[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Intanto l'economia "sommersa" avanza

In Italia la pressione fiscale (per le aziende oneste) sfonda il tetto del 50% FOTO

<
>
Dati Istat sulla pressione fiscale in Italia dal 2001 al 2013
Dati Istat sulla pressione fiscale in Italia dal 2001 al 2013

Mentre l’economia del nostro Paese arranca, quella riconducibile alle attività in nero e alla criminalità organizzata, che assieme compongono l’economia non osservata, invece, non conosce battute d’arresto.

L’economia illegale aumenta, quella legale diminuisce
Se tra il 2011 e il 2013 l’economia sommersa e quella illegale sono aumentate di 4,85 miliardi di euro, arrivando a toccare i 207,3 miliardi di euro nel 2013 (pari al 12,9 per cento del Pil), quella al netto dell’economia non osservata è diminuita di 36,8 miliardi di euro, scendendo sotto quota 1.400 miliardi di euro. 
Se in via estremamente prudenziale si ipotizza, così come ha fatto l’Ufficio studi della CGIA, che l’incidenza percentuale dell’economia non osservata sul Pil sia rimasta la stessa anche nel biennio successivo al 2013, gli artigiani mestrini hanno stimato in quasi 211 miliardi di euro il “contributo” che questa economia “grigia” ha dato al Pil nazionale nel 2015. Questo aspetto, ovviamente, ha degli effetti molto importanti anche sul fronte fiscale.
 
La ‘vera’ pressione fiscale
“Nel 2015 – sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – al lordo dell’operazione bonus Renzi, la pressione fiscale ufficiale in Italia è stata pari al 43,7 per cento. Tuttavia, il peso complessivo che il contribuente onesto sopporta è di fatto superiore ed è arrivato a toccare la quota record del 50,2 per cento”.
Il segretario, Renato Mason, dichiara: “È evidente che con un peso fiscale simile sarà difficile trovare lo slancio per ridare fiato all’economia del paese in una fase dove la crescita rimane ancora molto debole e incerta”.
 
Attività sommerse e illegali
Ricordiamo che la pressione fiscale è data dal rapporto tra l’ammontare complessivo del prelievo (imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali) e il Prodotto interno lordo (Pil) che si riferisce non solo alla ricchezza prodotta in un anno dalle attività regolari, ma anche da quella “generata” dalle attività sommerse (cioè non in regola con il fisco) e da quelle illegali che consistono in uno scambio volontario tra soggetti economici (contrabbando, prostituzione, traffico di sostanze stupefacenti).
Come abbiamo avuto modo di anticipare più sopra, l’ultimo dato disponibile è riferito al 2013, quando l’economia non osservata ammontava a 207,3 miliardi di euro (pari al 12,9 per cento del Pil). Ipotizzando in via prudenziale che nel 2014 e 2015 l’incidenza dell’economia non osservata sul Pil sia rimasta la stessa, si può attualizzare questa stima e affermare che il suo importo nel 2015 abbia sfiorato i 211 miliardi di euro.

Gli onesti danno  allo Stato più della metà dei ricavi
Grazie a quest’ultimo dato, possiamo misurare quanta parte del Pil sia riconducibile esclusivamente all’economia regolare, visto che per sua natura la quota prodotta dall’economia irregolare non produce alcun gettito.
Quindi, al fine di avere una maggiore percezione dello sforzo fiscale a cui sono sottoposti i contribuenti italiani, è utile ricalcolare la pressione fiscale, ponendo in rapporto le entrate fiscali con il Pil “alleggerito” della parte riconducibile al sommerso economico e alle attività illegali (211 miliardi circa).
Ebbene, questo nuovo risultato, ovvero la pressione fiscale reale, balza al 50,2 per cento

 

COS'È LA PRESSIONE FISCALE
La pressione fiscale è il rapporto tra il prodotto Interno Lordo (PIL), cioè la ricchezza prodotta in Italia, e il gettito fiscale, cioè l'ammontare delle seguenti imposte: imposte dirette, imposte indirette, imposte in conto capitale e contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie che i lavoratori e i datori di lavoro o i lavoratori autonomi versano agli enti previdenziali per il finanziamento dei sistemi pensionistici obbligatori.
In pratica, quindi, la pressione fiscale evidenza la quota di ricchezza prodotta dal Paese che va a finire nelle 'mani' dello Stato italiano.
Lo Stato la calcola tenendo presente anche entrate sommerse e illegali, come evasione, prostituzione, droga, contrabbando. In questo modo dichiara una pressione fiscale poco sopra il 40%, mentre in realtà le aziende oneste pagano più del 50%.


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:28 1529404080 Droga, soldi, pistola e munizioni negli appartamenti comunicanti: due arresti
11:47 1529401620 Successo per l’evento “Borgo in fiore”, la Dea Kora incanta i Nettunesi
10:40 1529397600 Caos elezioni Anzio, sbagliato il riconteggio: Guain “torna” in consiglio
10:14 1529396040 Non accetta la fine del matrimonio dopo 38 anni, arrestato noto cantante lirico
10:13 1529395980 Navette, concerti, street art e musei: «Le ipotesi per la sera del concerto»
10:07 1529395620 Sanità Lazio, migliora qualità cure. Il punto di Zingaretti sugli anni 2012-2017
10:05 1529395500 Torna al Mattatoio la III edizione di Èxtra con Piotta e Med Free Orchestra
09:28 1529393280 La Regione autorizza il campo rom a Castel Romano per altri 4 anni: poi chiuderà
09:19 1529392740 Ragazzo trova un cagnolino avvolto in due sacchi e buttato in un cassonetto
09:10 1529392200 Latina, musica romana e stornelli con il Trio Monti
08:49 1529390940 Estorsioni "mafiose" ad imprenditori di Pomezia e Aprilia: Gangemi nega tutto
08:34 1529390040 Recuperato dopo 16 giorni in fondo al lago il corpo di Elnur Babayev
08:29 1529389740 Ladri entrano di notte nel supermercato, ma l'allarme manda in fumo il colpo
08:20 1529389200 Domani il confronto pubblico tra i due candidati sindaci di Pomezia
07:56 1529387760 In 20mila per Calcutta, quasi tutti da fuori: il piano per la serata
07:53 1529387580 64enne assolto dall'accusa di abusi sessuali sulla colf: troppe contraddizioni
07:48 1529387280 Nessun risarcimento 33 anni dopo l'incidente (e pagherà anche le spese legali)
07:46 1529387160 51enne motociclista in prognosi riservata dopo l'impatto contro un suv
18/06 1529338860 Riconteggio col botto ad Anzio, i Cinque Stelle perdono un consigliere
18/06 1529335260 Apre l'osservatorio astronomico sociale: a Latina "Occhi su Saturno"
18/06 1529331840 Scuola San Giovanni a Nettuno, lascia Fanco Nicolò arriva don Lorenzo Fabi
18/06 1529331780 Ridotta la pena per Giusti, ex Responsabile della Polizia locale di Anzio
18/06 1529331660 Il Sindaco di Anzio riceve le delegazioni di maggioranza, al lavoro sulla giunta
18/06 1529330280 Terremoto a Latina all'ora di pranzo: avvertito ai piani alti delle case
18/06 1529326260 Serie D. Ardea Calcio a 5, arriva anche il Titolo Provinciale