380 Lavori su strade provinciali: l'amministrazione di Sermoneta ottiene risultati
18/08 1534600260 A Valvisciolo si festeggia San Bernardo: ecco il programma della festa
18/08 1534585260 Rampollo dei Casamonica sorpreso a cedere droga aggredisce i militari: arrestato
18/08 1534582980 Parco Regionale dei Castelli Romani, partito "Il Cammino Naturale dei Parchi"
18/08 1534581900 In fuga con gli abiti sportivi appena rubati dal negozio: arrestata 41enne
18/08 1534581300 Crollo di Genova, l'Italia si ferma per il lutto nazionale. Le iniziative
18/08 1534580820 Auto a fuoco ad Aprilia, dubbi sulle cause delle fiamme

Espugnato il campo di Avezzano

L'Albalonga torna in zona Play Off

Espugnato il campo di Avezzano

L’Albalonga torna in zona play off. La squadra del presidente Bruno Camerini ha violato il campo dell’Avezzano grazie...


Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli