[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Calcio Giovanile

Stagione positiva per il tecnico

Aprilia Calcio, mister Riccardo Terrinoni racconta i suoi Allievi Regionali

Le montagne russe nella stagione appena conclusa sono state una costante per il settore giovanile dell’Aprilia. Anche per gli Allievi Regionali, infatti, l’annata 2015-2016 è stata ricca di sorprese. La prima fase del campionato ha visto Ranucci e compagni incappare in risultati altalenanti e mancanza di continuità; nella seconda, invece, con l’arrivo del debuttante tecnico Riccardo Terrinoni 9 vittorie consecutive hanno spinto le giovani rondinelle sul podio. Per il giovane allenatore dei classe ’99, lui stesso nato negli anni ’90 (1991 per la precisione), dopo le due partite da titolare in prima squadra in sostituzione dello squalificato Mauro Fattori a fine 2015 si è trattato della prima esperienza come responsabile di una squadra. Davvero niente male per un debuttante.

Mister Terrinoni per lei una stagione da ricordare: due gare come responsabile della prima squadra poi, dopo l’esonero di mister Fattori, è stato chiamato per guidare gli Allievi Regionali come capo allenatore. Ha provato emozioni particolari nel ricevere questo incarico? “L’esperienza come vice allenatore in prima squadra è stata bellissima, è stato un anno e mezzo davvero speciale. Chiaramente essere nominato allenatore di una squadra comporta grande responsabilità, sei consapevole che la società punta su di te per raggiungere un obiettivo importante. Sono grato per l’opportunità che mi è stata data, ho dato tutto e grazie all’impegno dei ragazzi siamo arrivati dove speravamo”.

Passare dalla prima squadra al settore giovanile che cambiamenti ha comportato nel suo modo di gestire la situazione? “Accanto al ruolo di vice in prima squadra ho portato avanti anche il compito di preparatore tecnico dei Giovanissimi Regionali di Eccellenza fascia B, almeno finché non si è arrivati alla sostituzione di mister Stefano Cappiello. Le dinamiche del settore giovanile, con la scuola che prende giustamente la gran parte del tempo dei ragazzi, non le ho mai perse di vista. Si può quasi dire che mi sono dovuto adattare alle dinamiche della prima squadra piuttosto che a quelle del vivaio”.

C’è stato un momento, secondo lei, in cui la squadra ha dato la sterzata definitiva alla sua stagione?

“Nel primo periodo dopo il mio arrivo i ragazzi hanno avuto bisogno di adattarsi alla nuova metodologia di lavoro, così come io ho avuto bisogno di tempo per capire come sfruttare al meglio le loro qualità. Lo scontro diretto in casa del Pomezia credo sia stato il punto di svolta: perdevamo 2 a 0 quando la gara è stata interrotta per maltempo, nel recupero invece abbiamo vinto. Penso che da quella gara la ruota abbia iniziato a girare a nostro favore, anche se sono convinto che se non fosse successo li sarebbe bastato aspettare poco per vederlo accadere comunque”.

La stagione dei classe ’99 è stata una continua rincorsa ai primi tre posti, per sperare nel ripescaggio nella categoria élite, risultato ottenuto proprio all’ultima giornata. La terza piazza del podio rispecchia il valore della squadra o c’è rammarico per una prima parte di stagione troppo discontinua? “Il risultato del campo va accettato, se due squadre hanno fatto più punti vuol dire che hanno meritato di stare davanti a te. Da quando sono arrivato io è vero che abbiamo fatto più punti di tutte le altre, ma è anche vero che abbiamo perso degli scontri diretti con le squadre che hanno chiuso davanti a noi in graduatoria. Ci sono tanti episodi che possono far prendere una piega positiva o negativa ad una stagione, ma il risultato scaturito dal campo va accettato come riflesso dei valori mostrati”.

Ora inizia la serie dei tornei estivi per tutte le categorie giovanili. Quasi tutti saranno tornei di prospettiva, cioè la sua squadra non sarà più nella categoria Allievi ma Juniores. Cosa spera di vedere dai suoi ragazzi in questi tornei? “L’obiettivo è quello di crescere e migliorare, l’unica cosa che conta davvero nel settore giovanile. In previsione di questi tornei abbiamo affrontato amichevoli di spessore contro squadre che hanno partecipato a campionati Allievi élite, dovremo abituarci a giocare sui 90 minuti e contro squadre che magari schiereranno ragazzi più grandi. Tutto questo fa parte del loro percorso di crescita, in questo finale di stagione è bene che prendano confidenza con ciò che le aspetta il prossimo anno”.

Finora abbiamo parlato della crescita dei suoi ragazzi. Lei, invece, sotto quali aspetti crede di essere cresciuto con questa prima esperienza da capo allenatore? “Sicuramente nella gestione umana dello spogliatoio. Quando sei il vice di qualcuno le decisioni su chi far giocare e chi tenere fuori non spettano a te, quindi non ha il problema di dover gestire le reazioni degli “scontenti”. Accontentare tutti non è possibile, dover scegliere se dare spiegazioni o meno e gestire sotto il profilo umano, prima ancora che tecnico, uno spogliatoio di 20 o più elementi è stato un elemento che ritengo fondamentale nel mio bagaglio di esperienza come allenatore”.

Tags: aprilia calcio 


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
22/06 1529682720 Evade dai domiciliari, ma nel rientrare a casa di notte sbaglia casa: arrestato
22/06 1529677260 Grave incidente a Pomezia: motociclista a terra dopo l'impatto contro una Bmw
22/06 1529676840 Nuovi parroci in provincia di Latina: ecco le nomine e i trasferimenti
22/06 1529676120 Estorsione e stupefacenti, 4 arresti tra Roma e Marino. C'è anche un Casamonica
22/06 1529675340 Ennesimo suicidio a Lariano: trovato impiccato in casa 39enne padre di 4 figli
22/06 1529672220 Francesco Totti, ecco il libro sul suo congedo dal calcio giocato
22/06 1529671200 Ragazze costrette a prostituirsi ad Aprilia: due rumeni fermati a Latina
22/06 1529669640 Commercianti della rocca di Ardea preoccupati per lo spostamento degli uffici
22/06 1529667300 Emergenza sociale, più italiani che stranieri in carico ai servizi sociali
22/06 1529662980 Nuoto, Master. Campus Primavera Aprilia, cala il sipario sulla stagione
22/06 1529662860 Luca e Genni Guadagnini premiati per i risultati di "Rock per un bambino"
22/06 1529662560 Il caso Tripodi finisce in Parlamento: interrogazione del Pd
22/06 1529661180 Serie A2. Latina Basket, Andrea Patore ai saluti
22/06 1529659500 Cemento ed elezioni, il ‘sistema’ Parnasi al centro dell'inchiesta
22/06 1529659440 Pallanuoto, Under 13 Fascia A. L'Antares Nuoto Latina chiude al 7°posto
22/06 1529658180 Parnasi-Palozzi: Marino2 motore dello stadio. Progetto nodo dell'inchiesta
22/06 1529657160 Rifiuti in fiamme in via della Spadellata ad Anzio, la rabbia dei residenti
22/06 1529657040 Ricaricavano la Postepay senza pagare ad Anzio e Nettuno, fermati in due
22/06 1529656920 Guida 2019 del Gambero Rosso: ecco i ristoranti del Lazio premiati
22/06 1529656740 Abuso edilizio a Nettuno, lettera aperta a Commissario e Segretario comunale
22/06 1529654400 Open Day Ginecologia e Ostetricia per sapere tutto su gravidanza e allattamento
22/06 1529653620 Bagnino di 25 anni salva 5 rumeni ubriachi che non riuscivano a tornare a riva
22/06 1529653260 Il Sindaco cerca la riconferma: il lavoro, il ping pong e Ani, ‘musa’ da 26 anni
22/06 1529653080 Figlie del Sacro Cuore di Gesù, la festa annuale per conoscere i progetti
22/06 1529652660 Vulcano, il maresciallo che vuole fare il sindaco (civico) del centrodestra