[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Mandato al Sindaco Marini

AAA vendesi Formalba: il Comune delibera la cessione dell'ente formativo

UNA VICENDA LUNGA 6 ANNI
Febbraio 2012: manifestazione davanti al Comune di Albano dei lavoratori Albafor, messa in liquidazione dal 2011
UNA VICENDA LUNGA 6 ANNI Febbraio 2012: manifestazione davanti al Comune di Albano dei lavoratori Albafor, messa in liquidazione dal 2011

Venerdì 20 maggio, con la delibera n. 35 il Consiglio Comunale di Albano ha incaricato il sindaco Nicola Marini di “porre in essere […] la dismissione delle partecipazioni societarie” di Formalba srl, nata a settembre 2014, dopo la messa in liquidazione di ‘mamma’ Albafor spa.  Si tratta dell’istituto scolastico di formazione professionale di proprietà del Comune di Albano impegnato da 16 anni nella formazione di aspiranti meccanici, giardinieri, operatori pc, estetiste, baristi, ecc. Per l’amministrazione di centrosinistra, alla guida di Albano da 6 anni, e parte dell’opposizione, la ‘ricetta’ salva-studenti e salva-dipendenti è già pronta: “al fine di pervenire alla dismissione delle suddette partecipazioni e alla chiusura della gestione liquidatoria, salvaguardando il mantenimento del valore economico e professionale della società, è necessario – si legge nella delibera del Consiglio comunale - fornire indirizzo alla società Albafor spa affinché provveda alla cessione della società Formalba srl e conseguente miglior soddisfazione dei creditori […] individuando lo strumento più idoneo e conveniente per la realizzazione di tale finalità”. Si tratta di una ‘impresa’ non certo facile visto che le due società sono legate a ‘doppia mandata’: “la società che residua dal conferimento (old Albafor) – si legge ancora tra le carte del Comune - mantiene in pancia l’intera partecipazione della new company (Formalba), strumentale per chiudere in maniera transattiva le perdite debitorie della società medesima”.
 
I ‘GUAI’ GIUDIZIARI DI ALBAFOR
Albafor spa è coinvolta in due procedimenti giudiziari. Il primo di natura penale. Secondo il Pubblico Ministero, dottor Giuseppe Travaglini, l’ex sindaco Marco Mattei, e l’attuale primo cittadino Nicola Marini, avrebbero ‘adottato in violazione della legge atti illegittimi al fine di favorire la società Albafor […] creando debito per il bilancio comunale di Albano per circa 6,4 milioni di euro”. Il secondo di natura civile. Il fallimento dell’Albafor spa, richiesto a gennaio dalla Procura di Velletri, prenderà il via il prossimo 22 giugno. Secondo i togati veliterni, l’Ente scolastico sarebbe incapace di ‘risollevarsi dallo stato di pesante insolvenza’. Infine, sui debiti di Albafor spa indaga anche Bankitalia, l’Ente di controllo pubblico del sistema bancario privato, che ha avviato nei giorni scorsi una ispezione sulla Banca che ha concesso negli anni passati crediti per circa 6,4 milioni di euro, che ancora non sono stati onorati. La delibera che avvia la cessione di Formalba srl è stata votata da 17 consiglieri. Per la maggioranza: Rovere, Sepio, Borelli, Di Baldo, Garbini, Santoro, Nengarelli, Andreassi, Cammarano, Fazio, Gambucci, Grecco, Guarino, Santilli, Tedone. Per l’opposizione: Silvestroni, Orciuoli e Segrella (astenuto). Chi acquisterà la società e a quali condizioni? Chi e quando pagherà i debiti? Quale sarà il futuro degli studenti, dei corsi scolastici e del personale docente e amministrativo? Presto, probabilmente avremo una risposta. Intanto, i rappresentanti nazionali e regionali di CGIL, CILS, e UIL hanno chiesto nei giorni scorsi un incontro urgente al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dichiarandosi molto preoccupati per la ‘svendita’, così la definiscono, di Formalba srl.

I 2 PROCESSI ALBAFOR: PENALE E CIVILE
Si infiamma la vigilia della seconda udienza del processo penale Albafor’, rinviata al 21 giugno a causa dello sciopero degli avvocati penalisti dello scorso 26 maggio: uno degli avvocati difensori ha manifestato ‘insofferenza’ per la presenza del nostro giornale in Tribunale, l’unica testata che segue la spinosa vicenda. In questo maxi procedimento giudiziario sono co-imputati il sindaco Nicola Marini e il vice sindaco Maurizio Sementilli. Insieme a loro, sono imputati anche Mariella Sabadini, dirigente dell’Ufficio legale del Comune, Mario Rapisardi, ex Assessore alla Pubblica Istruzione della prima giunta Marini, e Roberto De Vitalini, di professione imprenditore. Tutti accusati a vario titolo dalla Procura di Velletri di aver adottato atti illegittimi al fine di favorire la società Albafor e per concorso in abuso di ufficio e altri reati in merito ad assegnazioni di vari incarichi e appalti. ‘Stralciata’, ovvero separata, almeno dal punto di vista giudiziario, la ‘posizione’ di Marco Mattei, ex sindaco di Albano, Claudio Fiorani, ex Assessore all’Ambiente, Giuseppe “Pino” Rossi, ex Assessore al Bilancio, Piergiuseppe Rosatelli, ex dirigente dell’Ufficio Ambiente ora in forza al Comune di Ariccia, e Gianni Micarelli di professione imprenditore. Costoro  hanno preferito avvalersi della facoltà di difendersi nel corso della  udienza preliminare, fissata per il 20 ottobre, per opporsi alla richiesta del loro rinvio a giudizio.

VERSO IL FALLIMENTO DI ALBAFOR
Mercoledì 22 giugno, la presidente della II° sezione civile del Tribunale di Velletri, dottoressa Francesca Aratari, presiederà il fallimento della ex Albafor spa, attuale Formalba srl, come richiesto il 30 gennaio scorso dalla Procura di Velletri. Annunciata la presenza del liquidatore della Albafor spa, il commercialista Massimo Bareato, e del Comune di Albano, proprietario unico della società.

Cassazione ‘libera’ i beni di  Bareato
La Cassazione, terzo e ultimo grado della Giustizia italiana, ha annullato il sequestro di beni mobili ed immobili, per un valore di circa 2 milioni di euro, eseguito a ottobre 2015 dalla Guardia di Finanza, su ordine della Procura di Velletri, nei confronti del commercialista Massimo Bareato, amministratore delegato di Formalba srl e attuale liquidatore di Albafor spa. A novembre 2015, il sequestro era stato confermato dal Tribunale del riesame, secondo grado della Giustizia. Ora i togati della Cassazione hanno annullato definitivamente il provvedimento.
 

 

L’albafor in pillole
L’istituto scolastico Albafor spa, che da settembre 2014 prende il nome di Formalba srl, è impegnato da 16 anni nella formazione di aspiranti meccanici, giardinieri, operatori pc, estetiste, baristi, ecc.. Vanta al momento oltre 1000 studenti iscritti, 142 dipendenti, 12 direttori e 7 sedi: Albano, Cecchina, Velletri, Marino, Colleferro, Pomezia e Valmontone.
 
Tags: formalba  albafor  albano 


Articoli Correlati:

2017 Dipendenti attendono stipendi da mesi Albafor e Formalba, confermato il debito da 15,3 milioni di euro Un epilogo carico di debiti: 15 milioni e 300mila euro, a tanto ammonta la voragine...
2016 L'ex consigliere Cassabgi parte civile Dopo Albafor, a rischio anche Formalba. Entra nel vivo il maxiprocesso Allo ‘scandalo’ di una scuola pubblica che fallisce si aggiunge, ora, anche il rischio di...
2016 L'istituto di formazione professionale Sul caso Albafor interviene anche la Banca d’Italia che avvia un'ispezione Non più solo il clamoroso ‘maxi processo Albafor’, ma ora anche una ispezione della Banca...
2015 Ora tocca a Regione e Area Metropolitana Formalba: niente stipendi a novembre. Forse a dicembre e poi... Parla AD Bareato Per tutto il mese di novembre in corso la Formalba «non potrà pagare, nemmeno in...
2015 Lavoratori da 7 mesi senza stipendio Dipendenti Formalba occupano la Direzione di Cecchina per avere gli stipendi Si riaccende la protesta dei lavoratori dell'ex Albafor, attuale Formalba di Albano. In questo momento...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:22 1529256120 Notte di paura alla stazione di Nettuno, danni alle auto e aggressione in casa
18:35 1529253300 Nuova vittoria per i bambini della società sportiva città di Nettuno
14:55 1529240100 Localizzato il corpo del 29enne annegato nel Lago. Problemi per il recupero
14:09 1529237340 Lettini per l'asilo e panchine per Norcia da parte del Comune di Albano
14:06 1529237160 Danni e furto al Liceo Picasso di Anzio, rubate le creazioni degli studenti
14:05 1529237100 Finti poliziotti tentano truffa a turisti tedeschi in vacanza a Nettuno
10:59 1529225940 Lallà Di Silvio tenta il suicidio in carcere, trasferito in isolamento
09:27 1529220420 Festa del rifugiato al parco Falcone e Borsellino: ecco il programma
09:15 1529219700 Paline per monitorare gli spostamenti degli autobus e app per i rifiuti
07:00 1529211600 Coletta, due anni di bonifica. Ora il raccolto. Il punto sul primo biennio
16/06 1529167980 Nettuno, riapre la spiaggia di Torre Astura. Ecco giorni e orari di accesso
16/06 1529167860 Nettuno, grosso ramo crolla in pieno centro. Sul posto la Polizia Locale
16/06 1529167740 Sporcizia ed erba alta, torna il degrado al Parco Palatucci di Nettuno
16/06 1529165280 Aprilia per un pomeriggio capitale italiana del No al gioco d'azzardo
16/06 1529164380 Fermata auto con targa bulgara: aveva documentazione contraffatta. Una denuncia
16/06 1529163840 Ardea riscopre i suoi siti storici grazie all'iniziativa "Come un Archeologo"
16/06 1529163540 Sabaudia non sistema le passerelle ma multa le auto al mare
16/06 1529163060 Villa del cardinale, accordo da 250.000 euro raggiunto tra Comune e gestore
16/06 1529162640 Sei Comuni dei Castelli fanno rete per diventare "Comunità Europea dello Sport"
16/06 1529156760 Sempre più poveri nonostante la ripresa: il rapporto dell'osservatorio diocesano
16/06 1529156220 Successo per la prima giornata di Albano In Salute con Asl, Croce Rossa e medici
16/06 1529156040 A Cisterna il 24 giugno il 7° raduno nazionale Tres Tabernae
16/06 1529146380 Nettunense: tamponato durante la svolta investe l'auto con due anziani. 3 feriti
16/06 1529144040 Esclusiva. Clamoroso alla Fortitudo Futsal Pomezia: entra Alessio Bizzaglia?
16/06 1529143560 Con la droga in casa nonostante fosse ai domiciliari: 54enne ri-arrestato