[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Governo azzoppa le fonti pulite

Lazio a capo delle ‘regioni blocca-rinnovabili’

<
>
TRIVELLE IN ITALIA - Nel Paese del Sole, la Casta favorisce la caccia a petrolio e gas
TRIVELLE IN ITALIA - Nel Paese del Sole, la Casta favorisce la caccia a petrolio e gas
APRILIA, LA TURBOGAS - Classico esempio di fonte non rinnovabile, 
sussidiata dallo Stato, antieconomica e superata
APRILIA, LA TURBOGAS - Classico esempio di fonte non rinnovabile, sussidiata dallo Stato, antieconomica e superata

Il prossimo anno, oltre alle elezioni amministrative a Roma e Latina e in altri importanti Comuni del Lazio, probabilmente torneremo a votare per un referendum. Saranno trascorsi 5 anni esatti da quelli del 12 e 13 giugno 2011 con i quali i cittadini italiani hanno votato a favore dell’acqua pubblica, dello stop definito dell’energia nucleare in Italia e della soluzione del conflitto di interessi che ha caratterizzato la politica italiana negli ultimi vent’anni. Sarà di nuovo l’occasione giusta per ristabilire la volontà popolare, così come prevede la Costituzione italiana. Il nuovo referendum, elaborato in sei diversi quesiti, riguarderà un solo tema: la trivellazione delle coste italiane da parte delle multinazionali petrolifere in cerca di qualche goccia di petrolio e qualche metro cubo di gas per continuare ad alimentare il loro business inquinante e destinato a scomparire comunque. 

RENZI SBLOCCA TRIVELLE
Questa autorizzazione è stata concessa dal governo Renzi con cinque articoli del cosiddetto “decreto Sviluppo” e con uno del decreto “Sbocca Italia”. Quest’ultimo in realtà mertia ben altro nome - “blocca fonti energetiche rinnovabili” - perché propone ancora una volta il vecchio concetto che le fonti fossili (petrolio, gas e carbone), destinate ad esaurirsi, costerebbero meno delle fonti pulite (solari, eoliche, idroelettriche, geotermiche, ecc.) che per loro natura sono inesauribili. Con le fossili, inoltre, rimane la dipendenza da altri Paesi fornitori. Ma vediamo perché torneremo a votare una volta che la Corte Costituzionale avrà dato il via libera ai quesiti referendari: quello preventivo della Corte di Cassazione è dato per scontato. 

SERVI DELLA LOBBY FOSSILE
A depositare i quesiti referendari contro le trivellazioni sono stati i Consigli regionali di dieci Regioni che si affacciano sul mare, guidate da schieramenti di diverso colore: Basilicata (la capofila), Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Le altre cinque Regioni costiere italiane (Toscana, Lazio, Sicilia, Emilia Romagna e Friuli V.G.), tutte guidate dal centro-sinistra, non hanno inteso aderire all’iniziativa per evidenti ragioni politiche. La nostra Regione quindi conferma così la sua storica inclinazione a favore delle lobby dell’energia ‘sporca’: quelle che hanno imposto ai cittadini laziali impianti alimentati con combustibili fossili costosi e inquinanti. Lo dimostra definitivamente un recente rapporto predisposto dal Gestore Nazionale dei Servizi Elettrici su dati forniti da Terna SpA (la società che si occupa della distribuzione e del dispacciamento dell’energia), relativo allo sviluppo delle rinnovabili in Italia fino a tutto il 2013. Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili a livello nazionale hanno raggiunto una quota di produzione pari al 40,2% della potenza complessiva installata (circa 50mila MW): cioè più del fabbisogno giornaliero medio dell’intero Paese (circa 44mila MW). Vuol dire che già adesso le rinnovabili basterebbero a produrre l’intero fabbisogno nazionale, sia di giorno che di notte. 

LA LINEA RENZUSCONI
È un dato apparentemente incredibile, ma che si scontra frontalmente con la scellerata politica energetica seguita dai governi negli ultimi 15 anni. In Italia, infatti, esiste un surplus di capacità produttiva di energia elettrica pari ormai a quasi due volte e mezzo il suo fabbisogno. Questo soprattutto grazie ad un altro decreto dal nome altisonante, lo “Sblocca centrali”, voluto dal governo Berlusconi nel 2003, il quale ha permesso la costruzione di nuove centrali e la riconversione a gas e a carbone di quelle vecchie alimentate a petrolio. Tutti investimenti che non hanno tenuto in minimo conto le direttive dell’UE nel frattempo emanate per far fronte, tra l’altro, ai cambiamenti climatici in corso: investimenti che noi tutti oggi siamo costretti a pagare con le bollette. 
Ma molti si ostinano a dire o credere che la bolletta elettrica sale per colpa degli incentivi alle rinnovabili.

NON RINNOVABILI FUORI MERCATO
Dovendo comunque rispettare gli impegni con l’UE, anche l’Italia ha dovuto avviare politiche di incentivazione delle fonti rinnovabili attraverso i vari “Conto energia”; queste incentivazioni, però, negli ultimi tempi stavano mandando fuori mercato gli impianti alimentati a combustibili fossili, come ad esempio la centrale turbogas di Aprilia e Civitavecchia e quella a carbone sempre di Civitavecchia, e per questo sono intervenuti i vari decreti che prima hanno bloccato lo sviluppo delle rinnovabili ed ora cercano tenere in vita il business perdente delle lobby petrolifere con la trivellazione delle nostre coste. 
L’amministrazione Zingaretti sembra allineata e coperta dietro questa logica, ma presto saranno di nuovo i cittadini a dire come la pensano con il voto, ammesso che siano informati della cosa.

Lazio succube di fossili e rifiuti
L’incentivazione delle fonti rinnovabili con il “Conto energia” ha avuto esiti molto diversi nelle varie Regioni sia nel numero degli impianti che per le caratteristiche degli stessi. Dal rapporto del Gestore nazionale dei servizi elettrici risulta che il Lazio è al 13° posto nella classifica complessiva dell’installazione di tali strutture. Ma è al 2° posto per nuove centrali a cosiddetto "bio"gas ottenuto dai rifiuti organici, foraggiate con grossi incentivi statali. Il Lazio risulta quindi la Regione dove continuano ad andare a nozze sia le lobby energetiche e quelle della “monnezza”. 



Articoli Correlati:

2015 Ansia per l'ecomostro di Albano Nuovi inceneritori nel Lazio: salta piano del governo (per ora) Bruciato, almeno per ora, il blitz governativo 'sblocca inceneritori'. I giganteschi bruciatori di Albano Laziale...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:03 1529744580 Genzano, lo spettacolo al PalaCesaroni con le scuole di danza del territorio
10:49 1529743740 Cade dal motorino e viene investito da un'auto: muore quarantenne di Ardea
09:15 1529738100 Arrestato il 22enne spacciatore del Parco dell'Ombrellina a Frascati
09:09 1529737740 Ennesimo camion ribaltato in curva sulla Pontina: sempre allo stesso punto
09:04 1529737440 Tragico rientro del sabato sera: 20enne muore nell'auto uscita di strada
22/06 1529682720 Evade dai domiciliari, ma nel rientrare a casa di notte sbaglia casa: arrestato
22/06 1529677260 Grave incidente a Pomezia: motociclista a terra dopo l'impatto contro una Bmw
22/06 1529676840 Nuovi parroci in provincia di Latina: ecco le nomine e i trasferimenti
22/06 1529676120 Estorsione e stupefacenti, 4 arresti tra Roma e Marino. C'è anche un Casamonica
22/06 1529675340 Ennesimo suicidio a Lariano: trovato impiccato in casa 39enne padre di 4 figli
22/06 1529672220 Francesco Totti, ecco il libro sul suo congedo dal calcio giocato
22/06 1529671200 Ragazze costrette a prostituirsi ad Aprilia: due rumeni fermati a Latina
22/06 1529669640 Commercianti della rocca di Ardea preoccupati per lo spostamento degli uffici
22/06 1529667300 Emergenza sociale, più italiani che stranieri in carico ai servizi sociali
22/06 1529662980 Nuoto, Master. Campus Primavera Aprilia, cala il sipario sulla stagione
22/06 1529662860 Luca e Genni Guadagnini premiati per i risultati di "Rock per un bambino"
22/06 1529662560 Il caso Tripodi finisce in Parlamento: interrogazione del Pd
22/06 1529661180 Serie A2. Latina Basket, Andrea Patore ai saluti
22/06 1529659500 Cemento ed elezioni, il ‘sistema’ Parnasi al centro dell'inchiesta
22/06 1529659440 Pallanuoto, Under 13 Fascia A. L'Antares Nuoto Latina chiude al 7°posto
22/06 1529658180 Parnasi-Palozzi: Marino2 motore dello stadio. Progetto nodo dell'inchiesta
22/06 1529657160 Rifiuti in fiamme in via della Spadellata ad Anzio, la rabbia dei residenti
22/06 1529657040 Ricaricavano la Postepay senza pagare ad Anzio e Nettuno, fermati in due
22/06 1529656920 Guida 2019 del Gambero Rosso: ecco i ristoranti del Lazio premiati
22/06 1529656740 Abuso edilizio a Nettuno, lettera aperta a Commissario e Segretario comunale