[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Calcio Giovanile

Stagione positiva per il tecnico

Aprilia Calcio, mister Riccardo Terrinoni racconta i suoi Allievi Regionali

Le montagne russe nella stagione appena conclusa sono state una costante per il settore giovanile dell’Aprilia. Anche per gli Allievi Regionali, infatti, l’annata 2015-2016 è stata ricca di sorprese. La prima fase del campionato ha visto Ranucci e compagni incappare in risultati altalenanti e mancanza di continuità; nella seconda, invece, con l’arrivo del debuttante tecnico Riccardo Terrinoni 9 vittorie consecutive hanno spinto le giovani rondinelle sul podio. Per il giovane allenatore dei classe ’99, lui stesso nato negli anni ’90 (1991 per la precisione), dopo le due partite da titolare in prima squadra in sostituzione dello squalificato Mauro Fattori a fine 2015 si è trattato della prima esperienza come responsabile di una squadra. Davvero niente male per un debuttante.

Mister Terrinoni per lei una stagione da ricordare: due gare come responsabile della prima squadra poi, dopo l’esonero di mister Fattori, è stato chiamato per guidare gli Allievi Regionali come capo allenatore. Ha provato emozioni particolari nel ricevere questo incarico? “L’esperienza come vice allenatore in prima squadra è stata bellissima, è stato un anno e mezzo davvero speciale. Chiaramente essere nominato allenatore di una squadra comporta grande responsabilità, sei consapevole che la società punta su di te per raggiungere un obiettivo importante. Sono grato per l’opportunità che mi è stata data, ho dato tutto e grazie all’impegno dei ragazzi siamo arrivati dove speravamo”.

Passare dalla prima squadra al settore giovanile che cambiamenti ha comportato nel suo modo di gestire la situazione? “Accanto al ruolo di vice in prima squadra ho portato avanti anche il compito di preparatore tecnico dei Giovanissimi Regionali di Eccellenza fascia B, almeno finché non si è arrivati alla sostituzione di mister Stefano Cappiello. Le dinamiche del settore giovanile, con la scuola che prende giustamente la gran parte del tempo dei ragazzi, non le ho mai perse di vista. Si può quasi dire che mi sono dovuto adattare alle dinamiche della prima squadra piuttosto che a quelle del vivaio”.

C’è stato un momento, secondo lei, in cui la squadra ha dato la sterzata definitiva alla sua stagione?

“Nel primo periodo dopo il mio arrivo i ragazzi hanno avuto bisogno di adattarsi alla nuova metodologia di lavoro, così come io ho avuto bisogno di tempo per capire come sfruttare al meglio le loro qualità. Lo scontro diretto in casa del Pomezia credo sia stato il punto di svolta: perdevamo 2 a 0 quando la gara è stata interrotta per maltempo, nel recupero invece abbiamo vinto. Penso che da quella gara la ruota abbia iniziato a girare a nostro favore, anche se sono convinto che se non fosse successo li sarebbe bastato aspettare poco per vederlo accadere comunque”.

La stagione dei classe ’99 è stata una continua rincorsa ai primi tre posti, per sperare nel ripescaggio nella categoria élite, risultato ottenuto proprio all’ultima giornata. La terza piazza del podio rispecchia il valore della squadra o c’è rammarico per una prima parte di stagione troppo discontinua? “Il risultato del campo va accettato, se due squadre hanno fatto più punti vuol dire che hanno meritato di stare davanti a te. Da quando sono arrivato io è vero che abbiamo fatto più punti di tutte le altre, ma è anche vero che abbiamo perso degli scontri diretti con le squadre che hanno chiuso davanti a noi in graduatoria. Ci sono tanti episodi che possono far prendere una piega positiva o negativa ad una stagione, ma il risultato scaturito dal campo va accettato come riflesso dei valori mostrati”.

Ora inizia la serie dei tornei estivi per tutte le categorie giovanili. Quasi tutti saranno tornei di prospettiva, cioè la sua squadra non sarà più nella categoria Allievi ma Juniores. Cosa spera di vedere dai suoi ragazzi in questi tornei? “L’obiettivo è quello di crescere e migliorare, l’unica cosa che conta davvero nel settore giovanile. In previsione di questi tornei abbiamo affrontato amichevoli di spessore contro squadre che hanno partecipato a campionati Allievi élite, dovremo abituarci a giocare sui 90 minuti e contro squadre che magari schiereranno ragazzi più grandi. Tutto questo fa parte del loro percorso di crescita, in questo finale di stagione è bene che prendano confidenza con ciò che le aspetta il prossimo anno”.

Finora abbiamo parlato della crescita dei suoi ragazzi. Lei, invece, sotto quali aspetti crede di essere cresciuto con questa prima esperienza da capo allenatore? “Sicuramente nella gestione umana dello spogliatoio. Quando sei il vice di qualcuno le decisioni su chi far giocare e chi tenere fuori non spettano a te, quindi non ha il problema di dover gestire le reazioni degli “scontenti”. Accontentare tutti non è possibile, dover scegliere se dare spiegazioni o meno e gestire sotto il profilo umano, prima ancora che tecnico, uno spogliatoio di 20 o più elementi è stato un elemento che ritengo fondamentale nel mio bagaglio di esperienza come allenatore”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:02 1545044520 Serie A2, Girone B. Mirafin, un pari indigesto contro Cefalù
11:53 1545043980 Serie B, Girone E. La Fortitudo Futsal Pomezia sbanca Cagliari ed è terza
11:27 1545042420 Al via il Trenino di Natale a Nettuno, si inizia con i bimbi delle scuole
11:25 1545042300 Commissariata la Lega di Anzio, inviato un coordinatore straordinario
11:22 1545042120 Rischia di saltare il bus-navetta che collega Albano, Ariccia e Genzano
11:17 1545041820 Qualità della vita: la provincia di Latina sale di 10 posizioni rispetto al 2017
11:05 1545041100 Rincari sulla bolletta dell'acqua dal 2019: bagarre tra i sindaci dell'Ato 2
11:03 1545040980 La viabilità su via Nettunense 'rallenta' le ambulanze verso il nuovo ospedale
10:23 1545038580 Anziano investito a Torvaianica: torna la polemica sulla sicurezza del lungomare
10:22 1545038520 Santa Chiara: lavori ancora non ultimati, ma al via le attività per ragazzi
10:06 1545037560 Lanterne in cielo per ricordare chi non c'è più
09:51 1545036660 Questo piatto di grano, la storia dei coloni pontini di Giulio Alfieri a Latina
09:46 1545036360 Note di Natale, il concerto a favore dell'associazione Martina e la sua luna
09:33 1545035580 Conto alla rovescia per l'inizio dei saldi invernali: dureranno 6 settimane
09:08 1545034080 Incidente sulla Nettunense, scontro auto moto: traffico paralizzato
09:01 1545033660 Investito grosso animale, treno soppresso: migliaia di pendolari bloccati
08:29 1545031740 13esima edizione del Festival pontino del cortometraggio: ecco i vincitori
08:26 1545031560 Traballa la sede della Città del Vino di Genzano: trasloco in vista?
08:18 1545031080 Il presepe di nonno Vincenzo scelto insieme a altri 99: sarà esposto in Vaticano
08:02 1545030120 Pulizia natalizia della spiaggia di Foceverde: raccolte decine di kg di plastica
07:47 1545029220 A piedi da Castel Gandolfo a Genzano per la difesa del clima
16/12 1544994120 Serie C Gold, Anzio Basket Club Ko con la Fortitudo
16/12 1544993460 Serie A2. Latina Basket, a Treviglio decisivi i minuti finali
16/12 1544992920 Pallanuoto, Serie A2 Girone Sud. Latina Pallanuoto Anzio, sei uno spettacolo
16/12 1544992140 Serie B1, Girone D. La Giovolle Aprilia chiude il 2018 con un altro tris

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli