[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Calcio a 5

Perso per 6-3 il play out con Gavignano

Velletri, è finita. Si retrocede in Serie C2

Si conclude nella maniera peggiore la travagliata e sfortunata stagione sportiva del Velletri calcio a 5. Come riporta l'ufficio stampa veliterno, i biancocelesti perdono, con il pesante risultato di 6-3, la finale playout del campionato di serie C1 di calcio a cinque contro il Gavignano, fallendo l’appuntamento più importante dell’annata. Il triste epilogo di una stagione contrassegnata dalla malasorte, condanna alla retrocessione in serie C2 i veliterni. Gara piacevole, vibrante e a tratti emozionante, sicuramente non alla portata dei cardiopatici. Si sapeva già dalla vigilia che doveva essere un incontro con le caratteristiche prima dette, in quanto la posta in palio per entrambe era molto importante. Il Velletri si presenta senza Manciocchi Adriano e Luca appiedati dalla giustizia sportiva e con diversi giocatori acciaccati. Pronti via, e la partita è subito in salita per il Velletri, al 2’ minuto di gioco una incomprensione tra Manciocchi e Maggiore spiana la strada per il vantaggio del Gavignano. Forte del vantaggio sul campo e del doppio risultato utile (come da regolamento), il Gavignano arretra il proprio baricentro, per il Velletri invece inizia l’assalto a forte apache. Al 6’ imbucata di Diana per Manciocchi che fa da velo per l’accorrente Montagna, il cui tiro viene deviato in angolo. Al 7’ ci prova Tibaldi, ma il suo tiro viene ancora deviato. Al 10’ Montagna ruba palla nella propria metà campo, vola tra le linee avversarie e va alla conclusione, ma è ancora bravo il portiere locale a parare. All’11’ Manciocchi, servito da Tibaldi, si gira in area e a tu per tu con il portiere non riesce a concludere, poi subito dopo anche la fortuna volta le spalle al Velletri, che colpisce un clamoroso palo interno con Montagna, con la palla che esce. Al 12’ il Gavignano esce dal proprio guscio e sugli sviluppi di un calcio d’angolo raddoppia. Al 14’ il Velletri accorcia le distanze con un autogol, sugli sviluppi di un calcio di punizione tirato da Diana, ed è 2-1. Rincuorato dal gol, il Velletri continua a macinare gioco e non lesina energie, al 18’ Cedroni serve Cerquozzi, che calcia a colpo sicuro sul secondo palo, ma un grande intervento in spaccata del portiere locale evita il pareggio. Pareggio meritato che arriva un minuto dopo con Sergola, il quale serve Cedroni che coglie un cross sul primo palo, ed è 2-2. Al 22’ ancora Cedroni chiama il portiere locale ad intervenire con un preciso tiro all’incrocio dei pali. Al 24’ Cerquozzi va al tiro e ancora una volta salva in spaccata il portiere locale. Sul finire del primo tempo il Gavignano esce nuovamente dal proprio guscio e su due ripartenze va alla conclusione ma trova un ottimo Maggiore che risponde pronto. Il primo tempo si chiude sulla parità. Seconda parte della contesa, non cambia il copione della gara, con il Velletri alla ricerca del gol e locali pronti nelle ripartenze. Il giusto premio per gli sforzi compiuti dagli ospiti arriva al 5’ minuto con Manciocchi, che va via in dribbling e scaglia un violento tiro sul secondo palo, siglando il 2-3 per il Velletri. Un minuto dopo è ancora lo stesso Manciocchi che dopo una girata in area chiama il portiere locale all’ennesimo salvataggio. Ribaltato il risultato, il Velletri eccede ed anziché effettuare il possesso palla e controllare il risultato, tenta ancora l’uno contro uno concedendo ai locali la possibilità di riportarsi in parità, al 9’ con il classico “gol della domenica”, con un tiro dalla distanza che va a “togliere le ragnatele da sotto il set”. Il quintetto biancoceleste accusa il colpo ed anche a causa di alcune sostituzioni obbligate, va in confusione e nel giro di 2 minuti subisce un uno-due micidiale. A questo punto l’inerzia umorale è tutta a favore del Gavignano, che gioca con maggiore tranquillità e al 20’ colpisce anche un legno su punizione. Al contrario gli ospiti cominciano a sentire la spada di Damocle della retrocessione, e mister Pontecorvi nei minuti finali tenta la carta del portiere di movimento nel tentativo di ridurre lo svantaggio, ma il Gavignano erige una vera e propria diga e salva il risultato prima di metterlo definitivamente al sicuro quando il centrale intercetta un passaggio con il portiere di movimento, e infila a porta sguarnita con un tiro preciso dalla distanza, segnando il gol del definitivo 6-3. Mutismo e rassegnazione per l’equipe biancoceleste del presidente Christian Pontecorvi che dopo una caduta libera costante aveva accarezzato più e più volte la possibilità di mantenere la categoria. Dramma invece completato, ed è serie C2. In estate ci sarà da lavorare molto per ricostruire dalle fondamenta, ovvero dalle giovanili e da chi vorrà sbracciarsi le maniche per dare una mano dentro e fuori dal campo. Una retrocessione immeritata e probabilmente evitabile; alla società va comunque riconosciuto il merito di aver permesso a molti giovani atleti di partecipare a un campionato di Serie C1 di calcio a cinque



[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:22 1529256120 Notte di paura alla stazione di Nettuno, danni alle auto e aggressione in casa
18:35 1529253300 Nuova vittoria per i bambini della società sportiva città di Nettuno
14:55 1529240100 Localizzato il corpo del 29enne annegato nel Lago. Problemi per il recupero
14:09 1529237340 Lettini per l'asilo e panchine per Norcia da parte del Comune di Albano
14:06 1529237160 Danni e furto al Liceo Picasso di Anzio, rubate le creazioni degli studenti
14:05 1529237100 Finti poliziotti tentano truffa a turisti tedeschi in vacanza a Nettuno
10:59 1529225940 Lallà Di Silvio tenta il suicidio in carcere, trasferito in isolamento
09:27 1529220420 Festa del rifugiato al parco Falcone e Borsellino: ecco il programma
09:15 1529219700 Paline per monitorare gli spostamenti degli autobus e app per i rifiuti
07:00 1529211600 Coletta, due anni di bonifica. Ora il raccolto. Il punto sul primo biennio
16/06 1529167980 Nettuno, riapre la spiaggia di Torre Astura. Ecco giorni e orari di accesso
16/06 1529167860 Nettuno, grosso ramo crolla in pieno centro. Sul posto la Polizia Locale
16/06 1529167740 Sporcizia ed erba alta, torna il degrado al Parco Palatucci di Nettuno
16/06 1529165280 Aprilia per un pomeriggio capitale italiana del No al gioco d'azzardo
16/06 1529164380 Fermata auto con targa bulgara: aveva documentazione contraffatta. Una denuncia
16/06 1529163840 Ardea riscopre i suoi siti storici grazie all'iniziativa "Come un Archeologo"
16/06 1529163540 Sabaudia non sistema le passerelle ma multa le auto al mare
16/06 1529163060 Villa del cardinale, accordo da 250.000 euro raggiunto tra Comune e gestore
16/06 1529162640 Sei Comuni dei Castelli fanno rete per diventare "Comunità Europea dello Sport"
16/06 1529156760 Sempre più poveri nonostante la ripresa: il rapporto dell'osservatorio diocesano
16/06 1529156220 Successo per la prima giornata di Albano In Salute con Asl, Croce Rossa e medici
16/06 1529156040 A Cisterna il 24 giugno il 7° raduno nazionale Tres Tabernae
16/06 1529146380 Nettunense: tamponato durante la svolta investe l'auto con due anziani. 3 feriti
16/06 1529144040 Esclusiva. Clamoroso alla Fortitudo Futsal Pomezia: entra Alessio Bizzaglia?
16/06 1529143560 Con la droga in casa nonostante fosse ai domiciliari: 54enne ri-arrestato