[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ora si farà chiarezza?

"Affittopoli" romana: lo scandalo arriva a Pomezia. Canoni da 7,75 euro al mese FOTO

<
>
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Romani di 'serie B'?
Romani di 'serie B'?

L’indagine su Affittopoli a Roma si allarga e arriva fino a Pomezia, ma anche nel resto della provincia, fino ad Aprilia. Stiamo parlando di case acquistate dal Comune di Roma e date in locazione con affitti che spesso non superano i 7 euro e 75 centesimi al mese. Si tratta di mini appartamenti, è vero, inseriti in contesti non certo di pregio, ma comunque sono cifre irrisorie, soprattutto per la Capitale, che si trova ad affrontare un buco finanziario – per quanto riguarda gli alloggi popolari – stimato in 100 milioni di euro l'anno. E così il Comune di Roma non ha i soldi nemmeno per effettuare la manutenzione di quegli alloggi: in realtà si è proprio dimenticato di questi cittadini, come se fossero di ‘serie B’.

UNA STORIA CHE PARTE DA LONTANO
La storia è cominciata addirittura negli anni ‘90, quando, Sindaco Rutelli, a Roma c’era un enorme problema dovuto alle tante famiglie in emergenza abitativa, cioè senza casa, e all’alto costo di case nella Capitale. Questa ‘grana’ aveva portato i brillanti amministratori capitolini alla altrettanto brillante idea di acquistare case in provincia, dove costavano molto meno, e farci "emigrare" quelle famiglie indigenti. Tutto questo naturalmente senza nemmeno avvertire i Comuni che nel proprio territorio sarebbero piovute una rilevante quantità di persone bisognose di assistenza.
 
BISOGNOSI E DIMENTICATI
Rutelli, Veltroni, Alemanno, Marino... i Sindaci si sono succeduti al Campidoglio, ma il problema non l’ha voluto mai nessuno affrontare davvero.
Li hanno parcheggiati lì, facendo tra l’altro ricadere tutti gli oneri sui Comuni dove sono ospitati. Il concentramento poi di tante famiglie con difficoltà economiche e sociali ha creato dei veri e propri ghetti, dove diventa anche difficile far rispettare la legalità e le prime ad essere danneggiate sono proprio le famiglie oneste che abitano in questi appartamenti. In alcuni casi, sono stati accertati anche allacci abusivi alla rete elettrica condominiale, così che la ‘furbizia’ di pochi ricade poi sulle tasche di tutti. E con Roma sempre più latitante, per ridare la luce alle case sono dovuti intervenire in soccorso i Comuni che ospitano questi romani dimenticati. In altri casi, gli assegnatari di un alloggio popolare hanno subaffittato oppure hanno lasciato l'appartamento, che poi è stato a sua volta occupato abusivamente. 
Molti romani in trasferta hanno poi deciso di prendere la residenza ufficiale nel Comune dove sono ospitiati e questo ha appesantito anche gli oneri a carico dei servizi sociali locali. Anche in questo caso Roma si è resa latitante.  

CI VOLEVA IL COMMISSARIO
Ora sembra che, finalmente, qualcuno metta mano a questa situazione insostenibile. Immensa la mole di lavoro per i tecnici del commissario straordinario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca, che, con due task force, tenterà di stanare il patrimonio non censito. «Questa volta dobbiamo andare fino in fondo - è la sfida del commissario che ha preso questa partita davvero seriamente -. Perché — spiega Tronca — lo dobbiamo ai romani e ai dipendenti dell’amministrazione: dobbiamo far vedere che certe cose si possono fare se si vogliono fare. Sono stupito — continua il prefetto — del fatto che non ci fosse neanche un censimento completo degli immobili. Ora — assicura Tronca — gli accertamenti saranno velocissimi». Si cercherà di scovare eventuali abusivi o privilegiati, ma anche i morosi, che, nonostante canoni irrisori, non hanno pagato nemmeno quelli. Tutte le verifiche del caso sono state affidate alla Guardia di Finanza. Terminato il maxi-censimento, la Corte dei Conti si troverà a dover calcolare il danno patito dalle casse del Comune per la pessima gestione del suo sterminato tesoro immobiliare. A rischiare di più sono soprattutto i dirigenti del Comune di Roma, cioè coloro che avevano la responsabilità di gestire emergenza sociale e patrimonio: ora rischiano di finire davanti ad un giudice e perdere il posto. Naturalmente se la scampano i politici, cioè gli ideologi di questo scandalo.

 

A Pomezia affitti da 7,75 fino a 1.302 €
Gli appartamenti di proprietà del Comune di Roma situati nel territorio del comune di Pomezia sono ben 215. Sono localizzati in strade piuttosto centrali: 121 appartamenti sono in Via Federico Fellini, mentre gli altri 94 sono in Via Catullo. Gli importi degli affitti abbracciano un’ampia forbice: 74 famiglie pagano 7,75 euro al mese. Quelle che pagano sotto i 50 euro sono 113. Altre 31 famiglie corrispondono un canone mesile compreso tra i 50 e i 100 euro; 49 famiglie tra i 100 e i 300 euro; 10 famiglie tra i 300 e i 500, altre 10 tra i 500 e i 1.000. Piuttosto cari gli affitti di 2 appartamenti in via Federico Fellini, dove viene imputato un canone di 1.056 e 1.302 euro al mese. Naturalmente le statistiche non tengono conto dei metri quadri degli appartamenti, né tantomeno specificano chi poi abbia pagato regolarmente e chi sia moroso.
 


Articoli Correlati:

2015 Secondo incontro con i sindacati Pomezia, la proposta: canone concordato degli affitti per le riduzioni IUC E’ previsto per il prossimo 23 giugno l’incontro tra l’Amministrazione comunale di Pomezia e le...
2015 Bisogna interrogarsi sui motivi 200 € per affittare casa ad Ardea, a Pomezia il doppio. Un segnale da cogliere La periferia di Ardea è la zona più economica per quanto riguarda gli affitti. E'...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:22 1529256120 Notte di paura alla stazione di Nettuno, danni alle auto e aggressione in casa
18:35 1529253300 Nuova vittoria per i bambini della società sportiva città di Nettuno
14:55 1529240100 Localizzato il corpo del 29enne annegato nel Lago. Problemi per il recupero
14:09 1529237340 Lettini per l'asilo e panchine per Norcia da parte del Comune di Albano
14:06 1529237160 Danni e furto al Liceo Picasso di Anzio, rubate le creazioni degli studenti
14:05 1529237100 Finti poliziotti tentano truffa a turisti tedeschi in vacanza a Nettuno
10:59 1529225940 Lallà Di Silvio tenta il suicidio in carcere, trasferito in isolamento
09:27 1529220420 Festa del rifugiato al parco Falcone e Borsellino: ecco il programma
09:15 1529219700 Paline per monitorare gli spostamenti degli autobus e app per i rifiuti
07:00 1529211600 Coletta, due anni di bonifica. Ora il raccolto. Il punto sul primo biennio
16/06 1529167980 Nettuno, riapre la spiaggia di Torre Astura. Ecco giorni e orari di accesso
16/06 1529167860 Nettuno, grosso ramo crolla in pieno centro. Sul posto la Polizia Locale
16/06 1529167740 Sporcizia ed erba alta, torna il degrado al Parco Palatucci di Nettuno
16/06 1529165280 Aprilia per un pomeriggio capitale italiana del No al gioco d'azzardo
16/06 1529164380 Fermata auto con targa bulgara: aveva documentazione contraffatta. Una denuncia
16/06 1529163840 Ardea riscopre i suoi siti storici grazie all'iniziativa "Come un Archeologo"
16/06 1529163540 Sabaudia non sistema le passerelle ma multa le auto al mare
16/06 1529163060 Villa del cardinale, accordo da 250.000 euro raggiunto tra Comune e gestore
16/06 1529162640 Sei Comuni dei Castelli fanno rete per diventare "Comunità Europea dello Sport"
16/06 1529156760 Sempre più poveri nonostante la ripresa: il rapporto dell'osservatorio diocesano
16/06 1529156220 Successo per la prima giornata di Albano In Salute con Asl, Croce Rossa e medici
16/06 1529156040 A Cisterna il 24 giugno il 7° raduno nazionale Tres Tabernae
16/06 1529146380 Nettunense: tamponato durante la svolta investe l'auto con due anziani. 3 feriti
16/06 1529144040 Esclusiva. Clamoroso alla Fortitudo Futsal Pomezia: entra Alessio Bizzaglia?
16/06 1529143560 Con la droga in casa nonostante fosse ai domiciliari: 54enne ri-arrestato